Stato di burn out

Inviata da Loly · 13 mag 2016 Burnout

Mi chiamo Loly e sono una ragazza di 20 anni, penso di essere in una fase di burn out: confusione totale, stanchezza e altre cose. Sono seguita da un paio di mesi da una persona che mi gestisce la parte amministrativa ma non ce la faccio più, vorrei togliere questa persona ma non posso.
Cosa posso fare per non peggiorare?
L'unico modo che ho: mi sfogo con alcool e fumo ma vorrei un modo un po' meno doloroso, non voglio rovinarmi la vita

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 MAG 2016

Gentile Loly,
non si capisce bene se la sua fase di stress è causata soltanto da un carico eccessivo di lavoro oppure anche da un cattivo rapporto con la persona che collabora con lei e se questa persona è un suo dipendente o un suo superiore.
Ad ogni modo, concordo sul fatto che alcool e fumo non sono la soluzione al suo problema e le suggerisco un sostegno psicologico con uno psicoterapeuta cognitivo-comportamentale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7510 Risposte

21024 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAG 2016

Buonasera Loly, per darle qualche consiglio di minima utilità, dovrebbe dirci che tipo di lavoro o attività svolge (in genere, le professioni di aiuto sono quelle maggiormente esposte al burn-out). Se non ha possibilità economiche per una psicoterapia privata può cominciare un percorso di aiuto in qualche struttura pubblica. Il burn-out (si dovrebbe anche capire di che intensità si sta parlando, se è all'inizio o se ci si sta confrontando già da un po', etc.) è una esperienza emotiva e fisica, potenzialmente, molto carica. Dunque, se non trattata per tempo e in modo professionale (ovvero non da soli...), potrebbe condizionarla molto nello svolgimento del suo quotidiano (tanto lavorativo quanto privato). Infine, provi a riflettere su come è arrivata al burn-out (sempre che lo sia veramente...non dubito della sua buona fede ma, troppo spesso, si applicano etichette diagnostiche, con estrema facilità), quanto di suo, a livello relazionale, ha messo in quel contesto, e così via.
Buona fortuna,
dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista-Postrazionalista Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

734 Risposte

1146 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 MAG 2016

Come lei stessa dice, cara Loly
sfogarsi con alcool e fumo non è proprio la cosa migliore da fare per poter superare una fase di burn out.
Intanto sarebbe importante comprendere che cosa le è venuto veramente a noia nel suo lavoro e comprendere se è possibile effettuare qualche cambiamento importante in merito.
Forse il lavoro non le sembra più significativo come un tempo o forse è solo logorata dalle relazioni che non sono il massimo.
Per affrontare un Burn out occorre recuperare il senso dell'importanza di quello che si sta facendo.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7325 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 MAG 2016

"Burn out" dice tutto e niente. In realta' la relazione lavorativa con questa persona le provoca dei disagi emotivi che lei non ha specificato e che potrebbero essere ansia,tristezza,senso di colpa o rabbia. Non possiamo cambiare il mondo e neanche eliminare chi ci mette a disagio, ma possiamo intanto comprendere le cause del disagio, da cosa dipende, ed imparare a tollerarle. Alcool e fumo sono metodi comprensibilissimi per limitare temporaneamente l'ansia, ma come lei sa all'inizio funzionano un po' e dopo peggiorano lo stato mentale ancora di piu' (lasciamo stare la salute). Le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapia, ma prima si informi su google circa quali tipi di psicoterapie sono efficaci, molte non servono a niente e servono solo a perdere denaro. Coraggio

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

451 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 MAG 2016

Gentile Loly,
lei sembra essere in una situazione senza uscita o con difficile uscita che le crea stress.
Molto spesso però rapporti personali stressanti possono risolversi piuttosto facilmente con manovre psicologiche, per cui almeno lo stress da rapporto interpersonale potrebbe annullarlo.
Per far ciò è indispensabile farsi aiutare da uno psicologo psicoterapeuta, sia perchè dalle sue poche righe è impossibile sapere i motivi e i modi che rendono questo rapporto interpersonale molto fastidioso, sia perchè i rimedi non si possono mettere in atto con un consulto in questa sede.
Le consiglio la psicoterapia della Gestalt o ad indirizzo strategico.
Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

747 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Burnout

Vedere più psicologi specializzati in Burnout

Altre domande su Burnout

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18600

psicologi

domande 29700

domande

Risposte 100950

Risposte