Un aggiornamento sulla mia situazione... forse una speranza per me c'è...

Inviata da Anonimo · 29 apr 2021

Scrivo questo post per aggiornare i gentilissimi professionisti di questo forum, soprattutto la Dottoressa Maria Lucrezia Riso che era intervenuta nel mio precedente post:

https://www.guidapsicologi.it/domande/la-pandemia-ha-riacutizzato-la-mia-presunta-dismorfofobia

Oggi non ho la sensazione di mancanza di speranza che avevo il giorno in cui ho scritto quella domanda. Era un giorno in cui mi sentivo molto solo e anche in colpa... perché ho chiuso proprio in quel giorno un'amicizia ultraventennale con una mia coetanea... ma più che amicizia era un rapporto tossico e malato di due persone che non sono ancora riuscite a trovare il loro posto nel mondo.

Questa mia ex-amica vive insinuando sensi di colpa a tutte le persone con cui ha a che fare, a cominciare dai suoi genitori con i quali convive, in particolar modo la madre, io invece sono una persona che si fa i sensi di colpa pure se fuori piove e fa freddo.

Ma proprio in questi giorni ho deciso, esasperato per l'ennesima volta, di chiudere questa relazione pseudo-amicale malata che danneggiava entrambi.

Sono stato molto male in questi giorni per la chiusura di questa relazione, ci conoscevamo praticamente da una vita, ma ho finalmente realizzato che continuare questa relazione mi faceva male, non mi permetteva di crescere, di evolvermi, di essere libero. Aggiungo che fosse come se lei sottilmente volesse farmi implicitamente credere (anche se non lo diceva mai chiaramente a parole) che io non fossi abbastanza uomo rispetto a tutti quelli che le mandavano richieste sulle chat. Preciso che questa mia ex-amica è stata fidanzata solo una volta, in una relazione durata appena 3 mesi, per il resto ha vissuto solo di flirt che non la soddisfavano mai, alla vana ricerca del "principe azzurro", e che non faceva altro che parlarmi di quanti uomini la corteggiassero e la cercassero o di quanto fossimo stronzi (guarda caso sempre e solo uomini conosciuti nelle chat, mai dal vivo).

Era come se implicitamente e con il linguaggio non verbale (anche se a parole sosteneva sempre il contrario) mi avesse convinto di non essere adatto ad avere una relazione con una donna, nonostante riconosco che anni fa alcune ragazze si fecero avanti con me e una di loro mi disse apertamente che voleva stare con me, ma io rifiutai all'epoca le loro avances convinto che volessero solo prendermi in giro. Una di loro, ad anni di distanza, mi confidò che ci rimase male per il mio rifiuto, e pensava che volessi tirarmela o fare il prezioso, in realtà ero solo dannatamente spaventato da una relazione, convinto di essere solo degno oggetto di prese in giro dal prossimo e non di attenzioni positive e gratificanti.

Secondo la psicologa che mi stava seguendo da alcuni anni (con la quale, dopo alcune incomprensioni, poi ci siamo chiariti e riprenderò nel mese di maggio la terapia) questa mia amica ha avuto un ruolo di mantenimento e incancrenimento del mio disturbo nevrotico dismorfofobico ed autosvalutante non indifferente. Per la mia psicologa, essendo la mia amica incapace di riuscire ad avere una relazione sentimentale e delle amicizie stabili proprio per questo suo nutrire le sue relazioni addossando enormi sensi di colpa a chi la circonda, voleva trattenermi a sé, in una sorta di rapporto ambiguo e malato che non era né un'amicizia, né una relazione platonica, né una sessuale, più come una sorta di rapporto di mutua dipendenza dove io ero la parte passiva e accomodante e lei la parte attiva.

Soltanto ora sono diventato pienamente consapevole di questo meccanismo, e ho deciso di spezzarlo definitivamente, soprattutto per il mio bene, ma anche per il suo.

In questi giorni ho contattato e conosciuto alcune nuove persone (tra cui anche il logopedista che mi aiuterà con la respirazione e a migliorare la voce e che mi ha tranquillizzato su molte mie paure irrazionali circa il mio timbro vocale), con le quali c'è stato un feeling immediato a livello amichevole, sento che una nuova vita sta cominciando, o almeno voglio sperare che sia così.


Grazie a chi ha avuto la pazienza di leggere tutto questo lungo papiello!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18150

psicologi

domande 28350

domande

Risposte 97350

Risposte