Terapia insoddisfacente

Inviata da snefru · 23 giu 2020 Psicoterapia

Sono una ragazza di quasi 18 anni e a dicembre 2019 ho iniziato a recarmi da una psicologa. Dopo alcune sedute, tra anamnesi e questionari per inquadrare le mie problematiche, la psicologa ha ritenuto necessario affiancarsi anche una psichiatra per iniziare una terapia farmacologica (questo a febbraio 2020, poco prima dell'esplosione covid). Soffro di attacchi di panico e ho un'ansia che tende a manifestarsi molto anche sul piano somatico giornalmente (vomito, problemi di stomaco), poi bisognava approfondire una sospetta depressione o forma di adhd. La dottoressa avrebbe dovuto stilare diverse diagnosi, ma non si è fatta viva fino ad ora, ma tra qualche settimana andrà in vacanza. Ho vissuto un inferno in questi mesi, non riuscivo a seguire le mie lezioni e ho iniziato a sviluppare problemi di insonnia sempre più gravi (ho iniziato a prendere con scarsi risultati del Delorazepam sotto recente consiglio della psichiatra). Nel frattempo, ero solita collegarmi con la psicologa su skype, ma ho notato che in realtà la terapia con lei sta solo peggiorando il tutto. Spesso si pone in una maniera che io percepisco come sgarbata, si rifiuta di soffermarsi o cerca di sviare alcune tematiche serie di cui io, invece, vorrei parlare, sminuisce sempre tutto ciò che dico. Sono stufa di entrambe le dottoresse, mi provocano un malessere non indifferente dopo ogni seduta. Dovrei provare a cambiare anche se ho iniziato da poco la terapia farmacologica (devo ancora approfondirla per le altre cause, ora sto cercando solo di curare l'insonnia)? Nel caso, potrei direttamente scegliete un'altra psichiatra senza dover aspettare la decisione della nuova psicologa e proseguire direttamente la terapia con loro dopo alcune semplici sedute di anamnesi? Penso di essere arrivata al limite, non so cosa fare.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 29 GIU 2020

Gentilissima,
Se può aiutare io terrei separati i due percorsi: quello farmacologico e quello psicoterapeutico. Come va con il Delorazepam? ha aiutato con l'ansia? La psichiatra è in grado lei stessa di fare una diagnosi e, da quello che lei dice, non ha messo l'antidepressivo. Questo mi fa supporre che non ne abbia ravvisata la necessità. Buon segno!
Per quanto riguarda i colloqui, premettendo che il COVID non ha aiutato nessuno e ha costretto tutti noi a reinventare il modo di lavorare, almeno fino al 18 maggio scorso, mi sembra che il tempo per arrivare ad una diagnosi da condividere con lei sia stato sufficiente. Potrebbe chiedere alla sua attuale terapeuta delucidazioni in merito e poi, se la risposta che ottiene non la aiuta, il mio consiglio è di trovare uno psicoterapeuta che la aiuti ad emergere dallo stato di confusione che trapela dalle sue parole. Credo anche che oggi si possano fare i colloqui di persona che sono molto più efficaci.

Dott.ssa Giuliana Gibellini Psicologo a Carpi

101 Risposte

85 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 GIU 2020

Gentile S., sei molto giovane ma con un alto livello intellettivo ed una buona consapevolezza. Mi dispiace che tu sia caduta in mani che mi sembrano non troppo esperte. D'altro canto la tua problematica non è semplice da gestire, richiede tempi lunghi. Ma data appunto la tua giovane età hai tutto il tempo di fare un buon lavoro su te stessa. Per prima cosa devi sentirti libera di decidere da chi andare o non andare. In secondo luogo vedrei molto utile per te una terapia a carattere "detensivo" usando il corpo. Può essere lo yoga, la meditazione, la danza, o semplicemente andare a correre. Pensaci! Anche sul versante biologico, se i risultati sono scarsi, proverei dei semplici rimedi naturali (magnesio, melatonina, fitoterapia) a piena dose suggeriti da un buon medico olistico.
Resto a disposizione
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

889 Risposte

367 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 GIU 2020

Buonasera, il tuo desiderio di sentirti accolta e ascoltata in terapia è sano e legittimo. È anche vero che è un percorso e richiede tempo prima di poter sperimentare un cambiamento positivo, nelle prime fasi in particolare si riattivano emozioni e ricordi che possono essere spiacevoli. Purtroppo non posso sapere se questa è una fase di sofferenza "necessaria" a star meglio o se si tratta di non aver trovato sintonia con le dottoresse. Credo che potresti provare a parlare con loro di come ti senti e se non trovi nessun tipo di rassicurazione a quel punto rivolgerti a qualcun altro.

Anonimo-179487 Psicologo a Pescara

7 Risposte

2 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GIU 2020

Buongiorno. Nella relazione terapeutica è fondamentale nutrire fiducia e sentirsi a proprio agio. Quando questi ingredienti mancano, è più difficile ottenere risultati e lo spazio della terapia diviene saturo di emozioni che non hanno a che vedere con il percorso personale. È comprensibile la frustrazione che si prova quando si porta una sofferenza che è umana e soggettiva e si riceve una risposta perlopiù categorizzante e oggettivante come quella della mera diagnosi, che comporta, tra le altre, il mancato riconoscimento di temi per Lei significativi, sacrificati sull'altare della ricerca di indizi che confermino un'etichetta. Valuti la possibilità di parlare apertamente e con trasparenza alle professioniste spiegando le Sue difficoltà. In questo modo potranno dirLe al meglio come procedere e potrete decidere insieme se vale la pena rivolgersi ad altro professionista o se le difficoltà che sente sono, ad esempio, correlate A modi di essere nel mondo oggetto dell'indagine terapeutica. A disposizione, cordialità. DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

584 Risposte

414 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GIU 2020

Se non stai bene nella relazione terapeutica non è necessario che tu debba continuare a starci. Io direi di contattare una psicologa e individuare con lei come procedere.
Per qualsiasi chiarimento potresti contattarmi in privato.
Cari saluti,
Dottoressa Gilda Chiaromonte.

Dott.ssa Chiaromonte Gilda psicologa psicoterapeuta Psicologo a Sannicandro di Bari

21 Risposte

16 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GIU 2020

Ne parli con i suoi genitori, prima di tutto.
Per darle una risposta precisa, sarebbero utilissime altre informazioni
Se ne sente la necessità, può liberamente contattarmi, insieme ai suoi genitori
Dott. Masucci A.

Dott. Armando Masucci Psicologo a Avellino

144 Risposte

125 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GIU 2020

Buongiorno,
lei è molto giovane ed è estremamente importante che si prenda cura di sé, andando a fondo delle sue problematiche di ansia e trovando la sua strada verso la guarigione. Quello che posso dirle da psicoanalista è che per avviare un percorso psicologico è fondamentale che scatti il transfert tra paziente e analista. Sarebbe opportuno parlarne liberamente con la sua psicologa per trovare eventualmente un'altra soluzione. L'ansia si può curare, ma è importante che intraprenda un percorso per rielaborare il suo vissuto. La strada può essere tortuosa e a volte lunga, ma se ci lavora con costanza può raggiungere la sua serenità. Per il momento non sospenda i farmaci, ma valuti con un professionista la possibilità di eliminarli e di curarsi attraverso un percorso differente.
I disturbi dell’ansia sono di pertinenza della clinica psicoanalitica. Le emozioni sono state affidate al trattamento degli psicofarmaci ed alle sostanze inibenti che rendono il soggetto più conforme ai comportamenti prestabiliti, ma invece bisogna parlarne e lavorarci sopra con un professionista.
Rimango a disposizione.

Un cordiale saluto.
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

471 Risposte

198 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GIU 2020

Gentile utente
Non sono una psichiatra pertanto sotto il profilo farmacologico non posso entrare nel merito. Nemmeno sull'operato della sua terapista che se ha pensato di procedere in tal modo è perché probabilmente ha ritenuto opportuno così.

Tuttavia mi sento di dirle di esprimere quanto sente direttamente alla sua terapeuta con tutta onestà e autenticità e chissà che non aiuti entrambe a focalizzare gli incontri su ciò che per lei è davvero importante. Le parli apertamente e se ritiene di non voler continuare la relazione è fuori di dubbio che possa cambiare quando vuole. Se ha bisogno di consigli mi contatti.

La saluto cordialmente

Dott.ssa Jessica Agnelli Psicologa Psicologo a Pescara

45 Risposte

13 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GIU 2020

Salve. Se sente che il suo percorso terapeutico non le crea benessere e soddisfazione, come già consigliato dal collega, forse dovrebbe apertamente parlarne con i professionisti che la seguono e condividere con loro come si sente e perché. Comunicare in modo assertivo i propri bisogni,necessità e sensazioni è importante soprattutto nel rispetto verso se stessa. Si ascolti e non si giudichi per questo. Ci tengo a dirle che una buona relazione terapeutica è essenziale per la buona riuscita terapeutica. Le auguro una buona giornata.

Dott.ssa. Laura Paniccià Psicologo a Porto Sant'Elpidio

12 Risposte

12 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GIU 2020

Buonasera, se sente di non essere soddisfatta del modo in cui sta andando la terapia penso debba parlarne con loro e cercare altre soluzioni. Se ha bisogno di consigli in tal senso mi contatti

Psicologo Psicoterapeuta Dott.Massimo Lombardo Psicologo a Marsciano

1 Risposta

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicoterapia

Vedere più psicologi specializzati in Psicoterapia

Altre domande su Psicoterapia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84200

Risposte