Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Università e depressione

Inviata da Rosa · 25 lug 2016 Orientamento scolastico

Buongiorno, sono una studentessa di 21 anni iscritta in una facoltà che, col tempo l'ho capito, non mi piace. Quest'anno ho dato soli due esami e sto male da mesi, voglio cambiare ma sento che ormai il malessere generale in cui sono caduta mi impedisce di rialzarmi. Prima della crisi andavo abbastanza bene anche se non ero soddisfatta del mio percorso. Avrei voluto lottare per un sogno, ma è come se io il mio sogno non fossi in grado di trovarlo. Sicuramente non è quello che sto vivendo ora. Da mesi, nella mia testa, si è fatta viva l'idea di un'altra facoltà, le materie mi incuriosiscono e interessano molto ma ho un blocco interiore. La paura di cambiare, di ricominciare, la paura di andare a vivere per tanti anni lontano da casa (questo corso di studi non è presente da me), la paura di pesare su una condizione economica familiare che non è rosa e fiori, la paura di fallire di nuovo. Certo, è una cosa che apparentemente mi piace per cui dovrei andare bene ma ciò che mi preoccupa è la perenne PAURA che provo, TERRORE. Ho paura di commettere un altro errore, di tornarmene a casa con la coda tra le gambe, avendo perso anche gli esami fatti a questo mio attuale corso di laurea. La paura più grande però, secondo me, è quella di non riuscire a studiare a causa del mio malessere, sto davvero male. Mi sento una persona che da un lato ha voglia di riprendere in mano la sua vita, di cambiare e migliorare, di lottare per raggiungere la felicità ma che dall'altro ha paura. Ho paura che la mia "depressione", la mia ombra malvagia, se così vogliamo chiamarla, possa farmi visita anche se deciderò di iscrivermi a questo nuovo corso, cambiando vita. Ho paura possa bloccarmi. Non posso però aspettare di risolvere questo mio problema per poi iscrivermi. Settembre è vicino e io sono già anni in ritardo, non posso perderne altri. Quindi come posso fare? Cosa è giusto e meglio fare? Ed inoltre, una persona come me, in un momento molto buio della sua vita, ma che non può aspettare che passi, può permettersi di fare un salto nel vuoto cambiando vita? Cioè mi interessa sapere se una persona depressa può comunque inseguire un sogno e delle idee... Ho paura di trovarmi apatica, malinconica e pagnona anche lontana km dalla mia attuale vita. Ultimamente, piango sempre, sola in camera, sono sempre triste, sola, pochi amici e non mi sento capita. A volte vorrei non svegliarmi la mattina. Dal punto di vista psicologico, è possibile per una persona così, affrontare il cambiamento più importante della sua vita? O me lo sconsigliate? (Sempre tenendo presente la mia condizione attuale).
Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 LUG 2016

Gentile Rosa,
il problema principale che emerge da quanto hai scritto è un mix di confusione, insicurezza, mancanza di autostima e depressione dell'umore.
La insoddisfazione per il tuo attuale percorso di studi e il dubbio sulla opportunità di cambiare facoltà è solo una conseguenza o, se vuoi, un epifenomeno.
Pertanto, a mio parere, rivoluzionare la tua vita senza prima risolvere il vero problema di base sarebbe un grave errore che potrebbe peggiorare la tua condizione psicologica.
Di conseguenza, ti consiglio di non fare per adesso e con troppa fretta il passo azzardato di cambiare facoltà e paese ma di portare avanti gli studi in corso iniziando contemporaneamente un percorso di psicoterapia che ti faccia acquisire più autostima e fiducia in te stessa.
Sono inoltre convinto che l'interesse per ciò che si studia cresce anche approfondendo e padroneggiando gli argomenti senza scoraggiarsi alle prime difficoltà ( e ciò riporta al discorso sull'autostima).
Altri eventuali progetti possono aspettare e se sono davvero importanti saranno magari realizzati in seguito, non a scapito di quanto è già in essere e non prima di risolvere il problema di base.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6840 Risposte

19098 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 LUG 2016

Cara Rosa
stai prendendo tutta la vita in generale come se fosse un gran "mattone" con cose pesanti e problemi irrisolvibili.
Questa visione, a mio parere, ti blocca oltremisura e ti impedisce di procedere e andare avanti.
Occorre che tu faccia scelte nuove con coraggio e con fiducia assumendotene le conseguenze e affrontando tutto con maggior spirito attivo.
Ritornare a sognare è unito a lottare per i propri sogni.
Cerca di comprendere bene cosa vuoi fare nella tua vita e che persona desideri essere e poi vedi come poterti muovere nella direzione scelta.
Confidati anche con la tua famiglia senza dover tenere tutto dentro di te.
La cosa più importamnte è che ti torni una certa voglia di vivere perché mi sembra essere questa la "grande assente".
Un augurio e un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6898 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 LUG 2016

Gentile Rosa, trovare la propria strada o il proprio “sogno”al primo tentativo e’ un’impresa davvero ardua, i sogni necessitano di sbagli, cure, sostegno e sopratutto necessitano di tempo.
Concordo con la collega sulla confusione che emerge dalle sue parole e rispetto alla quale sarebbe importante mettere un po’ di ordine prima di scegliere e sicuramente la fretta non rappresenta un valido aiuto. Dal suo racconto non emerge solo confusione rispetto alla scelta della facolta’ e alla paura del fallimento, ma anche rispetto alla lontananza ed al distacco da casa; inoltre non appare chiara la posizione della sua famiglia: i suoi genitori sono al corrente dei suoi dubbi e paure, cosa pensano rispetto all’ ipotesi di un eventuale distacco da casa? Sarebbero spaventati, dispiaciuti, delusi, la sosterrebbero, capirebbero ...?
Approfondire questi temi con il supporto di un collega potrebbe aiutarla ad orientare la sua scelta e a comprendere le origini di questa tristezza. Non pensi di dover fare tutto da sola, a volte chiedere aiuto e’ davvero la scelta migliore e lei, in parte, l’ha gia’ fatto scrivendo in questo blog, deve solo andare un po’ piu’ a fondo. Buona ricerca...
Un caro saluto,
Dott.ssa Federica Stella

Dott.ssa Federica Stella Psicologo a Ferrara

1 Risposta

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 LUG 2016

Buongiorno Rosa, da quello che scrive, oltre ad una condizione di forte malessere, mi sembra di percepire una grande confusione. A tale proposito, è veramente sicura che la nuova facoltà potrebbe piacerle? Le faccio questa domanda perchè lei parla di raggiungere la felicità, inseguire un sogno, ma è sicura che questo possa essere rappresentato dalla nuova facoltà? A cosa si riferisce quando dice: "è come se io il mio sogno non fossi in grado di trovarlo"?
Credo che prima di tutto dovrebbe riflettere su questi aspetti e su quello che vuole veramente, senza prendere decisioni affrettate delle quali potrebbe non essere sicura e delle quali potrebbe pentirsi. Valuti anche la possibilità di rivolgersi ad uno psicologo che la possa aiutare a fare chiarezza.
Capisco la sua fretta, ma se non è sicura di quello che è il suo sogno potrebbe non raggiungere mai la felicità.

Dott.ssa Erica Tinelli Psicologo a Orte

234 Risposte

305 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 21850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16200

psicologi

domande 21850

domande

Risposte 82350

Risposte