Transfert con un sacerdote?

Inviata da Vic · 1 mag 2017 Psicologia risorse umane e lavoro

Salve, la mia situazione è un po' diversa dal normale e non so nemmeno se questo è il luogo adatto per trovare una risposta.
Sostanzialmente vorrei sapere come poter gestire quello che credo sia un transfert in un ambito diverso da quello della psicoterapia vera e propria.
Sono una ragazza religiosa e ho conosciuto, nell'ambito della parrocchia, un sacerdote giovane e molto carismatico. È sempre stata una relazione normale, non era un rapporto distaccato ma comunque lo vedevo come un normale prete a cui volevo bene come si può voler bene a un bravo professore o maestro. Purtroppo 6 mesi fa mi è stato diagnosticato un cancro che ovviamente mi ha devastato psicologicamente prima che fisicamente (data anche la mia età -25 anni - , età in cui solitamente si pensa a costruirsi un futuro e non a lottare per averlo, un futuro); i primi tempi ho tenuto tutto dentro, non ne ho parlato con nessuno, ma come era facilmente intuibile dopo qualche mese era diventato insostenibile tenere questo peso per me, così sono andata a parlarne con questo prete. Non ci ho parlato (solo) per aver conforto nella fede quanto per avere un supporto e un po' di empatia. Gli ho raccontato tutto, delle mie paure, della pesantezza di ciò che stavo vivendo, del non saper gestire la tristezza e la rabbia non solo mie ma anche dei miei familiari, ecc. Insomma mi sono completamente "spogliata" mostrandomi vulnerabile al massimo, come peraltro non faccio mai. Da quella prima chiacchierata (cui ne sono seguite altre in cui lui mi dava dei consigli che effettivamente mi hanno aiutata e facendomi sentire più forte e consapevole di poter affrontare tutto), essendo lui comunque una figura che rappresenta una "guida" e un punto di riferimento, ho proprio sentito che il rapporto da parte mia è cambiato. Non so nemmeno spiegarlo bene ma appunto credo si sia instaurato quello che si chiama transfert nelle relazioni paziente-terapeuta. Non ho mai avuto pensieri erotici diciamo, non c'è mai stato nessuna aspirazione da parte mia ad una fisicità con lui, ma il sentimento è molto forte e prima di questa mia apertura non c'era. Il problema è che lui è stato trasferito (già da questa estate sapevamo che se ne sarebbe andato) e ora mi trovo a soffrire seriamente come se portassi il lutto, sento la costante necessità di chiedergli consiglio e di sentirlo (cosa che comunque non faccio perché immagino che anche dove è adesso abbia tanto lavoro ed altre nuove persone a cui pensare). Non sono mai stata così male per qualcuno in vita mia ma razionalmente è ridicolo, non opportuno e inspiegabile soprattutto!
Ecco, mi chiedevo se in una situazione come la mia ci sono dei consigli che potete darmi o degli "esercizi mentali" non so qualcosa per farmi passare questo transfert o farmelo gestire in maniera che non mi faccia più soffrire, che qui già ne ho tanti di pensieri non posso permettermi di star male per un sacerdote!
Chiedo scusa per la domanda molto lunga, ho anche cercato di essere breve a dir la verità!
Grazie mille!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 MAG 2017

Gentile Vic,
questo sentimento che vivi per il sacerdote è consueto quando ci si mette a nudo completamente e quando si condivide con una persona la propria vulnerabilitá.
è chiaro che per te questo sacerdote è una guida importante e forse il tuo disagio è anche legato al suo allontanamento che ha lasciato la tua situazione in sospeso, senza arrivare a risolvere definitivamente le tue difficoltá.
A mio avviso ci sono due strade percorribili a tua disposizione: puoi provare a contattare quel sacerdote e riprendere a vederlo o sentirlo periodicamente, visto che i suoi consigli ti aiutano, condividendo anche con lui questa sorta di transfert che provi, senza farti problemi per i suoi nuovi impegni: anche se non fai piú parte della sua parrocchia, credo che possiate sentirvi senza che ció gli causi problemi, in ogni caso sará lui stesso a dirti se è opportuno continuare o meno a parlarvi oppure se secondo lui è opportuno che ti rivolgi a qualcun'altro. In ogni caso non auto-precluderti la possibilitá di sentirlo ancora, visto che hai riscontrato che parlare con lui ti ha fatto bene. Il transfert è il prodotto di una relazione tra due persone ben precise, in questo caso tra te e il sacerdote che si è trasferito, e andrebbe affrontato e risolto proprio nella relazione che lo ha generato, per cui la scelta che io ti consiglio maggiormente è quella di riprendere a parlare con quel sacerdote condividendo con lui anche questi vissuti, senza vergogna.
La seconda possibilitá che hai è parlare di quel che provi per questo sacerdote con uno/a psicologo/a oppure con un altro sacerdote di cui ti fidi. Se decidi di intraprendere questa seconda strada, suggerisco maggiormente di rivolgersi a uno psicologo, piú che a un sacerdote, perché uno psicologo sa bene come affrontare il transfert, mentre i sacerdoti non sempre.
Non ci sono trucchetti ed esercizi mentali uguali per tutti per farsi passare il transfert. Al massimo puoi ricordare a te stessa che quel sacerdote è stato un valido supporto nei momenti di difficoltá, difficoltá che d'ora in poi dovrai affrontare diversamente da sola. Ma non so se il ricordarti questo puó bastare per far passare il transfert. Continuo a ritenere che la scelta piú opportuna sia provare a parlare col sacerdote e sentire cosa ti dice lui. In ogni caso se questa situazione è difficile da sostenere da sola, non disdegnare neppure il supporto di uno/a psicologo/a della tua zona.
Ti auguro tutto il meglio.

Cordiali saluti,

dott.ssa Elisa Canossa, psicologa psicoterapeuta a Padova e Sustinente (MN)

Dott.ssa Elisa Canossa - Studio di psicologia e psicoterapia Psicologo a Sustinente

726 Risposte

2191 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23650

domande

Risposte 85500

Risposte