Trasferimento lavorativo: avremo fatto bene?

Inviata da Max · 23 set 2020

Dopo alcuni anni in un'azienda di una grande città, ho fatto richiesta di cambiare sede lavorativa. La scelta è stata dettata da diversi motivi: la città, col tempo, è diventata sempre più invivibile, con servizi carenti, sempre più caotica e disorganizzata; le spese, troppo alte, con qualsiasi imprevisto di salute o tecnico, che ha sempre implicato degli esborsi sanguinosi, dai quali alla fine del mese era difficile riprendersi; la nascita di un figlio, dopo alcuni anni di matrimonio: ancora più spese, a volte insostenibili, l’impossibilità di fare affidamento su qualcuno, in caso di urgenze, in quanto entrambi lavoratori e praticamente soli.
Da qualche mese il cambio si è concretizzato sia per me che per mia moglie. Siamo tornati vicini alle nostre zone d’origine, con annessi tutti i vantaggi che avevamo valutato prima di decidere: migliore qualità della vita, possibilità di poter contare su un aiuto concreto per il piccolo e per altre situazioni logistiche e più banali. Purtroppo, però, non tutto si è rivelato migliore, fattore che pure avevamo immaginato: il contesto lavorativo provinciale, tranquillo fino a un certo punto, ma con logiche ristrettissime e una visione d’insieme molto limitata; le ingerenze di familiari e conoscenti che, giocoforza, influenzano il tuo approccio alla quotidianità. In ultimo, ma forse primo come fattore determinante, l’impossibilità di trovare una sistemazione stabile: nella città di provenienza, avevamo infatti comprato casa facendo dei sacrifici enormi e investendo tutte le nostre risorse. Anche questo, nel trasferirsi, era stato un elemento ponderato con grande attenzione: vendita della casa, praticamente nuova e in una zona appetibile per poterne comprare un’altra, a prezzi notoriamente inferiori, una volta trasferiti. Messa in vendita da un po' di mesi, ma gli eventuali acquirenti, tra crisi dell’immobiliare e pandemia (spesso, una scusa) rilanciano al ribasso, non permettendoci nemmeno di rientrare nelle spese. E dire che non l’abbiamo comprata a un prezzo esoso, né vorremmo venderla a un prezzo fuori mercato.
Come aggravante, il contesto lavorativo si è rivelato peggio di come avremmo immaginato, forse anche in luce delle esperienze avute: vecchio (anche anagraficamente), fossilizzato nel suo localismo, scarsamente stimolante, quando nelle sedi precedenti, chi più chi meno, avevamo legato con molti colleghi, coltivando rapporti che andavano anche al di fuori dell’ambito professionale. Insomma, lavorativamente ci siamo impoveriti e la questione della casa non ci fa affatto dormire sonni tranquilli, perché non sappiamo quanto ancora aspettare, né vorremmo svendere ciò che abbiamo conquistato con sacrificio.
Da parte mia, non nascondo di aver cominciato a pensare di aver fatto un grosso errore, nonostante gli indubbi vantaggi che pur abbiamo ottenuto: più tempo per noi e per tutta la famiglia, meno stress e maggiori attenzioni per il piccolo… Sto anche pensando di tornare indietro, visto che delle possibilità si potrebbero presentare nel medio periodo. Mia moglie, di converso, sembra più razionale e pensa che sia meglio valutare la situazione con pazienza e senza isterismi. A me, tuttavia, comincia a logorare l’attesa nel trovare una sistemazione e la frustrazione di trovarsi in un posto di lavoro che non valorizza minimamente entrambi. Si dovrebbe lavorare in una grande città e vivere in provincia…

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 24 SET 2020

Buonasera Max,
la sua valutazione è scrupolosa e precisa e mette in campo come ogni scelta sia anche una rinuncia. Si acquistano alcune cose e se ne perdono altre, cose che per ognuno hanno un peso diverso e specifico. La soluzione pare quella conclusiva, che lei stesso si dà, come tentativo di avere solo i lati buoni di ognuno dei contesti: lavorare in città e vivere in provincia. In realtà anche questo comporterebbe un sacrificio in termini di tempo, per via del viaggio da casa al lavoro. Tenga conto che sempre il cambiamento, anche se in meglio e desiderato, mette in difficoltà e richiede adattamento. Forse potrebbe essere utile darsi tempo e non cedere alla fretta. Spesso quando non si è sicuri in merito alla direzione da prendere conviene stare fermi e anche avere fiducia, ad esempio nel fatto che possiate trovare, sapendo aspettare, gli acquirenti giusti per la vostra casa.
In una situazione complessa come quella che lei e sua moglie state vivendo è certamente importante condividere, non trascurate di parlarvi e sostenervi, forti insieme.
Le auguro giorni più sereni e belle novità
Dott.ssa Franca Vocaturi

Franca Vocaturi Psicologo a Torino

426 Risposte

202 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 SET 2020

Buongiorno Max,
dal suo racconto mi pare di capire che lei abbia fatto molte valutazioni e si sia mosso verso qualcosa che le avrebbe reso migliore la qualità di vita. Può sempre capitare di ritornare sui propri passi e rivalutare scelte fatte. Finisce il suo racconto dicendo “si dovrebbe lavorare in una grande città e vivere in provincia”. Questa potrebbe essere una buona soluzione che lei stesso si suggerisce. Valuti attentamente i pro e i contro e agisca di conseguenza.
In questo momento difficile intraprendere un percorso psicologico per capire meglio i suoi desideri potrebbe esserle d’aiuto.
Rimango a disposizione.
Un cordiale saluto.
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

830 Risposte

397 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 36500 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 21250

psicologi

domande 36500

domande

Risposte 124700

Risposte