Università, crisi identitaria e futuro incerto

Inviata da Marco · 12 mar 2018 Orientamento scolastico

Buonasera, mi chiamo Marco ho 21 anni e al momento mi trovo a scrivere questo post dopo una lunga giornata di procrastinazione continuata, giornata che invece avrei dovuto dedicare all'ingente quantità di studio che dovrei svolgere.
Dopo un anno passato a viaggiare e riflettere su quale università intraprendere, lo scorso settembre ho intrapreso un percorso di studi all'estero coronando un obiettivo da tempo desiderato.
Da circa il conseguimento con successo del primo esame (novembre) , ho incontrato una progressiva difficoltà nel dedicarmi allo studio fino alla culminazione poche settimane fa con un attacco di ansia/panico che mi ha portato a fare una passeggiata nel cuore della notte.
"L' attacco di ansia" si è presentato durante la notte del giorno in cui avrei avuto un esame che alla fine ho deciso di non dare per evitare figure meschine, data la mia scarsa e quasi assente preparazione.
Come ho detto in precedenza da circa novembre passo intere giornate a procrastinare e generalmente a fare nulla nell'apatia totale: non ho voglia di studiare, non ho voglia di uscire, non ho voglia di andare in palestra, non ho voglia di guardare la televisione e non ho voglia di avere voglia.
Mi sento "svuotato" perché non riesco a reagire a questa situazione, non ho mai contemplato l'ipotesi di "fallire" ovvero l'idea di porre freno all'inerzia intellettuale che mi ha sempre guidato. Non mi sono mai fatto troppe domande su come costruire la mia vita, sono sempre stato guidato dallo studio, mi piace studiare ed è l'unica cosa che mi ha sempre guidato e l'ipotetico fallimento del conseguimento dello stesso mi "svuota".
Un' altra certa fonte d' ansia è l'esser a conoscenza della parsimonia dei miei genitori che mi mantengono e mi pagano gli studi mentre io perdo tempo.
Ho sempre mille pensieri in testa e non riesco mai a fermarli: non riesco ad addormentarmi, quando mi addormento dormo molto ma male e durante il giorno faccio finta di niente.
Quando rinsavisco dall' alienazione apatica ho stati ansiogeni.
Consigli?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 MAR 2018

Caro Marco,
premettendo che in questa sede non è possibile conoscere delle particolari informazioni che sarebbero indispensabile per poter meglio comprendere la tua personale situazione, è indispensabile che in questo momento si possa intervenire sulle manifestazioni d’ansia a cui fai riferimento in modo che tu possa riprendere ad agire in modo funzionale. L’ansia a cui fai riferimento ti porta ad un evitamento che con il passare del tempo compromette sempre più il tuo senso di autostima ed autoefficacia. Ciò che primariamente mi sento di consigliarti quindi, è di rivolgerti ad uno Psicoterapeuta della tua zona per poter intervenire sull’ansia in modo da ristrutturarti in un modo a te più funzionale, ed intervenire per comprendere se ci sono altri aspetti di criticità che in questo momento ti influenzano. Non demordere e cerca di intervenire quanto prima, un approccio Cognitivo Comportamentale potrebbe essere particolarmente indicato alla tua situazione.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1122 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86900

Risposte