Sto diventando insofferente nei confronti di tutti

Inviata da Mimì · 7 nov 2016 Depressione

Buonasera gentile dottore,il titolo dice praticamente tutto. Da un po di tempo tollero a fatica le persone, in particolar modo chi ha davvero tutto ma trova un motivo per lamentarsi. Mi riferisco a situazioni sentimentali o finanziarie. Non molto tempo fa ho attraversato un brutto periodo caratterizzato da apatia,depressione e ansia dovuto principalmente a problemi con l'università. Non tendo a far partecipe dei miei stati d'animo "per tempo", quindi accumulo fino a sbottare in vere e proprie crisi di pianto isterico. Ci ho provato ma le risposte ottenute mi hanno spinta ancor di più a tenermi le cose dentro. Ora,questo periodo nero si è concluso,complice la laurea ottenuta con il massimo dei voti, ma sento che ancora qualcosa non va. Non sento la necessità di tornare dalla psicologa ma allo stesso tempo non capisco cosa mi stia succedendo. Io ero sempre felice,spensierata e adesso sono arrivata ad essere spesso triste, giù di morale( senza mai rendere partecipe nessuno di questo e fingendo, dunque, che tutto è a posto) ed insofferente nei confronti di molte persone, criticona e a volte troppo schietta, rendendomi conto solo dopo che probabilmente avrei dovuto filtrare parecchio ciò che sostenevo. Non mi dispenso dal dare giudizi negativi,dal guardare più al lato negativo di una questione. Sono sempre stata presa poco in considerazione come persona anche dalla famiglia stessa. In poche parole non mi sono mai sentita apprezzata come meritavo (fatta eccezione per il mio fidanzato.Lui crede in me più di quanto io creda in me stessa). Durante il periodo nero mi vedevo circondata da persone che non si interessavano a me semplicemente perchè ,pur vedendomi ridotta ad uno straccio emotivamente,non hanno mai perso 5 minuti per chiedermi "sei sicura di stare bene?". Mi è mancato il sostegno delle persone care e ci soffro ancora. Io ipotizzo che possa essere collegato a questo,ma non sono sicura. Non sopporto l'allegria delle persone nella stessa misura con la quale non sopporto la stupidità/lamentele altrui. Sto odiando il disordine in una stanza,la presenza di troppe persone intorno a me,il chiasso. Come mi devo muovere? Cosa posso fare per cercare di tornare a come ero prima? è necessario un intervento esterno secondo Lei? La ringrazio per l'aiuto e mi scuso per essermi dilungata così tanto. Cordiali saluti.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 8 NOV 2016

Cara Mimi,

le persone insofferenti spesso hanno difficoltà a gestire l'aspettativa mancata. Mi spiego meglio: ciascuno di noi ha delle aspettative sugli altri, sulle situazioni e sui propri risultati, ma non tutti riescono a gestire un eventuale fallimento, ipotizzando un piano b.
Spesso il fatto di non essere stati apprezzati porta a non apprezzarsi e la severità che si ha con se stessi spesso la si proietta anche sugli altri, diventando intransigenti. Prova a lavorare su questo, magari anche con l'aiuto di una psicoterapeuta della tua zona.

un caro saluto

Dott.ssa Monica Salvadore
Psicoterapeuta
Torino

Dott.ssa Monica Salvadore - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Torino

369 Risposte

857 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2016

Gentile Mimì,
lei dice di aver già sofferto di apatia, depressione ed ansia che probabilmente in parte ancora persiste anche se è riuscita a laurearsi a pieni voti.
Fingere che è tutto a posto accumulando rabbia e dando giudizi troppo critici e negativi sugli altri e su se stessa non le sarà di aiuto mentre è certo che il mancato sostegno delle persone care nei momenti di crisi e di difficoltà può causare molta sofferenza.
Il consiglio è di riprendere la psicoterapia tornando dalla stessa psicologa di prima se si è sentita capita e aiutata oppure diversamente scegliendo un altro psicoterapeuta.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7411 Risposte

20814 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2016

Gentile Mimì,
tutti i sintomi che lei ha elencato (ansia, depressione, il non sentirsi ascoltata e gratificata,...) esprimono chiaramente la sua difficoltà di entrare in contatto con le sue emozioni, di cercare di capire il motivo profondo alla base di tutte queste manifestazioni e la sua difficoltà ad affrontarle. Infatti, le soffoca fino al punto di scoppiare. Ogni successo non è tale se non riconosciuto dagli altri e ciò è legato anche a mancanza di autostima. Essere troppi critici con gli altri è mettersi in posizione di vittima (gli altri hanno tutto e si lamentano, allora io che non ho niente cosa dovrei fare?!) ed è una forma di proiezione: è come essere troppo critici con se stessi. Se noi per primi non ci riconosciamo delle qualità, possono vederle gli altri?
Io le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta (psicodinamico) per cercare ed affrontare le cause profonde di questi suoi atteggiamenti e manifestazioni sintomatologiche.
Le auguro il meglio
Cordialmente

D.ssa Cristina Giacomelli
Lanciano (CH) - Pescara

Dr.ssa Cristina Giacomelli Psicologo a Lanciano

294 Risposte

563 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2016

Buongiorno Mimì, parla di un periodo nero che finalmente si è concluso, ma sinceramente da quello che riporta non mi sembra che ora stia così bene. Forse il peggio è passato, ma ci sono ancora tanti problemi.
Dice che prima era felice e spensierata e poi ha avuto un periodo negativo principalmente a causa dell'università. Il fatto che ha ottenuto la laurea a pieni voti è sicuramente un grande traguardo, ma da un punto di vista psicologico può essere difficile gestire quello che viene dopo, soprattutto per una persona che crede poco in se stessa. Cosa sta facendo ora? Quali sono i suoi progetti?

Dott.ssa Erica Tinelli Psicologo a Orte

234 Risposte

311 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2016

Cosa sente o prova, di preciso quando avviene uno di questi episodi che lei non sopporta? Quando ad esempio intorno a lei c'è chiasso o quando c'è chi si lamenta? Quali sono i lamenti che non sopporta e perché? Cominci a riflettere su questo. Il periodo nero di cui parla è lì e forse non sene andato del tutto. La terapeuta che la conosce potrebbe essere una soluzione, ma perché non ci vuole ritornare? Resto a sua disposizione. Cari saluti.
Dott.ssa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

626 Risposte

305 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2016

Cara Mimì,
La situazione che descrive deve farla soffrire parecchio... traspare proprio dal suo racconto.
Mi sembra abbastanza chiara la sua consapevolezza del problema, ma a mio avviso sarebbe utile rivolgersi ad un terapeuta... o quello che l'ha seguita in precedenza, o un nuovo terapeuta per un nuovo percorso che , senza dubbio, potrà aiutarla ad affrontare il tutto.
Resto a disposizione per ogni cosa,
Un caro saluto!

Dott.ssa Marilù Altavilla Psicologo a Ceglie Messapica

110 Risposte

74 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2016

Cara Mimì,
mi sembra che abbia già una possibile ipotesi rispetto a questo periodo, ipotesi che andrebbe eventualmente confermata o modificata. Da quanto scrive mi sembra di capire che sta ancora soffrendo molto per ciò che è successo in passato e per entrambi questi motivi il mio invito è quello di tornare dalla terapeuta con la quale aveva lavorato e ipotizzare un nuovo percorso insieme o, qualora desiderasse ricominciare da capo un nuovo percorso, contattare un altro il terapeuta della sua zona.
Rimango a disposizione.
Cordialmente,

Annalisa Anni
Psicologa Psicoterapeuta Padova

Alternativamente-Centro di psicologia di Annalisa Anni Psicologo a Padova

505 Risposte

928 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18200

psicologi

domande 28400

domande

Risposte 97500

Risposte