Sos relazione finita

Inviata da Angy01 · 3 apr 2020 Terapia di coppia

Salve, sono una ragazza di 21 anni, da due mesi il ragazzo(mio coetaneo) con cui sono stata fidanzata per 5 anni mi ha lasciata. Era qualche mese che la nostra relazione non era più la stessa per via di numerosi litigi dovuti alla mia gelosia,litigi quasi quotidiani, il più delle volte immotivata perché comunque lui non faceva nulla e dico nulla di male ma la ragazza in questione sembrava invece attaccarsi “come una cozza” a lui. Ci sentivamo tremendamente in colpa l’uno nei confronti dell’altra e non riuscivamo a capirci, forse dovevo lasciar perdere e fidarmi solo dei suoi comportamenti e delle sue parole ma non ci riuscivo perché sono da sempre una ragazza insicura e la paura di perderlo era troppa, anche perché a causa di litigi quasi quotidiani vedevo lui allontanarsi sempre di più perché mi diceva che gli facevo passare la voglia di fare il coccolone e il romantico e aveva ragione. D’altro canto so che questa mia gelosia era alimentata proprio dal fatto di non essere più la stessa ai suoi occhi. Lui fino a 3 giorni prima di lasciarmi diceva di amarmi anche se devo ammettere che a Novembre aveva avuto una crisi durata una settimana sulla nostra relazione perché era per lui apatica e abitudinaria ( ho elaborato e analizzato anche questo) ma poi era finita lì. Eravamo tornati gli stessi, o quasi, perché comunque c’erano i litigi e veniva aumentata la distanza tra noi, ma comunque lui mi ripeteva quanto mi amasse ogni giorno fino al 4 Febbraio quando mi lasciò perché non voleva avere più una relazione, perché non voleva fare il fidanzato , voleva stare solo e perché quello che provava per me non era abbastanza da poter avere una relazione. Mi disse non posso amarti, non riesco, non voglio farlo, voglio stare solo. Passato un mese nonostante io abbia provato in tutti i modi a cercare di tornare assieme lui mi dice di non voler tornare perché non mi ama più e perché non vuole avere una relazione.. io ho fatto veramente di tutto per lui in 5 anni e lui lo stesso. Ha frequentato il primo anno di medicina a Roma lo scorso anno, ci vedevamo ogni settimana alternandoci tra chi doveva scendere e chi salire, e quest’anno si è trasferito all’università qui vicina per stare assieme, ha perso la maggior parte degli esami che aveva fatto.. Il trasferimento è avvenuto a settembre, abbiamo passato un’estate intera a studiare per prenderci quello che volevamo, ovvero accedere alla stessa facoltà nella stessa città e stare assieme , lui ci è riuscito io no ma comunque l’obiettivo di stare assieme era stato raggiunto. Ci siamo sempre amati, non abbiamo mai avuto crisi, lo scorso anno è stato un periodo molto forte dal punto di vista emotivo, penso che la distanza ci abbia unito tanto e rafforzato il nostro sentimento perché lo vedevo che ci esplodeva il cuore a stare insieme e ogni volta che dovevamo separarci piangevamo entrambi per doverlo fare. Fino a quando non ha incominciato le lezioni a fine ottobre era tutto ok, sentimento alto, c’erano giorni no indubbiamente ma penso che questo valga per tutte le coppie. I momenti no erano dovuti al fatto che io ero giù per non aver raggiunto per la terza volta il mio obiettivo personale e quindi non stando bene io non riuscivo ad essere la stessa persona solare di sempre con lui. Io sono devastata, mi sento responsabile e tanto triste. Non riesco a reagire, ad accettare e a voler cambiare pagina. Ho paura che lui si possa fidanzare con un altra tanto da non riuscire a stare tranquilla sia di notte che di giorno, non voglio averlo perso per sempre. Ci siamo amati tanto, tantissimo, lui mi diceva di essere l’amore della sua vita, l’unica che voleva per sempre, avevamo fatto dei progetti insieme nonostante la nostra età (lui è mio coetaneo). Sono a pezzi, mi sto lasciando andare. Sono passati due mesi e di me non vuole capirne. Passo le giornate stando in un letto a piangere, ad avere paura ed essere triste e non riesco a fare altro, come se fossi bloccata , non lo so spiegare. Da quando mi ha lasciata ci siamo sentiti tutti i giorni, per parlare sempre di noi ma anche per sapere come stavamo, com’era andata la giornata. Poi io ho deciso che forse era meglio non sentirsi lui mi disse che non era necessario ma che se per me era la cosa migliore dovevo star tranquilla. Passa un giorno e mi scrive lui dicendomi che mi aveva visto spesso online e voleva sapere se fosse tutto ok, nel momento in cui io non ho risposto istantaneamente ma essendo online lui ha iniziato a chiamarmi e mandare altri messaggi, io ho chiesto perché si comportasse così e che bisogno ci fosse di scrivermi solo per preoccupazione e lui mi disse che non dovevo stare sempre a sindacare e che se voleva che mi scrivesse per altri motivi non c’era bisogno. Da lì non ci siamo sentiti per quasi una settimana, poi gli ho scritto perché mi mancava troppo ma lui mi rispondeva come senza interesse e ho lasciato perdere . Farei qualsiasi cosa per tornare assieme e per rendere tutto migliore di prima. Le sue parole circa 20gg fa a riguardo sono state “ io non voglio avere una relazione sentimentale, stare da solo, non amare e non essere amato da te perché non voglio, non ho la forza e perché non ti amo abbastanza “ . Poi circa 10 gg fa disse di sentirsi molto in colpa per questo e che il dolore era indescrivibile per lui perché non voleva avere una relazione e perché non provava più quello di prima. Ovviamente ne ho provate di ogni , con il pianto, con la ragione, con le parole, mi sono fatta sentire e vedere diversa e cambiata perché ho capito veramente i miei errori e non li commetterei mai più soprattutto perché la prima a soffrirne sono io ma boh... è tutto inutile. Sono passati due mesi ormai e nonostante abbia fatto di tutto lui sembra felice così, da solo, riesce a dirmi solo di dimenticarlo e che non siamo le persone giuste per stare assieme. Farei qualsiasi cosa per farlo reinnamorare di me..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18150

psicologi

domande 28350

domande

Risposte 97400

Risposte