Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Temo il contatto con persone nuove

Inviata da sandro il 18 feb 2013 Relazioni sociali

Gent.mi psicologi,

per lungo tempo ho tenuto per me questo assillo che mi perseguita, parlandone solo con telefoni amici o servizi di volontariato telefonico, ma senza mai ottenere una risposta soddisfacente. Non lavoro da anni e vivo in casa con una persona anziana. Ho 54 anni e sento che la mia vita è finita poiché senza lavoro e contributi finirò certamente su una strada. Recentemente, a causa di questa mia situazione di vita, ho contattato degli evangelici pentecostali, i quali mi hanno chiesto di incontrarli e di parlare con loro, di frequentare la loro chiesa e di vivere una vita più nutriente e attiva. Hanno ragione ma hanno sempre il diavolo nella loro testa e parlano spesso di maligno, di inferno e altre tematiche bibliche che sinceramente mi spaventano parecchio.
Hanno atteggiamenti a volte positivi e simpatici e accoglienti, ma poi io temo che starei male esponendomi a loro e dovrei considerare di fare cose che attualmente non mi sento di fare anche se ho bisogno di aiuto concreto e di gente che mi voglia bene. Il mio problema è che ho paura degli altri e temo di non farcela a chiedere aiuto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Giorgio,
comprendo la difficoltà della sua situazione e la necessitò di sentire sostegno da parte degli altri. Attivare delle consulenze psicologiche, attraverso servizi pubblici quali consultori familiari per esempio, potrà aiutarla ad essere più consapevole di quanto le sta accadendo provando a cercare le risorse personali per superare il momento difficile.
Sperando di esserle stato d'aiuto, le porgo cordiali saluti

Dott. Domenico Navarra

Dott. Domenico Navarra Psicologo a Bari

84 Risposte

29 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Giorgio, così come non ci vergogniamo quando andiamo dal medico di base per chiedere un farmaco, non dobbiamo vergognarci quando abbiamo bisogno di aiuto per la nostra "anima".... O "serenità" o per i nostri progetti di vita...
Capisco la sua situazione e la pesantezza che deve sopportare, ma certamente si può fare qualcosa per migliorare la qualità della sua vita, si rechi al servizio di psicologia della ASL della sua città, troverà certamente dei professionisti che sapranno ascoltarla e condividere con lei le sue preoccupazioni.
Piano piano potrete iniziare un percorso di aiuto e sostegno che magari le fara' trovare una nuova positiva' e soluzioni e alternative a cui prima non aveva pensato...
In bocca al lupo!
Dott.ssa R.M. Scuto

Dott.ssa Rosa Michela Scuto Psicologo a Pontedera

76 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno,
si' anziche' rivolgersi a questi gruppi religiosi sarebbe piu' utile frequentasse un gruppo di auto aiuto relativo a queste tematiche - il lavoro che non c'e', il futuro incerto-. Rivolgendosi a una struttura pubblica, per es un consultorio famigliare puo' avere informazioni su questi gruppi o anche se ha internet certamente trovera' qualcosa. Ha tutta la mia comprensione per la sua difficile situazione, ma in questo periodo di crisi sa bisogna sforzarsi di essere creativi. A volte anche avere un cane e portarlo a spasso puo' essere un modo per conoscere persone e risollevarsi l'umore, doberebbe anche all'altra persona.

Psicologia E Benessere Psicologo a Roma

311 Risposte

174 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

La paura degli altri spesso ha radici profonde e ha un motivo di esistere. Moltissime persone hanno la difficoltà di sperimentare e trovare la loro 'giusta distanza', per non essere invasi e feriti, soffrendo così terribilmente, ma allo stesso tempo per non tenere distanze troppo grandi, chiudersi e quindi trovarsi soli, soffrendo comunque terribilmente. Se il gruppo al quale si è avvicinato ha lati positivi, le suggerisco di 'godere' di quelli, esercitandosi a porre i suoi 'sani limiti' con gli aspetti che la inquietano. Magari non sarà il suo futuro con loro, ma è un inizio .... Naturamente da psicoterapeuta le consiglio di andare a fondo rispetto alla sua paura che, non ho dubbi, ha un senso per lei e l'ha probabilmente molto protetta ... Una cosa che è stata così utile per lei è difficile da lasciar andare ... Un caro saluto

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Giorgio,
oggi ha fatto un passo in avanti nel vincere il suo timore di chiedere aiuto. E' importante in questo momento che non lasci cadere la cosa. Può rivolgersi a psicologi del servizio pubblico della sua città. Potrà constatare di persona la loro disponibilità, di cui sono certa, ad ascoltarla ed aiutarla.
In bocca al lupo
Dott.ssa Cristina Mencacci

Dott.ssa Cristina Mencacci - Psicologa Psicologo a Perugia

366 Risposte

162 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Relazioni sociali

Vedere più psicologi specializzati in Relazioni sociali

Altre domande su Relazioni sociali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19350

domande

Risposte 78350

Risposte