Sto pensando di lasciare l'università.

Inviata da Beatrice · 9 lug 2020

Mi chiamo Beatrice, ho 23 anni e sono nel mezzo di una crisi universitaria. Ormai è finito il mio primo anno da fuoricorso alla triennale di biologia e ancora mi mancano 8 esami, e tra i più impegnativi. Ho sempre avuto problemi nello studio, fin dal liceo sono sempre stata mediocre ed arrivavo appena alla sufficienza. Ho sempre avuto problemi di emotività e soprattutto di autostima, ed in passato ho sofferto di attacchi di panico frequenti. Ad oggi sto valutando di lasciare l'università, perché non riesco più a sostenere questo peso.
Passo molte ore a studiare, ma i risultati non arrivano mai, ed ogni giorno che passa mi sento sempre più demotivata, e sento che la mia vita è vuota ed inutile. Mi sveglio ogni mattina con la consapevolezza che sarà una brutta giornata.
Nonostante passi le mie giornate sui libri riesco a dare un esame a sessione e molte volte sono costretta a ripeterlo, e di questo passo la laurea la prenderò minimo tra 2 anni, e con la laurea triennale in biologia ci faccio ben poco, ciò implicherebbe una magistrale, quindi altri anni di studio e di agonia e soprattutto altri anni sulle spalle dei miei genitori.
Con i miei genitori ho sempre avuto un buon rapporto, fino a qualche tempo fa pressavano molto sullo studio e non facevano altro che ripetermi che dovevo impegnarmi e finire in fretta, negli ultimi tempi si sono resi conto però che il mio scarso rendimento non dipendesse dalla mancanza di studio, ma un limite che evidentemente ho.
Anche il mio ragazzo (che si è appena laureato) pensa che lasciare l'università sia la scelta migliore per me ed è convinto che troverò la mia strada senza problemi. Ormai per me l'università è diventata una sofferenza, più vado avanti e più sono convinta che questo non è il mio mondo. Sto pensando quindi di lasciar perdere tutto ed andare a lavorare, magari trovarmi un lavoro qualsiasi per mettere da parte un po' di soldi e utilizzarli poi per qualche corso formativo e trovare finalmente la mia strada. Sono stanca di svegliarmi ogni mattina con la tristezza nel cuore, e voglio iniziare a vivere.
Ovviamente questo sarebbe un passo importante e definitivo, e un po' mi spaventata, soprattutto perché non ho mai avuto esperienze lavorative. Sento però che questo passo possa portarmi ad essere felice e soprattutto a riacquistare un po' di fiducia in me stessa, che ormai è del tutto sparita.
Vorrei un parere esperto sulla mia situazione... se sento che non mi rende felice, è giusto lasciare tutto e cambiare rotta?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101250

Risposte