Sto male, non so se lasciarla

Inviata da press. 10 ott 2018 3 Risposte  · Terapia di coppia

buongiorno,
scrivo qui nella speranza di ricevere suggerimenti utili a prendere una decisione.
la storia in sintesi:
io 49 anni , 2 separazioni alle spalle, inizio una relazione con una donna sposata, la quale mi racconta di essere in crisi con il marito da 5 anni perchè il marito, uomo molto in vista, ha amante da più di 5 anni , inizio idilliaco, lei mi racconta che era la prima volta che aveva una relazione extraconiugale, innammorati,, mi sentivo quasi come il suo salvatore da una situazione familiare difficile, tutto era bellissimo e magico ed io le avevo dato tutta la mia fiducia incondizionata e senza riserve, dopo 6 mesi dall'inizio il marito scopri la nostra relazione, diventata troppo ingombrante per essere nascosta, quindi lei a quel punto aveva 2 scelte o rimanere con il marito rinunciando ad incontrarmi per sempre oppure lasciare il marito per andare a vivere da sola con il figlio più piccolo , cosi da potermi incontrare nei fine settimana e progettare una vita insieme (viviamo molto distanti). lei prende la decisione di lasciare il marito.
vedendo la sua determinazione nel lasciare il marito, visto che il nostro rapporto sarebbe andato verso una situaione più stabile e responsabile, ho hackerato la sua posta, telefono , etc. ... so di avere fatto una cosa immorale e sbagliata , ma ero come accecato.
...e scopro che lei fino ad 1 anno prima dell'inizio della nostra relazione, aveva avuto già un amante per 2 o 3 anni, non sono sicuro, comunque minimo 2 anni, inoltre scoprii che aveva anche avuto altre storie molto brevi ed occasionali, incentrate sul sesso , aveva persino progettato insieme al suo ex-amante un incontro con 5 uomini, che sembra non sia stato realizzato perchè l'ex amante aveva rinunciato all'ultimo minuto.
lei dopo essere stata scoperta mi diceva che non erano storie significative , la relazione con l'amante , lei diceva , era durata 2 anni e si incontravano 2-3 ore al mese, perchè , diceva lei, non si voleva innammorare e perdere la famiglia.
nel frattempo lei mi diceva di essere follemente innammorata di me, anche io la amavo e forse la amo follemente, non sono un moralista ed il passato pur doloroso per me è solo passato...
però non riesco a perdonare che mi abbia mentito in modo così brutale, mi ha imbrogliato, raccontandomi più volte che ero la sua prima storia extra-coniugale, che con me aveva fatto cose che non aveva mai fatto prima, etc. etc.
Io sono felice ed infelice allo stesso tempo, non riesco a lasciarmi andare, penso sempre che lei mi abbia imbrogliato, seppure fosse perchè non voleva andassi via, questo mi fa stare malissimo.
Ci incontriamo nei fine settimana, ma il tutto tende ad evolversi in convivenza, vuoi per amore, vuoi perche stiamo benissimo insieme, vuoi per ragioni pratiche (viviamo molto lontano).
per questa ragione ogni volta dovremmo evolverci, io cerco di quadrare il tutto ma non ci riesco, penso che a questo punto ho solo 2 scelte, o trovo dei compromessi convincenti con me stesso per accettare il suo grande errore , fidarmi e fare come se nulla fosse accaduto, oppure lasciarla pur amandoci moltissimo.
tra l'altro più volte ho pensato fosse meglio mettere un punto alla nostra relazione, ma l'amore c'è e questo mi ha frenato, ed obiettivamente soffro parecchio pensando alle sue bugie che conosco e quelle che sicuramente non conosco.
ovviamente forte è il sospetto che lei abbia architettato un piano per lasciare (punire) il marito pur continuando ad avere accanto un uomo che la amasse (io) , insomma usandomi alla grande....
quindi vorrei capire cosa fare....
La lascio o non la lascio?
grazie

Miglior risposta

Buonasera Press,

Capisco i suoi dubbi, paure e anche preoccupazioni. Tuttavia, se è arrivato al punto di invadere in modo violento la privacy di questa donna è perché anche prima non si fidava e non è solo ora che ha scoperto il suo passato. é vero, forse sarebbe stato meglio che lei le avesse detto la verità subito, ma non sempre è semplice, magari aveva paura di deluderla, ferirla o si vergognava. Dopo tutto lei deve giudicare la sua compagna per com'è adesso, per come si comporta con lei e non per il suo passato. Al fine di poterla aiutare sarebbero necessari ulteriori elementi, della sua vita e della problematica di coppia che pone. Le consiglio di intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona, l'aiuterà ad affrontare il momento e risolvere la domanda "la lascio o non la lascio?" che poi si traduce in " di che cosa ho bisogno davvero?, di sanare l'orgoglio ferito o di una donna accanto?"
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, mi scriva
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Press,
capisco la sua difficoltà ad accettare la mancanza di chiarezza e la sensazione di sentir tradita la fiducia riposta in una persona di cui è innamorato.
Tuttavia bisognerebbe capire le reali motivazioni che hanno spinto la sua compagna a nasconderle le precedenti relazioni.
Relazioni che però appartengono ad un passato. Forse dovrebbe focalizzarsi sul presente e pensare che questa donna ha scelto di lasciare il marito per iniziare un percorso di vita con lei.
un supporto psicologico che l'aiuti a gestire il conflitto interiore tra la sua fiducia tradita e i sentimenti profondi per questa donna, l'aiuterebbe in questa delicata fase della sua vita.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Vanda Braga

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

12 OTT 2018

Logo Dott.ssa Braga Vanda Dott.ssa Braga Vanda

1247 Risposte

1047 voti positivi

Gentile utente,
la decisione se perdonare la/le bugie dette e rimanere con questa donna oppure lasciarla non può essere delegata al terapeuta che non può imporre decisioni al paziente ma solo aiutarlo a cogliere i lati positivi e quelli negativi delle diverse situazioni al fine di una migliore valutazione.
Spesso le bugie vengono dette per paura di ritorsioni e perchè non si ha la forza di prendersi le proprie responsabilità ma qui, a mio avviso, tutto dipende dalla sua capacità di tolleranza e dalla residua fiducia che nutre in questa donna.
In ogni caso, le suggerisco una consulenza psicologica dal vivo per approfondire il tutto ed arrivare ad una decisione che non le crei un conflitto interiore che è la cosa più deleteria per il benessere personale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

11 OTT 2018

Logo Dott. Gennaro Fiore Dott. Gennaro Fiore

5430 Risposte

15295 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Perché sto cosi male pur essendo stato io a lasciarla

2 Risposte, Ultima risposta il 09 Settembre 2016

non so se lasciarlo

2 Risposte, Ultima risposta il 23 Novembre 2017

Mi ha tradita, non so nè lasciarlo nè perdonare.

3 Risposte, Ultima risposta il 04 Febbraio 2018

Non so se lo amo , ma non riesco a lasciarlo

2 Risposte, Ultima risposta il 22 Giugno 2016

Sto male, sono sola e non so più che fare

5 Risposte, Ultima risposta il 14 Aprile 2017

Panico quando so che qualcuno sta male

17 Risposte, Ultima risposta il 15 Ottobre 2017

Non so più che fare. Sto male.

7 Risposte, Ultima risposta il 07 Gennaio 2016