Storie serie che mi portano ad ansia e paura

Inviata da Claudio · 18 mar 2013 Terapia di coppia

Salve
parte tutto da 6 anni fa in una storia con la mia ex....premetto che ai tempi avevo 18 anni con relativa immaturità.......mi metto con questa ragazza e per un paio di mesi ci vado d'amore e d'accordo dopo che per anni ho inseguito il clichet della storia seria che ti fa mettere la testa a posto etc etc etc fino a che una sera mi "accorgo" di provare ancora un'attrazione fisica e prettamente sessuale per una vecchia fiamma che tanto mi aveva fatto dannare in precedenza.....da quel momento ho cominciato a sentirmi in colpa con la mia ragazza tant'è che tempo una settimana e con la morte nel cuore ho dovuto lasciarla sperando quasi di beccare una bastonata decisiva dall'altra in modo da toglieremela definitivamente dalla testa......chiaramente è avvenuto il contrario e l'altra avendo cambiato idea su di me mi ha messo davanti a una scelta tra cuore e sesso......in un mese ho riflettuto parecchio tanto da desiderare di sparire per non dover fare quella scelta perchè cominciai ad accorgermi che qualunque scelta avessi fatto avrei sentito la mancanza di qualcosa e non sarei stato bene.....finii in depressione vedendo l'impossibilità di raggiungere la felicità che fino ad allora credevo che una storia seria avrebbe saputo darmi.....scelsi di tornare con la mia ex forse perchè nel mio stato d'animo avevo più bisogno di una persona sincera che di una sc....a ma passai un mese di inferno assalito dai peggiori pensieri che un depresso potesse fare....vedevo un orizzonte chiuso davanti a me...la storia seria che tanto desideravo fino a pochi mesi prima ora sembrava una gabbia che impediva alla mia mente di viaggiare...di desiderare magari due belle gambe incrociate per strada senza sentirmi colpevole con la mia compagna.... l'aneddoto è stato lungo ma praticamente quei pochi mesi hanno cambiato la mia vita......da allora tra tira e molla con la mia ex con la quale tornai piu volte dopo averla desiderata durando pochi giorni prima di riavere l'ansia da "orizzonte chiuso" che me la faceva lasciare di nuovo e altre uscite non sono più riuscito a intraprendere una storia seria con nessuna ragazza.....sono una persona totalmente innamorata del gioco della conquista...posso desiderare una persona per tanto...esaltarmi a un suo messaggio o un suo sguardo ma puntualmente se la ottengo vengo assalito da quest'ansia che mi fa desiderare altre persone magari perchè da loro potrei avere solo sesso senza coinvolgimento e senza la responsabilità di far soffrire...forse ho dato troppo importanza all'inseguimento senza aver imparato a godere del premio ottenuto alla fine o forse sono ancora immaturo per prendermi una responsabilità....so solo che così finisco solo per perdere ragazze che a cose normali o prima di conquistarle mi piacevano tanto ma che sotto il filtro della mia ansia perdono l'attrattiva o meglio mi spaventano perchè "colpevoli involontarie" della perdita della mia libertà mentale e sessuale ....un pò come quella che sto frequentando ora riprovando dopo appunto anni di storielle dopo la mia ex e che ho troppa paura di fare affezionare perchè temo di far soffrire con le mie ansie...tra l'altro anche lei è stata mio desiderio per mesi quindi non posso che imputare all'ansia della storia seria questa sua perdita di appetibilità nei miei confronti.. mi scuso per essere stato prolisso e eccessivamente dettagliato e premetto che vado regolarmente da uno psicologo da appunto l'inizio di questo problema ma sentivo il bisogno di esprimere il caso in maniera integrale a qualcuno che non sia influenzato dalla mia conoscenza o che comunque non avendo visto l'evoluzione "a puntate" possa avere un'idea globale del problema e che possa dare un consiglio magari "fresco" e professionale...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 MAR 2013

Non che le storie a consumo mi stufino è che forse nella mia vita ho dato molta...credo troppa importanza a questo fatto di trovare una ragazza o comunque al puro ambito sessuale avendo pochi altri interessi davvero importanti pertanto quando raggiungo questo famigerato obiettivo mi sento spaesato perché non riesco a trovare altro in cui impegnarmi con tanta passione....premetto che sono un laureando in economia e commercio anche se fuori corso però anche nello studio finora non mi sono posto con la stessa foga gli obiettivi necessari ad esempio a concludere il percorso di studio....diciamo che non sono abbastanza appassionato come lo sono nella "ricerca femminile"....magari potrei cercare di appassionarmi a qualcosa veramente....non è un caso che proprio nel mio periodo diciamo di depressione di sei anni fa smisi anche di praticare tennis tra l'altro a livello agonistico.....per quanto riguarda le storie a consumo non che mi facciano schifo è che a volte capita quella persona per la quale penso "ecco con lei non voglio fare sesso voglio altro" pertanto sento lo stimolo di provare a creare qualcosa salvo poi spaventarmi è quindi autosuggestionarmi con quest'idea della gabbia...è più la paura che mi frena in queste situazioni non la reale sensazione di "prigionia"....scappo ancora prima perché temo che la sensazione arriverà ecco....(sono sempre Claudio comunque non so se posto rispondere da qui)

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 MAR 2013

Con lo psicologo è capitato poche volte di avere "sottomano" una mia relazione e poterne parlare visto che eccetto con la mia ex le altre sono state semplici uscite quindi questa volta ci siamo lasciati all'ultima seduta sul proposito di provare poco a poco a lasciarmi andare con questa persona in.modo da non precludermi la bellezza di questo "viaggio" solo per paura della gabbia che mi accerchia e mi mostra una realtà appiattita rispetto alla verità......io facendo una sorta di analisi anche se non ho minimamente mezzi e studi adatti per capirci qualcosa credo che parte di questo disinteresse rapido che mi porta a sentirmi ingabbiato più che legato sentimentalmente sia dovuto a due fattori...in primis sento di aver dato eccessivamente peso al sesso come puro atto fisico il che spesso mi porta a trascurare altri lati della mia compagna magari altrettanto appaganti e interessanti.....inoltre come già scritto amo la conquista forse perché non essendo esteticamente un fotomodello ho comunque dovuto sempre faticare e fare la parte del cacciatore diciamo salvo qualche caso quindi credo di essermi un po assuefatto a questa idea della mia"caccia" e di trovarla più interessante della vittoria stessa.......una cosa che ho notato è che ad esempio quando sono ubriaco o comunque abbastanza brillo (bella scoperta si potrebbe dire :-)) molte mie remore cadono e sono molto più "sincero" con i miei sentimenti e meno schiavo di paure e paranoie....pertanto ciò mi porta a credere che la mia gabbia sia solo una costruzione mentale che non trova riscontro in altre "reazioni" o sensazioni date dal mio corpo

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAR 2013

Buongiorno Claudio,
oltre alla componente ansiosa che caratterizza il suo modo di vivere le sue relazioni affettive-sentimentali, noto anche la presenza di un senso di colpa, che rafforza la sua visione di sé.
Dice che ha intrapreso un percorso con uno psicologo, se ho capito bene 6 anni fa? Nutro la curiosità però sul come mai oggi sente il bisogno di avere un parere "esterno", di raccontare la sua storia a qualcuno di estraneo a lei e al suo mondo di relazioni. Forse c'è qualcosa che non sta funzionando nel suo percorso con questo psicologo e sente l'esigenza di cambiare? Perché ritiene che una conoscenza del suo caso basata sul "racconto a episodi" sia più inefficace e meno utile di un "riassunto generale"?

Cordiali saluti,

Dott. Claudio Stambul

Studio Stambul & Vezzani Psicologo a Firenze

19 Risposte

30 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAR 2013

Egregio signor Claudio,
non siamo tutti uguali e non possediamo tutti le medesime abilità di fronteggiamento delle situazioni. Per questo gli psicoterapeuti dopo una valutazione del problema lamentato e delle caratteristiche sue di personalità propongono un percorso terapeutico concordato ad obiettivi concreti raggiungibili senza farmaci(di solito quelli ad orientamento comportamentale cognitivo) per colmare le lacune e riuscire anche nel suo caso ad intraprendere sorie serie
dr paolo zucconi, psicoterapeuta e sessuologo comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1570 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAR 2013

Caro Claudio, credo che il percorso psicologico che stai facendo sia una giusta scelta di fronte al tuo problema, che fondamentalmente denota una tua paura di un reale coinvolgimento affettivo. In qualche modo qualcosa della relazione ti spaventa, non riesci a fare tue le emozioni di una relazione, temi la perdita di libertà anche se da una parte vivere di "relazioni a consumo" di fatto non ti piace. Probabilmente devi ancora trovare l'amore vero, e sei ancora giovane e con tante possibilità davanti, ma è bene che tu comprenda col tuo psicologo perchè temi così tanto la gabbia, perchè vedi nell'affettività un pericolo e che tu impari a vivere il valore arricchente dell'apertura all'altro nella relazione.

Dott.ssa Chiara Pica - Studio SomaticaMente Psicologo a Grosseto

317 Risposte

365 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte