Stress post traumatico e amore

Inviata da Regina · 17 nov 2019 Stress

Buonasera a tutti. Cercherò di essere, per quel che mi è possibile, breve.
Ho conosciuto,un anno fa, un ragazzo del quale mi sono innamorata. Lui è africano, ma, apparentemente, ben integrato nella nostra realtà (ha conseguito una laurea in Italia e lavora in prefettura). Inizialmente andava tutto bene - anche se sin dall'inizio lui mi diceva sempre che, da quando ci siamo conosciuti, lui riusciva a dormire: a questa affermazione, ho sempre risposto che non essendo io il motivo per il quale non riusciva a dormire (non ci conoscevamo ancora), non potevo essere io la "soluzione". Dopo qualche mese ha iniziato a diventare distante e freddo. Al mio incalzarlo, ha risposto che era già qualche mese che non riusciva più ad essere felice, ma che io non c'entravo nulla e mi ha chiesto una pausa - che a malincuore gli ho concesso. Ha iniziato a farsi seguire da uno psicologo, ma il suo isolamento è continuato: chiamate e messaggi sempre più di rado (viviamo ad 800km di distanza, ma, per via di un master, sono stata circa quattro mesi su da lui). Al che gli ho proposto di lasciarci. Lui ha accettato di buon grado - senza alcuna emozione. Dopo mi ha scritto per degli auguri; io gli ho chiesto come stesse, ma le sue risposte rimanevano sempre sul vago. Mi ha chiamato una volta (gli ho risposto cercando di essere il più delicata possibile), ma alle mie seguenti chiamate non c'è stata alcuna risposta, se non "non mi stressare" e "fammi respirare". Dopodiché mi ha bloccato. Ho parlato con un suo amico che mi ha confermato quanto già avevo intuito, ovvero che si tratta di fenomeni depressivi dovuti ad un probabile stress pos traumatico, con implicazioni identitarie, culturali e di integrazione (un percorso che lui non ha mai fatto essendo uscito dopo soli 14 giorni dal centro di accoglienza). Io sono davvero innamorata di questo ragazzo - ed ero sicura lui lo fosse di me - e la differenza culturale, che pure c'è, la consideravo, così come lui, un ostacolo superabile (lo era un po' meno per me quella religiosa, ma lui non è affatto, così come non lo sono io, un praticante). Ora, la mia domanda è: possono il percorso psicologico che sta conducendo ed il viaggio in Africa programmato di concerto con lo psicoterapeuta (a dire del suo amico) aiutarlo davvero? Potrebbe, alla fine della terapia, ritrovare quelle emozioni, positive e negative, che si dice non più capace di provare? Insomma, ha senso che io lo aspetti - nonostante questa apparente chiusura (a me sembra di stare a parlare con un'altra persona, con un muro...di cemento armato e rinforzato)?
Grazie in anticipo per l'attenzione.

Ps:non è passato dalla Libia, ma ha, alle spalle, eventi a mio modo di vedere traumatici per qualunque essere umano.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Psicologi specializzati in Stress

Vedere più psicologi specializzati in Stress

Altre domande su Stress

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 31200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19350

psicologi

domande 31200

domande

Risposte 107000

Risposte