Un padre assente può influire?

Inviata da Alex · 18 nov 2019 Terapia familiare

Buongiorno, sono una ragazza di 20 anni. Mia madre, non avendo mai lavorato è stata sempre presente. Mio padre no, è come se non l'avessi mai avuto. È vero, lavorava dalla mattina dalle 6 fino alle 18 di sera, quindi io, non ho mai preteso fosse presente. Però il sabato e la domenica non lavora, volevo che fosse almeno in quei giorni. Invece no, la sua vita era solo il lavoro. Tornava da lavora, mangiava, metteva il pigiama e dormiva. Mio padre è sempre stato assente, in tutti i miei ambiti, molte volte si è dimenticato il mio compleanno. Da bambina vedevo i miei zii, i genitori dei miei amici, giocare con i figli, il mio in 20 anni non mi ha mai abbracciato. Anzi, mi ha sempre umiliato: non so fare niente, non mi sposerò mai ecc, sono una fallita ecc
Ora io sono da due anni in depressione(prendo psicofarmaci) senza mai aver capito la causa. Quindi vi chiedo:
Un padre assente può portare ad avere una figlia depressa e senza autostima? E con una mancanza d'amore?
Perchè è vero, alla fine sono cresciuta, non ne ho bisogno più di tutto ciò. Ma c'è il mio lato bambina che non ha avuto una figura maschile..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 NOV 2019

Cara Alex,
Purtroppo la presenza "assente" di una figura familiare spesso può rivelarsi più dolorosa dell'assenza stessa. Il non essere considerati importanti, e a volte quasi di peso, può lasciare tracce indelebili in una personalità che si forma. Il bambino si chiede: ma se valgo così poco per un genitore che mi dovrebbe amare a prescindere da come sono, quanto posso valere per gli altri che mi sono estranei?
È importante elaborare queste valutazioni errate che possono facilmente tradursi in senso di inadeguatezza che di per sé tende a tradursi in fallimenti nella propria vita. Ma a volte un genitore ama come può, e soprattutto come ha imparato a farlo, e non sempre ciò è in sintonia con i nostri bisogni.
Le suggerisco di affidarsi a un bravo terapeuta e mi creda se le dico che ne trarrà un grande giovamento.
Le faccio j miei più sentiti auguri.
Dott. Panzera

Dott.ssa Jole Anna Panzera Psicologo a Roma

30 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 NOV 2019

Gentile Alex, nella mia esperienza clinica ho avuto modo di constatare, purtroppo, quanti e quali danni può arrecare un padre non sufficientemente valido. Per una ragazza è forse ancora di più che per un ragazzo. Non solo suo padre è stato assente, ma anaffetivo e squalificante. Sarebbe appunto bastato un abbraccio ogni tanto, la sua presenza una sola ora a settimana, e le cose sarebbero state diverse. Più che alla depressione, tutto ciò porta appunto alla mancanza di autostima, di sicurezza e di fiducia in voi stesse, così comuni nelle donne. E, ancor più, mina la capacità di volersi bene. Perché dice di non aver capito la causa? A me sembra l'abbia capito. Come suggerisce la Collega, si prenda spazi e modi per fare un lavoro su di sé con un/na terapeuta che sia empatica e supportiva.
Cordialmente
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

1011 Risposte

425 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 NOV 2019

Buongiorno. Lei ha risposto da sé alla sua domanda. Il genitore del sesso opposto è anche oggetto del primo grande innamoramento. Se non è interessato all'amore della figlia e non lo accoglie provoca un dolore molto grande e la convinzione che non si può essere amati. Cerchi un bravo terapeuta per riscoprire i suoi sentimenti e per farli rifiorire. Allora non avrà più bisogno di psicofarmaci! Pensare che ha 20 anni soffre così tanto mi fà molta rabbia!

Dott. Lorenzo Truffi Psicologo a Perugia

27 Risposte

6 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 NOV 2019

Gentile Alex,
non è possibile stabilire una relazione diretta di causa-effetto tra il rapporto che ha con suo padre e i sintomi depressivi. Noi esseri umani siamo complessi e ci sono molti fattori che insieme concorrono nel generare un disagio psicologico.
Sicuramente la relazione con i nostri genitori influisce su diversi aspetti: sull’immagine che abbiamo di noi stessi e la nostra autostima; su come viviamo e regoliamo le emozioni; su come chiediamo aiuto quando siamo in difficoltà; su cosa ci aspettiamo dagli altri con cui siamo in relazione.
Svolgere una psicoterapia può esserle utile per comprendere che impatto ha avuto su di lei la relazione con suo padre e anche per migliorare i sintomi depressivi di cui soffre. La psicoterapia infatti non esclude l’assunzione di farmaci, anzi è complementare alla terapia farmacologica perché permette di individuare da dove ha origine il disturbo e di lavorare proprio sulle cause del problema (non solo sui sintomi).
Resto a sua disposizione,
Dott.ssa Irene Capello.

Dott.ssa Irene Capello Psicologo a Asti

14 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 NOV 2019

Buongiorno Alex,
la relazione che lei descrive di avere con suo padre sicuramente le ha lasciato dei segni profondi. Si può ipotizzare che la sua (di suo padre) mancanza di affetto, supporto e partecipazione nella sua vita possano avere influito direttamente sul suo senso di autostima e sul suoi disagi emotivi-affettivi. Nonostante ciò, per afferrare la sua depressione è necessario che lei si confronti con uno psicoterapeuta per indagare a fondo nella sua storia di vita e rielaborare le questioni che la fanno stare male. Inoltre, se lei prende psicofarmaci è fondamentale un accompagnamento psicoterapeutico al fine di affrontare la depressione, perché la medicina da sola non agisce sulle cause del disturbo, bensì sollevano i sintomi.

Cordiali saluti,
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

711 Risposte

340 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 NOV 2019

Salve Alex e piacere di conoscerti. Quando si parla di persone, si parla di complessità e quindi stabilire rapporti di causa-effetto a priori è un po' rischioso. Tuttavia, mi sento di dirti, molto anche sulla base della mia esperienza, che la figura paterna (così come quella materna) e il messaggio che questa figura rimanda nella relazione può avere un grosso impatto sui figli.
Tutto dipende dal significato che viene dato a quell'assenza; come il figlio la vive; cosa ci legge dentro, quanto la sente frustrante in funzione dei propri bisogni affettivi. Difficilmente di fronte a un genitore assente, un figlio reagisce bene; è normale; i nostri genitori sono le nostre basi sicure e quando vengono a mancare, in un modo o nell'altro, una reazione da parte dei figli c'è nel cercare di dare un senso a quella mancanza.
Le suggerisco di pensare di intraprendere un percorso psicologico per aiutarla a superare questo suo senso di vulnerabilità che sente come mancanza di autostima e depressione (o tristezza forte?). Un caro saluto, Luisa

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

426 Risposte

470 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18800

psicologi

domande 29950

domande

Risposte 102150

Risposte