Sospetta discalculia in bambino di 7 anni

Inviata da Laura e Carlo · 15 nov 2017 Discalculia

Salve, sono mamma di un bambino di sette anni che manifesta delle difficolta' di apprendimento per quanto riguarda la matematica mentre in italiano e' eccellente. Non riesce ad imparare bene i numeri, ha grossi problemi a completare le operazioni anche quelle piu' semplici e a scuola tende ad isolarsi dai compagni. Sono stata da un neuropsichiatra e mi ha detto che molto probabilmente Paolo soffre di discalculia nonostante abbia un'intelligenza nella norma. Mi ha voluto consigliare l'appoggio di un insegnante di sostegno ma io non sono molto convinta perche' ho paura se questo fatto puo' causare nel bambino una bassa autostima dato che lo vedo sempre piu' insicuro e introverso. Mi dice che si sente diverso dagli altri per le sue difficolta', preferisce stare da solo per evitare che i compagni lo prendono in giro, si sente incompreso dalla maestra e odiato dal mondo. Sentendo queste parole io mi sono preoccupata tanto, lo portato da una psicologa per cercare di aiutarlo anche se non e' servito molto. Cosa mi consigliate di fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 15 NOV 2017

Cara Laura, la discalculia è un disturbo molto ben conosciuto. Ci sono centri specializzati sui disturbi specifici dell'apprendimento che possono aiutarvi. Il cervello di un bambino è plastico e con gli opportuni esercizi e ausili si possono ottenere ottimi risultati. E' un disturbo abbastanza comune di cui hanno sofferto anche scienziati famosi. Evitate di patologizzare il bambino. E' solo una difficoltà da superare e il primo ingrediente è la volontà di superarlo. Se gli altri lo prendono in giro non difendetelo, lasciate che impari a difendersi da solo, magari incoraggiandolo ad affrontarli. In questi casi noi vediamo tutta la famiglia proprio perché, opportunamente guidati, i primi terapeuti siete proprio voi.
Cordiali saluti.
Dott. Andrea Bottai

Dott. Andrea Bottai Psicologo a Firenze

22 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 NOV 2017

Gentile signora, concordo con il collega Bottai, che le ha fornito qui una risposta. Aggiungo che esiste una legge specifica per i DSA, come la discalculia. Si tratta della legge 170 del 2010 che fornisce tutte le indicazioni per le famiglie e per la scuola. Partiamo col dire che in seconda elementare non si può ancora diagnosticare né la dislessia, né la discalculia, né alcun altro disturbo dell'apprendimento. La dislessia può essere valutata alla fine della seconda, mentre per la discalculia dobbiamo aspettare la fine della terza elementare. La situazione di suo figlio, quindi non è da "istituzionalizzare", né assolutamente da seguire con una insegnante di sostegno, che come prevede la legge, non si assegna nei casi di DSA, ma solo nei casi di handicap cognitivo. Se le dicono diversamente, non conoscono la legge. Da questo consegue che per assegnare un sostegno, ci debba essere una valutazione di ritardo cognitivo e una certificazione come previsto dalla legge 104 sull'invalidita'. È stata fatta una valutazione cognitiva del bambino? Non credo. Il mio consiglio è di iniziare subito con un aiuto specifico per la matematica, magari trovando una persona qualificata nei DSA, che abbia competenze per potenziare le abilità del bambino e nel frattempo sostenere il piccolo facendogli sentire la vostra fiducia e completa accoglienza. Sono disponibile a fornirle altre indicazioni, qualora ne avesse bisogno, mi può contattare privatamente anche tramite messaggio privato su questo portale. Saluti!
Dott.ssa Alessia Vilei, psicologia clinica, disturbi dell'apprendimento, psicodiagnosi

Dott.ssa Alessia Vilei Psicologo a Merine

24 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 NOV 2017

Gentile mamma,
La discalculia è un disturbo specifico dell'apprendimento che si può diagnosticare attraverso dei test specifici. Non credo di aver ben capito cosa intende il neuropsichiatra quando parlava di probabilità che Paolo abbia questo disturbo, se sia stata fatta un'adeguata valutazione e di conseguenza un progetto riabilitativo per suo figlio. Chi ha un disturbo dell'apprendimento ha un quoziente intellettivo nella norma,ma presenta queste specifiche difficoltà sulle quali si può lavorare per raggiungere un miglioramento. Se ha già una diagnosi fatta dal neuropsichiatra,le consiglio di rivolgersi comunque ad uno psicologo,ad un professionista che possa seguirvi in questo percorso e vi possa consigliare, coinvolgendo anche gli insegnanti, rispetto ad un progetto che posso essere adeguato alle esigenze di Paolo, anche da un punto di vista emotivo.
Cordiali saluti,
Dott.ssa Laura Camastra

Dott.ssa Laura Camastra Psicologo a Castellana Grotte

16 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 NOV 2017

Cara Laura, i Disturbi Specifici della'Apprendimento sono disturbi con origine neurobiological e possono essere diagnosticati in soggetti con intelligenza nella norma. In genere l'insegnante di sostegno viene affiancato solo nei casi più complessi o quando il disturbo è particolarmente severo. Manifestandosi in bambini intelligenti e in assenza di altre significative difficoltà, prima di tutto tenterei un intervento di potenziamento, che può effettuare uno psicologo/a esperto in DSA. Con opportune strategie e l'uso di strumenti compensativi, probabilmente Paolo potrebbe migliorare le sue prestazioni e di conseguenza anche la propria autostima scolastica. Non escluda comunque altre possibilità, seguendo i consigli di un esperto, Saluti.

Dott.ssa Manuela Mariuzzo Psicologo a Monza

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 NOV 2017

Gentile Laura,
Il neuropsichiatra le ha dato un indicazione utile, affiancare al proprio figlio un insegnante di sostegno. Non pensi sia una situazione limitante.
Questa figura professionale è un importante risorsa per le difficoltà di apprendimento nella classe e collabora con gli altri insegnanti per mettere in atto tutte le misure compensative e dispensative per favorire il successo scolastico di suo figlio e di altri bambini.
Un altro importante compito è favorire l'integrazione e la socializzazione di bimbi insicuri e introversi presenti in classe.
Lei ha il diritto di ottenere questi risultati a scuola e far valere la certificazione di discalculia.
Forse a scuola è presente una psicologa scolastica che potrebbe orientarvi e sostenervi, provi ad informarsi.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa





Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2269 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Discalculia

Vedere più psicologi specializzati in Discalculia

Altre domande su Discalculia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17850

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94200

Risposte