Non puoi recarti in nessun centro?
Trova uno psicologo online
Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Stress dopo aver scoperto della malattia di mio padre

Inviata da Ilaria il 16 set 2016 Stress

Sei mesi fa a mio padre è stata diagnosticata una patologia a causa della quale ha perso la memoria a breve termine e la sua completa autonomia. Vivendo lontana da casa, ho potuto vedere con i miei occhi e vivere la situazione solamente a luglio. È all'incirca da quando vivo la situazione quotidiana che non riesco a sentirmi protagonista di tutto ciò che mi accade quando non sono con lui. Non riesco a dire come mi sento, non riesco a sfogarmi con mia madre perché non voglio sovraccaricarla di altri stress.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno, purtroppo fare i conti con le malattie, specialmente con quella di un genitore e' una delle prove più difficili da affrontare nella vita. La sofferenza che procura può farla sentire senza forze e chiaramente parlare con sua madre è complicato perché anche lei ne soffre. A volte però, trovare un canale "per condividere" quello che state vivendo vi potrebbe aiutare. Le consiglio di rivolgersi a un terapeuta che possa sostenerla in questa fase complessa della sua vita anche per elaborare i vissuti e dargli parola. Dottssa Maria Pizzale

Dott.ssa Maria Pizzale Psicologo a Roma

90 Risposte

42 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

In questo momento sta vivendo un forte stress emotivo, che si è acuito appena è entrata a contatto con la condizione del suo papà. Tuttavia credo che lei cerchi di gestire come meglio può questo, "isolandosi dal sentire le emozioni spiacevoli" che questa situazione innesca dentro di lei. Quello che le accade è una sorta di alienazione e distacco. In questo momento è una reazione che la sua psiche mette in atto per proteggerla, a lungo andare potrebbe però riemergere quanto rimatso congelato. La malattia di un genitore è un evento che sottopone alla dolorosa presa di coscienza che potrebbe lasciarci, e portare tutto il carico di questa condizione, cercando di trattenere e non crollare, può essere davvero pesante. La mia indicazione è quella di trovare uno spazio dove poter metetre tutto quello che prova, e che in questo momento è costipato. Mi riferisco a un percorso psicoterapeutico.
Buone cose, auguri per il papà.

Dr.ssa Claudia Montalbano, psicologa, psicoterapeuta i.f., psicotraumatologa.

Dr.ssa Claudia Montalbano Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Trapani

5 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Ilaria, l'impatto personale, diretto, con la condizione di salute di Suo padre, può essere pari ad un vero trauma. Certo è molto generoso e denota forza d'animo il voler proteggere Sua madre da ulteriori carichi emotivi.
Per Lei sarebbe veramente utile una serie di colloqui, non credo molti, psicoterapeutici, per elaborare e "sfogare" il trauma subito.
Resto a Sua disposizione e Le porgo i migliori auguri per la salute di Suo padre. Oggi la medicina neurologica ha strumenti potenti che potrebbero curare efficacemente la malattia di Suo padre.
Cordialmente. Dr. Marco Tartari, Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

721 Risposte

423 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Ilaria,
è veramente difficile affrontare il momento in cui i propri genitori, per motivi di salute o semplicemente per l'avanzare dell'età, perdono in parte le loro capacità, ci appaiono fragili e bisognosi. È una fase della vita in cui si ribaltano un po' i ruoli e si assume una funzione protettiva nei riguardi del genitore anziano. Anche se non abitassi lontana dai tuoi genitori, dovresti inevitabilmente affrontare i sensi di colpa e di impotenza, nel toccare i limiti che la situazione impone. La sofferenza che si accompagna a questo momento, va riconosciuta e ascoltata, pertanto penso sia importante per te individuare delle persone vicine emotivamente, che possano condividere con te questa fatica.
Cordiali saluti
dott.Alessandra Moranzoni

Dott.ssa Alessandra Moranzoni Psicologo a Varese

21 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Ilaria, il momento che sta attraversando è emotivamente forte, perché il problema di salute di suo padre ha messo in crisi un sistema di certezze di protezione che ogni figlio ha grazie alla presenza genitoriale; oltretutto vivere tutto ciò a distanza è ancora più doloroso poiché probabilmente fa sembrare la situazione in un certo modo irreale. Il mio consiglio è quello di ritagliarsi un po' di tempo da trascorrere con suo padre per poter sfruttare al meglio il vostro tempo e dedicare a se stessa uno spazio di psicoterapia che la aiuti a metabolizzare ciò che le sta accadendo. Un saluto dott.ssa Anna Rita Marchi

Dott.ssa Anna Rita Marchi Psicologo a Cagliari

40 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Ilaria, la comprendo benissimo. Vivere il decadimento fisico dei genitori è quanto di peggio possa accadere a un figlio. Non ha parenti che la possano sostenere? ovviamente non potrà sfogarsi con sua madre, però anche non affrontare la situazione, parlandone, a volte non facilita. Parli pure con serenità con sua madre, cercando insieme una soluzione idonea, cercando aiuti, sostegno. In certi casi è incredibile come le persone siano disposte ad aiutare e a supportare. Provi. Auguri Annalisa Lo Monaco

Dott.ssa Annalisa Lo Monaco Psicologo a Roma

551 Risposte

784 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Ilaria,
verificare e vivere da vicino ciò che è accaduto a suo padre e i cambiamenti radicali in lui a seguito di questa grave patologia ha comportato per lei un vero e proprio shock che ha sconvolto le sue certezze.
E' comprensibile che lei non si voglia confidare con sua madre perchè teme di procurarle altre preoccupazioni e stress ma è assolutamente consigliabile che lei ne parli in psicoterapia per poter elaborare questo trauma.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6778 Risposte

18958 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Stress

Vedere più psicologi specializzati in Stress

Altre domande su Stress

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16000

psicologi

domande 20750

domande

Risposte 80400

Risposte