Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Terza gravidanza: attacchi di panico e ansia

Inviata da sara il 27 nov 2015 Ansia

Salve, ho un bambino di 3 anni, uno di 12 mesi e sono al 9 mese di gravidanza. Dopo 4 mesi dal parto ero di nuovo in attesa, e ora quasi al termini mi vengono questi attacchi di panico che mi rendono triste perché vorrei avere più energie per fare tutto, e spesso penso al rientro con tre piccolini e al da farsi. Spero che con il parto scompaiono.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Sara,
se lei non può contare sull'aiuto di nessuno dei suoi familiari o di quelli del suo compagno ha ben motivo di essere in ansia per l'incremento di impegno e stress a cui dovrà far fronte.
C'è da augurarsi che queste tre gravidanze siano state programmate e desiderate il che lascia pensare che vi può essere una forte motivazione riguardo alla maternità e alla famiglia e quando è così sicuramente si affrontano meglio i sacrifici e lo stress di dover crescere tre figli piccoli che non le daranno il tempo di annoiarsi.
Qualora queste gravidanze ( specie l'ultima) non fossero state programmate tenga presente che esistono diversi metodi di contraccezione sicuri da utilizzare per una maternità consapevole e responsabile.
Se si dovesse ritrovare in difficoltà e non può permettersi un aiuto esterno non pretenda di fare tutto da sola ma chieda collaborazione in primis al suo compagno e dopo a qualcuno della famiglia che sia più disponibile.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6571 Risposte

18390 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara
con la situazione che descrivi è abbastanza frequente che ci sia una risposta di ansia, a mio parere è anche un' "ansia fisiologica" in qualche modo positiva in quanto volta a prepararti al compito che ti aspetta.
Certo tre piccoli cuccioli in casa, la situazione è impegnativa, ma credo che saprai trovare gli aiuti che ti servono e la piena collaborazione del babbo dei piccoli.
Ti consiglio la lettura dell'ottimo libro di Roberto Albani "Capire tuo figlio" che è un libro davvero illuminante, semplice ed utilissimo vi servirà moltissimo per gestire i tre bambini.
Cerca di pensare in positivo e trasformare questa tua ansia in forza.
Comprendi che la natura stessa ti fornirà le risorse per far fronte a tutto riguardo ai tuoi piccoli.
Tantissimi Auguri.
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6716 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Tanti bambini, così vicini tra loro in termini di età, possono destabilizzarti Sara, perché inevitabilmente ti inchiodano ad un ruolo ben preciso, quello di mamma, annullando quasi tutto il resto, in primis il tuo essere donna. L’ansia ed il panico sostanzialmente nascono da qui, dalla paura nascosta di perdere qualcosa di importante di te, qualcosa che ha a che fare con la tua identità, con la tua stessa femminilità. Perché, tuttavia, allo stesso tempo, così tante volte incinta? Quel ruolo che tanto senti a tratti soffocante potrebbe essere la certezza per te di esistere e di essere amata? Sono domande che vorrei ti ponessi, perché la paura che si fa panico in realtà è desiderio di liberarti da una morsa, e quella morsa è una responsabilità che ti sembra troppo più grande di te, ma che in realtà più grande di te non lo è. Essere mamma significa valorizzarsi come donna, non dimenticarlo, ed anzi essere ancora più ricettiva, anche dal punto di vista dell’eros. Dunque non preoccuparti di essere te stessa fino in fondo. Se fai tutto con naturalità, anche tirare su tre bambini ti sembrerà un gioco da ragazzi. Un abbraccio grande

Dott. Francesco Attorre Psicologo a Barletta

14 Risposte

26 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Sara,
servirebbero delle informazioni in più per poterle dare risposte esaustive:
questi attacchi di panico di cui parla quando si presentano? in che modo di manifestano?
che tipi di pensieri compaiono poco prima di questi attacchi?
al di là delle precisazioni sui suoi sintomi, ricordi che la gravidanza cambia molto l'assetto ormonale di noi donne, per cui gli stati emotivi si alterano moltissimo. Certo ciò non toglie che le sue preoccupazioni sono oggettive, crescere tre figli non è un lavoro facile per nessuno. Ma si fermi un attimo a riflettere: come è riuscita con gli altri due figli? che risorse ha attivato per gli altri suoi due figli? che abilità ho dovuto mettere in campo?
rifletta su questo e vedrà che ha dovuto utilizzare moltissime sue risorse, risorse che l'appartengono, sono già lì...quindi non dimentichi che ha tutte le abilità per fronteggiare lo stress di un nuovo arrivo, perché ne ha già avuto la prova con gli altri due figli.
Per il resto, se ci da altre informazioni potremmo dirle qualcosa di più.
Cordiali Saluti,
dott.ssa Francesca Giuliano

Dott.ssa Francesca Giuliano Psicologo a Marcianise

9 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara,
la componente fisiologica è fondamentale come lei saprà essendo alla terza gravidanza, certo che 3 anni e 12 mesi sono entrambi periodi impegnativi nella crescita dei figli, quindi, da madre premurosa sta riflettendo su come fare dato che fra poco arriverà il nuovo componente della famiglia. Purtroppo però questi pensieri che anticipano il momento, invece di essere utili all’organizzazione, stanno innescando in lei un meccanismo di ansia anticipatoria che la manda nel panico e accende la miccia dello scompenso emotivo dato dagli sbalzi ormonali; provi a sostituire i pensieri sul come farò dopo con i pensieri del qui e ora : chi mi sta vicino, con chi oggi posso parlare, su chi già da ora posso contare. Certo che fare tutto da soli è una pretesa gigantesca con tre figli piccoli, ma mi domando, è una pretesa sua o corrisponde alla realtà? C’è un compagno accanto a lei? Ci sono nonni? Zii? Amici? Strutture a cui poter ricorrere? Se la risposta a qualcuna di queste domande è affermativa, bene, allora gioco di squadra! Sono sicura che se ben dosate e supportate le sue energie saranno sufficienti ad affrontare la stanchezza inevitabile dell’essere mamma così impegnata.
In bocca al lupo!
Cordiali saluti.
Dott.ssa Elisa F. Chicchi

Dott.ssa Elisa F. Chicchi Psicologo a Figline Valdarno

33 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sara tutti i suoi dubbi e le sue ansie sono comprensibili...tuttavia si ricordi che rimangono tali, le paure che affliggono l'uomo riguardano sempre e solo i pensieri sulle situazioni e mai le situazioni in se'; dalla quale potremmo aspettarci qualcosa solo nel momento in cui vengono vissute.
Il mio consiglio è si "sforzi" di pensare di meno e di agire di più, ora in attesa del parto lo faccia nei limiti del possibile. Si ricordi che la vita è fatta di esperienze, questa con 3 piccolini è una di esse, lei e suo marito la vivrete condividendola.
Se in prosieguo gli "attacchi di ansia" di cui ha brevemente parlato si dovessero ripresentare le consiglierei di intraprendere un percorso di colloqui psicologici allo scopo di comprendere al meglio questi aspetti di sè.
Cordiali saluti.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao,
certamente la terza gravidanza è arrivata in un momento molto impegnativo per te che già ti dovevi dividere tra due bimbi i quali entrambi richiedono una enorme attenzione da punto di vista fisico, ma ancor più psicologico. Ritengo, anche se ti può arrivare come una magra consolazione, che la tua angoscia è quanto di più ovvio ti potesse capitare. Bisogna che ti riorganizzi nel migliore dei modi. Chi può materialmente collaborare con te? Non dai sufficienti informazioni in questo senso e credo di poterti dare qualche saggio suggerimento, soltanto se a breve mi farai conoscere il tuo contesto familiare.Importante è che tu ti liberi dell'ansia ed è per questo che ti invito a ricontattarmi. Se vuoi anche telefonicamente e per ora,senza impegni particolari, data l'emergenza.
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

618 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara, comprendo bene il suo malessere. La maternità è una fase delicata da gestire e comporta molti sconvolgimenti e stress psico fisici da affrontare. Con 2 bambini così piccoli le sue sensazioni e il suo disagio possono essere amplificati perchè questo da un lato comporta una stanchezza maggiore nel dover riuscire a gestire nel migliore dei modi la famiglia e, dall'altro, l' ansia al solo pensiero di non essere in grado di effettuare questo compito così importante (come l'arrivo del nuovo figlio e la gestione dei suoi bambini) da sola. Questi attacchi di panico che lei descrive occorrono che siano contestualizzati; ossia: quando si verificano? come si presentano? Lei non parla del suo compagno o marito, per cui rispetto il suo silenzio verso questo aspetto. Le consiglio però di appoggiarsi a persone a lei care: amici, famiglia, altri madri che conosce, affinchè la possano sostenere in un momento così delicato come quello che lei sta attraversando: renda partecipe anche loro dei suoi sintomi e delle sue paure. Spesso il relazionarsi con altri e il confidarsi (con persone fidate e che le vogliono bene) può essere considerata una buona soluzione per affrontare tali problematiche. Se il problema persiste in modo eccessivo e ripetitivo, le consiglio di rivolgersi ad uno specialista che le possa proporre un trattamento adeguato al suo caso.
Mi faccia sapere.
La saluto cordialmente
Dr.ssa Godioli

Dr.ssa Gloria Godioli Psicologo a Pavia

31 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara, avere due bimbi piccoli e uno in arrivo da crescere metterebbe ansia anche alla più dedita delle madri. Comunque al termine di una gravidanza ci si sente molto più fragili emotivamente, ed è fisiologico, perchè il corpo e la mente si preparano ad accogliere un esserino piccolo e fragile: è la natura che prepara la madre ad accogliere il cucciolo e attiva dei canali emotivi per comprenderlo meglio. Tenga presente che questo sarà un periodo di sbalzi emotivi legati anche agli sbalzi ormonali tipici del parto. Per quanto riguarda l'aspetto più organizzativo e pratico di gestione dei bimbi, si faccia aiutare da più persone possibili, e non si faccia scrupoli a chiedere aiuto pratico, in alcuni momenti della vita è necessario. Renda partecipe il suo compagno di come si sta sentendo, magari anche da lui potrebbero arrivare dei buoni suggerimenti pratici. Approfitti anche degli amici se si offrono di aiutare, farli sentire utili vi può avvicinare e creare un terreno di scambio reciproco che porterebbe benessere a entrambi.
Si concentri sulle cose pratiche e organizzative, tenga presente che avrà dei mesi impegnativi sotto tanti punti di vista e non esiti a chiedere aiuto. Ma si ricordi anche che sono periodi e come tali passeranno. Si armi di tanta pazienza, ce la farà sicuramente!
Se dovesse aver bisogno non esiti a contattare anche uno psicologo.
Cordialmente
Claudia Vian

Dott.ssa Claudia Vian Psicologo a Mirano

49 Risposte

50 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77850

Risposte