Trattenere le feci

Inviata da Gaia · 8 ott 2017 Psicologia sociale e legale

Buonasera, mia figlia Vittoria ha 4 anni e mezzo e non riesce a fare la cacca nel vasino/water. La difficoltà è iniziata più di un anno fa nel momento in cui abbiamo tolto il pannolino per la pipì (anch’esso con qualche difficoltà)! Per molto tempo mi ha chiesto il pannolino solo per la cacca alternando periodi di stipsi creando così in circolo vizioso (tratteneva, diventava dura, sentiva dolore e trattenva pur di non sentire dolore!) per un periodo il
Pediatra ci consiglió un ammorbidente delle feci!
inoltre tenendo ancora il pannolino per la notte riusciva a trattenerla tutto il giorno aspettando il momento di andare a nanna sapendo che a quel punto le avremmo messo il pannolino e interponendo così anche la routine della messa a nanna e perdendo dunque il sonno!
Ho cercato di proporle il vasino più volte in questo anno ma senza risultato! Qualche mese fa Ho consultato uno psicologo, il quale mi consiglió di eliminare completamente il pannolino notturno e dare il vasino/water come unica alternativa! Per una serie di motivi sto attuando questo consiglió solo ora con un risultato disastroso! Sono 5 gg che non va di corpo e 4 notti che di notte si sveglia bagnata fradicia di pipì perché non è riuscita a trattenerla!! Abbiamo fatto anche 2 perette che però tra pianti e urli è riuscita a trattenere!!
Io non so più proprio cosa fare... vederla così sofferente mi farebbe anche desistere e tornare al pannolino ma non voglio nemmeno innescare un gioco di potere dove lei pensi che non sono determinata! Ho provato a parlare con lei, a ignorarla (nel senso del vasino), a promettere un premio, a farla sentire grande ma non riesco ad abbattere quel muro!! Ho davvero bisogno di aiuto prima che si finisca all’ospedale per blocco intestinale e si crei un ulteriore trauma!!!
Grazie!!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 9 OTT 2017

Cara Gaia,
Certo il passaggio al vasino/water è un momento molto delicato, ed è giusto che i messaggi che invia a sua figlia siano congruenti e fermi, senza per questo diventare autoritari. Spesso il trattenere le feci, a livello psicologico e dopo aver escluso qualsiasi tipo di difficoltà organica, è la manifestazione del tentativo di riacquistare il controllo su alcuni cambiamenti concreti avvenuti nella sua vita (separazione, trasloco, passaggio dall'asilo alla materna, etc) o l'espressione di una difficoltà emotiva delle figure adulte di riferimento che viene evitato e non affrontato dagli adulti stessi. Per individuare con esattezza cause e motivazioni sarebbe necessaria una anamnesi approfondita. Una consulenza genitori-bambina potrebbe essere utile per indagare le dinamiche relazioni del vostro nucleo familiare e trattare congiuntamente una situazione probabilmente traumatica per tutti i membri della famiglia.

Resto A disposizione,
Dr.ssa Muzio Sara

Anonimo-168276 Psicologo a Milano

28 Risposte

15 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 OTT 2017

Buongiorno Gaia. La piccola Vittoria sta cercando di trattenere l'evaquazione ovvero la perdita di importanti parti del suo corpo, per contro Voi genitori avete risposto con una richiesta maggiore di autonomia, togliendole il pannolino, che Vittoria non ha potuto accogliere. I clisteri rischiano di diventare pratiche invasive, senzaltro risolutive, ma che vi portano a lottare per il controllo.
Suggerisco di fare un passo indietro, accogliere l'emotività e l'emozionalità di Vittoria consentendole di rassicurarsi in orario diurno con il suo pannolino e attendere il suo tempo, finchè potrà soddisfare la vostra richiesta di diventare ancora più grande. In un clima di accoglienza approvazione benessere e calma i bambini possono dare il meglio di Sè stessi, desiderano crescere e soddisfare i loro genitori.
Potreste altresì rivolgervi ad un consulente infantile, con un approccio globale quale quello psicomotorio relazionale, che possa aiutarvi per un breve periodo ad inquadrare la situazione, offrire uno spazio nutriente per la bambina e accogliente per Voi genitori, circa lo sconforto e l'insicurezza che spesso attraversano i genitori.
Un caro saluto,
d.ssa Daniela Fontanesi

Dott.ssa Daniela Fontanesi Psicologo a Savona

7 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18050

psicologi

domande 27800

domande

Risposte 95850

Risposte