Supporto psicologico

Inviata da DONATELLA · 14 giu 2016 Disturbo dissociativo

Sono la madre di un ragazzo di 30 anni schizofrenico. La psichiatra che lo ha in cura insiste molto sul supporto che uno psicologo, potrebbe darmi per aiutarmi a convivere con questo problema. Io sono molto scettica, voi cosa ne pensate? In che modo la psicologia potrebbe supportare una quotidianità molto difficile?
Grazie.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 GIU 2016

Gentile Donatella la psichiatra ha assolutamente ragione..nei casi di patologie psichiche di un familiare è importante il supporto psicologico per tutti gli altri membri che compongono il sistema familiare. Sarebbe importante oltre una terapia individuale anche un supporto familiare per capire come ognuno di voi vive questa situazione ed esprimere le.vostre emozioni in merito.
Cari saluti
Dott.ssa Barnaba - Taranto

Dott.ssa Barnaba Valentina - psicoterapeuta Psicologo a Taranto

94 Risposte

308 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 GIU 2016

Ciao Donatella,
sicuramente l'aiuto di uno psicologo potrebbe aiutare tuo figlio, anche se la schizofrenia deve essere curata secondo il mio parere attraverso interventi continui e duraturi, per avere piccoli miglioramenti, se vuoi mi puoi chiamare io sono una psicopedagogista.

Psicopedagogista Dott.ssa Maria Cristina Lorusso Psicologo a Cosenza

9 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 GIU 2016

In queste situazioni ha ragione lo psichiatra di suo figlio consigliandole un supporto psicologico che può aiutarla moltissimo perché il parlare e esporre i suoi problemi con uno specialista può aiutarla moltissimo perché potrà darle solo che aiuto.
Buona giornata

Dott. Stefania Rossi Psicologa Psicologo a Viterbo

42 Risposte

13 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 GIU 2016

Cara Donatella,
un supporto psicologico può esserle d'aiuto per affrontare tutte quelle situazioni "difficili" che sicuramente lei già ben conosce. Potrebbe aiutarla a riconoscere le sue emozioni e, di conseguenza, a capire come meglio relazionarsi con suo figlio.

Cari saluti
Dott.ssa Carla Francesca Carcione

Dott.ssa Carla Francesca Carcione Psicologo a Capo d'Orlando

263 Risposte

426 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 GIU 2016

Concordo con le risposte dei colleghi ma sottolineo che più che uno psicologo dovrebbe trattarsi di uno psicoterapeuta.

Dott.ssa Maria Pichi Psicologo a Roma

13 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GIU 2016

Gentile Donatella,
la psichiatra di suo figlio ha ragione e sarebbe anzi auspicabile una maggiore collaborazione tra psichiatri e psicoterapeuti anche per seguire meglio lo stesso paziente schizofrenico che non va considerato irrecuperabile poichè spesso può avere lunghi periodi di remissione della sua patologia.
Quanto a lei e, in genere, ai familiari dei pazienti schizofrenici, è innegabile che vi è notevole stress ed "emotività espressa" per la situazione del congiunto.
Pertanto, in tal caso l'aiuto psicologico può essere molto utile sia per imparare a vivere e gestire meglio le emozioni relative al ruolo di parenti e caregiver di un malato psicotico, sia ad apprendere modalità più funzionali di interagire con lo stesso.
Anche la partecipazione a gruppi di auto-aiuto insieme ad altri genitori con analogo problema confrontando vissuti, emozioni, strategie interattive e terapeutiche, può aiutare molto.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7722 Risposte

21530 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GIU 2016

Buonasera Donatella, le parlo per esperienza personale visto che lavoro con utenza psichiatrica e, dunque, anche con le loro famiglie. Oltre al supporto psicologico individuale, che può servire per la gestione emotiva che, inevitabilmente, è utile in situazioni di questo tipo, le consiglio anche un'altra opportunità. Non so di quale città o ASL lei faccia parte, ma si informi se in qualche struttura pubblica della sua zona sono attivi i "Gruppi Multifamiliari". Questi sono un particolare tipo di strumento terapeutico utilizzato sia in Comunità che in Asl, Cim, etc., in cui partecipano sia i pazienti che le loro famiglie, contemporaneamente. Le posso assicurare che sono uno strumento molto potente e attraverso costrutti psicologici quali il "Rispecchiamento", l'"Empatia", la "Condivisione", etc. etc., si crea un riverberio ed una circolazione emotiva rilevante e, soprattutto, di grande importanza terapeutica, con enorme beneficio sia dei pazienti che dei loro familiari. Se vuole può trovare notizie su questo tipo di gruppo anche su internet; dovrebbe cercare Josè Badaracco, psichiatra, scomparso da pochi anni, che ha creato a Buenos Aires questi gruppi e poi li ha esportati in tutto il mondo, Italia compresa. Ha scritto un libro dove parla di questi gruppi (mi sembra si intitoli "Psicanalisi Multifamiliare", della Bollati Boringhieri e tradotto in italiano dallo Psichiatra Andrea Narracci, anche lui conduttore da anni di questo tipo di gruppi, a Roma). Ribadisco che non è uno di quei "normali", seppur utilissimi gruppi, dove partecipano solo i pazienti o solo i familiari. Qui partecipa il paziente, la famiglia ed i conduttori (spesso, ove possibile, anche gran parte dell'Equipe curante).
Buona fortuna
dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista-Postrazionalista Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo a Roma

738 Risposte

1172 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GIU 2016

Buongiorno Donatella,
in molte circostanze viene fornito supporto psicologico ai familiari di persone malate psichicamente o fisicamente...poichè la condizione di disagio del paziente può compromettere fortemente la quotidianità ma anche il benessere di chi gli sta attorno. I colloqui di sostegno psicologico per familiari sono basati sull'esternazione libera e non giudicante dei propri pensieri ed emozioni, sull'adeguamento delle aspettative (alcune volte si pensa di poter raggiungere risultati non ottenibili oggettivamente, mentre in altri casi le persone ritengono che non ci sia molto da fare quando invece si può ancora migliorare la situazione), sull'accettazione di quanto non è più possibile cambiare e il lasciar andare vissuti dolorosi, focalizzando invece le energie sulla modificazione e il cambiamento di ciò che è ancora possibile; si possono inoltre apprendere nuovi modi di vedere il disagio del familiare e nuove modalità di supportarlo e comunicare con egli. Per riassumere, si, penso che un supporto psicologico possa riuscire a farle vivere la pesante quotidianità in maniera differente, quanto meno con un significato diverso e più arricchente per lei stessa e per la relazione con suo figlio.
Resto a disposizione per maggiori informazioni,
un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi
psicologa psicoterapeuta cognitiva

Anonimo-127163 Psicologo a Fano

319 Risposte

313 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbo dissociativo

Vedere più psicologi specializzati in Disturbo dissociativo

Altre domande su Disturbo dissociativo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 31200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19350

psicologi

domande 31200

domande

Risposte 107050

Risposte