Sono una ragazza con disabilità intellettiva...

Inviata da AsocialGirl · 7 feb 2020 Autostima

Salve, ho 22 anni, e tanti, tanti anni fa mi diagnosticarono il ritardo mentale moderato.. nel 2016 (al compimento dei miei 18 anni) mi sottoposero nuovamente al test del QI per adulti e come esito ottenni un ritardo mentale lieve. Ciò mi destabilizza tantissimo anche perché so come siamo visti in questa società. Il fatto è che io mi ritengo una persona intelligente.. Lo so, forse risulterà un po' contraddittorio, ma i discorsi ben articolati che riesco a fare mi fanno pensare questo. Poi però mi ricordo che non lo sono e torno a detestarmi. Non riesco ad accettarmi per come sono, prova ne è il fatto che a molti miei amici nascondo di questa mia disabilità intellettiva, e loro non lo sospettano neanche, perché come ho scritto prima, sono in grado di fare discorsi di senso compiuto e con una logica, il problema arriva quando devo fare conti matematici.. O nella socializzazione in generale. A proposito di quest'ultima, ultimamente sto mettendo molto da parte la vita sociale, le amicizie.. E mi sono rintanata (un po' troppo) in casa. Io vorrei uscire, lavorare, però ho paura di venire giudicata.. Tra l'altro con persone che non conosco balbetto e nemmeno poco. Ed è con loro che per lo più non riesco nemmeno ad aprire bocca. In quei momenti mi sembro in possesso di un grave ritardo mentale, altroché. Forse questo però è riconducibile al fatto che negli anni scolastici sono stata molto spesso vittima di brutti scherzi, e assiduatamente bullizzata.
Comunque sia, ciò non toglie che non riesco a fare amicizia e sento costantemente molta ansia, anche solo al pensiero di provare a fare nuove amicizie!! I pochi amici che ho, sono a dir poco un miracolo! (Anche se la maggior parte di essi, li conosco solo online.. ops...) Dopo tutto questo papiro, avrei una domanda da porvi, e cioè: possibile che io soffra anche di ansia o meglio; fobia sociale? E se si in qualche modo si può ricollegare al ritardo che ho..? o deve essere considerata come una cosa a parte? Rispondete in maniera esaustiva se potete per favore.. Grazie..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 9 FEB 2020

Gentile ragazza,
sebbene possa essere residuata una lieve difficoltà cognitiva, certamente ciò non le impedisce di avere una vita normale e felice.
Il bullismo sofferto in passato e il costante timore del giudizio negativo degli altri indubbiamente l'hanno condizionata e la condizionano tuttora come pure il basso livello di autostima , la timidezza e l'ansia sociale che ugualmente interferiscono nella valutazione che lei ha di se stessa incluso il funzionamento cognitivo.
Pertanto, per rispondere alla sua domanda, una qualche correlazione tra i due problemi ci può essere.
In ogni caso, lei può migliorare in entrambi gli ambiti tramite un adeguato percorso di psicoterapia preferibilmente ad andamento cognitivo-comportamentale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7280 Risposte

20576 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 FEB 2020

Cara ragazza,
mi sembra di capire che la tua disabilità intellettiva sia lieve se hai pensato e scritto tu queste parole, per lo meno a livello verbale. Hai parlato di una carenza per lo più nei calcoli quindi già questo ci consente di dire che le tue difficoltà riguardano solo alcune aree e non altre. A questo punto punterei sul rafforzare altre abilità ovvero quelle sociali e razionali che descrivi come deficitarie. A mio avviso la tua bassa autostima ha inciso nelle relazioni portandoti a sviluppare ansia sociale. Per cui lavorerei in un percorso psicologico su questi aspetti invitandoti a non abbatterti, a pensare ad un tuo progetto di vita e concentrarti sui tuoi punti di forza.
In bocca al lupo
Resto a disposizione se hai bisogno
Dott.ssa Valeria Mavilia

Dott.ssa Valeria Mavilia Psicologo a Spadafora

100 Risposte

57 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 FEB 2020

Buongiorno AG,
dalla sua capacità di riflettere su di sé e di esporre i suoi vissuti mi sembra che lei abbia una buona capacità di pensiero, autoriflessiva e di lettura dei propri stati interni. L'intelligenza è una funzione molto complessa, fatta di aspetti differenti, tra cui alcune capacità logico-matematiche che possono essere più problematiche per lei, ma non limitano la sua possibilità di vivere una vita piena, soddisfacente e felice, di esprimersi e realizzarsi in dei campi che sente più corrispondenti e affini alle sue risorse. Credo che la diagnosi che ha ricevuto possa avere influito molto sulla sua autostima, facendo magari nascere in lei un senso di inadeguatezza e un timore del giudizio che possono aver compromesso la sua capacità di relazionarsi serenamente agli altri. L'immagine che abbiamo di noi stessi , la nostra identità e la capacità di relazionarci all'altro sono strettamente legate e si influenzano a vicenda. Inoltre non dimentichi che nei test intellettivi l'ansia e un forte emotività possono inibirci e compromettere i nostri risultati al test, e quindi limitare le sue capacità in situazioni di valutazione o sociali particolarmente ansiogene per lei. Le consiglio di rivolgersi a un professionista, per poter lavorare sulla sua autostima, imparare ad accettarsi e riconoscere come alcune esperienze negative possano aver influito sull'immagine che ha di sé stessa.
Le auguro il meglio,
Dott.ssa Anna Maria Gioia

Dott.ssa Anna Maria Gioia Psicologo a Torino

5 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 FEB 2020

Gentile AG, sicuramente il suo messaggio è scritto in forma corretta, molto chiara ed appropriata, quindi sicuramente il suo eventuale ritardo concerne una porzione piccola delle varie capacità cognitive. La mia impressione è che negli anni possa aver sviluppato sentimenti di inferiorità che le hanno creato condizionamenti a livello sociale. Ritengo possibile che soffra di ansia sociale. Per corrreggere il problema, visto che è ancora molto giovane, può affidarsi senz'altro ad una psicoterapeuta di tipo cognitivo-comportamentale di buona esperienza e rinomata. Un cordiale saluto
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

1003 Risposte

408 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 FEB 2020

Buongiorno,

per rispondere alla sua domanda: è possibile che la diagnosi di ritardo mentale (seppur moderato) possa aver condizionato la percezione che lei stessa ha di sé e delle sue competenze relazionali.
Quello che tuttavia mi preme trasmetterle è che una difficoltà cognitiva nelle operazioni concrete non preclude la possibilità di essere persone competenti a livello affettivo e percepite tali anche dall’esterno.
Mi rendo conto che ricevere una diagnosi di questo tipo possa aprire la strada ad una serie di dubbi e perplessità ma vorrei rassicurarla sulla sua reale possibilità di stringere ottimi legami sociali anche in presenza del ritardo.
Piuttosto, se ritiene che l’ansia che prova stia compromettendo eccessivamente la sua libertà di azione nel mondo le consiglio di confrontarsi con uno specialista che possa darle spiegazioni rispetto al deficit cognitivo o eventualmente aiutarla, in un sicuro setting terapeutico, ad individuare altre possibili origini al suo stato di malessere.
Un percorso psicologico potrebbe aiutarla anche a riscoprire le numerose risorse che sicuramente sono insite in lei ed a migliorare la stima che ripone verso se stessa.
Rimango disponibile per chiarimenti.

Cordiali saluti,
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

609 Risposte

299 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autostima

Vedere più psicologi specializzati in Autostima

Altre domande su Autostima

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17850

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94200

Risposte