Trasloco con bambini di 8 e 4 anni

Inviata da Katia il 30 nov 2016 Psicologia infantile

Buongiorno,
la mia famiglia è composta da me mio marito un bambino di 8 anni ed una bambina di 4. Tra qualche mese ci trasferiremo in un altro paese, non molto lontano da quello in cui siamo ma sarà necessario cambiare scuola, asilo, squadra di pallone ecc. Vorrei un consiglio su come affrontare l'argomento (loro non sanno ancora nulla) e su come comportarmi per aiutarli ad affrontare la separazione da amici, insegnanti, oratorio insomma il loro mondo. Grazie per l'attenzione

Katia

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Katia
la prima cosa da fare sarebbe quella di cominciare a parlarne, soprattutto con il bambino più grande. E' necessario che abbiano il tempo di adattarsi anche all'idea del cambiamento; suggerite loro di esprimere in questo periodo le loro emozioni, senza soffocarle (scrivendo, disegnando, parlandone). Quando sarete in procinto del trasloco, fate in modo che possano salutare i loro amici (una festicciola sarebbe una buona idea) e che possano portar via con sè dei ricordi (anche materiali) della vecchia casa. Se avete la possibilità cercate di mantenere rapporti con qualcuna delle vecchie amicizie, almeno nel periodo di transizione e finchè non si saranno ambientati nel nuovo paese.
Nel caso ne sentiate il bisogno, non esitate a contattare uno psicologo.
Cordialmente

D.ssa Cristina Giacomelli
Lanciano (CH) - Pescara

Dr.ssa Cristina Giacomelli Psicologo a Lanciano

294 Risposte

545 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Katia
anche se il paese è vicino si tratta comunque di un momento molto importante nella vita dei bambini e della famiglia stessa.
E' importante che i bambini inizino ad elaborare mentalmente ed emotivamente l'avvento di questa nuova situazione.
Credo quindi che sia giunta l'ora di parlarne con loro e di spiegare (brevemente e in modo chiaro) i motivi di questa scelta in modo che il bambino più grande si senta coinvolto positivamente.
Per il piccolo...diciamo che "assorbirà" più che altro l'atmosfera emotiva famigliare.
Qualora i bambini dovessero manifestare tristezza o esprimere, anche a parole disagio per il senso di perdita di amici o situazioni, non vanno disconfermati ma accolti nel loro sentire interiore, cioè va detto loro qualcosa come: " Comprendo il tuo stato d'animo" , è bene che loro possano esprimere liberamente anche sensazioni negative; poi piano piano le stesse lasceranno il posto a nuovo entusiasmo e senso di scoperta.
Parlo anche da persona che nell'infanzia ha fatto tanti trasferimenti, quindi sò bene che è molto importante questo punto, cioè, ripeto: accogliere e ascoltare con attenzione le emozioni e le paure a riguardo del cambiamento e della perdita di amici e situazioni note.
Poi piano piano, si parlerà anche delle nuove cose belle che ci saranno.
Spero essere stata d'aiuto
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6695 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Prova a vedere e a far vedere il cambiamento come un'opportunità e tutto sembrerà più leggero. La paura è sicuramente più dei genitori, i bambini si adattano molto facilmente se il clima in famiglia e sereno e carico di affetto.
Opportunità di nuove amicizie, nuovi luoghi da esplorare e una nuova casa da personalizzare, senza necessariamente dover abbandonare le vecchie amicizie, che se sincere, ci accompagneranno per tutta la vita. Tra l'altro il trasloco non è lontano da dove siete ora per cui tutto è più facile.
Einstein diceva: "se una porta si chiude, si può sempre riaprire, le porte sono fatte per questo".
Buon tutto.

Dott.ssa Guidoni Lucia Psicologo a Pistoia

24 Risposte

16 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Katia
Per aiutare i suoi bambini ad affrontare il nuovo imminente cambiamento ritengo sia importante che affrontiate quanto prima l'argomento in modo da concedere loro del tempo per distaccarsi dalla loro attuale casa e scuola. Le può chiedere di scegliere quelle cose che vorranno portarsi via in ricordo. Inoltre potrebbe organizzare Una festicciola con gli amici più vicini in modo da salutarsi per bene. Dopo il trasferimento sicuramente sarebbe buona cosa mantenere certi legami se possibile.
Essendo il trasferimento un evento difficile per tutti metta in conto dei comportamenti di regressione nei suoi bambini e cerchi quindi di essere comprensiva. Se poi ha bisogno di un esperto che la accompagni in questo passaggio non esiti a contattare uno psicologo dell'infanzia.
Saluti
Dott.ssa Serena Costa psicologa dell'infanzia Trentino

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Katia,
Credo che la cosa migliore sia spiegare ai bambini le cose come stanno. Spesso tendiamo a non voler parlare ai bambini pensando di proteggerli, in realtà percependo che comunque qualcosa non va lì obblighiamo ad interpretare e. Ad immaginare le motivazioni sei nostri comportamenti, cosa che spesso gli fa pensare di essere loro la causa. Detto questo credo che oltre che parlare con loro sarà poi importante sia permettergli di esprimere i loro vissuti emotivi, con il gioco e con i disegni in particolar modo, e poi favorire che mantengano un contatto con il loro mondo "precedente" mentre si favorisce l'inserimento nel nuovo così che non sia traumatico.

Dott. Daniele Regini Psicologo a Albano Laziale

134 Risposte

69 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77250

Risposte