Sono pazzo?

Inviata da Giuseppe · 15 set 2020

Allora ogni tanto mi vengono dei pensieri del tipo ma se tutto non esistesse ma se le persone sono dei robot ma se... Di questo genere e ho molta paura a pensare queste cose ho paura di poterci credere. ce come si fa a distinguere un pensiero da quello che credi.io a volte mi chiedo a me stesso se ci credo veramente queste cose ? Ma non lo so,ogni volta che mi viene questo tipo di pensiero mi sento male ho paura di fare del male a qualcuno per sti pensieri del cavolo non so più cosa fare ce ogni volta che ci penso non capisco se ci credo o no e vado in tilt ho molta paura di crederci perché questo significherebbe che sarei pazzo ma io non lo so e questo il problema

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 SET 2020

Buongiorno Giuseppe,
Dalle poche cose che dice di sé, è impossibile confortarla. I suoi sembrano pensieri intrusivi con accenni di persecutorietà. Fanno soffrire molto. Anche se non conducono alla pazzia, cioè alla perdita di contatto con la realtà, ma continuassero a tormentarla, sarebbero davvero una cattiva compagnia!
Il consiglio è di giungere ad una diagnosi precisa sul tipo di disturbo. E da lì procedere con il trattamento.
Nel caso fortunato, che io presumo, i suoi siano 'solo' pensieri intrusivi, un trattamento psicoterapeutico risolverà il problema lasciando lei libero di vivere la sua vita.
dott.ssa Giuliana Gibellini

Dott.ssa Giuliana Gibellini Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Carpi

211 Risposte

174 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 SET 2020

Buongiorno caro Giuseppe,
Innanzitutto tenevo a comunicarle che la sua sofferenza rispetto a questa situazione di disagio arriva forte e chiara, pertanto credo di poter capire quanta energia le stia sottraendo questa cosa, immagino che si senta stanco e spaventato, come d'altronde è lei stesso a dire nel messaggio.. Però, guardi, la paura a volte può paradossalmente venirci in aiuto, o meglio, può rappresentare proprio la "spinta" da cui possiamo ripartire per riprenderci la nostra vita; non tutti sentono di aver paura. La paura la sta portando a chiedere aiuto, adesso, e come le è già stato detto dalla collega sarebbe opportuno che concretizzasse quanto prima questa richiesta d'aiuto contattando un professionista che possa aiutarla a capire meglio la cosa e a cercare di affrontarla o gestirla al meglio delle sue capacità. Lei ci chiede se per caso "è pazzo", così come ha scritto. La paura di impazzire è "semplicemente" un'altra preoccupazione al pari di quelle che ci ha esposto nel suo messaggio.. Sfrutti la sua paura al meglio, caro Giuseppe. Non si faccia ulteriormente abusare dalla paura. E' ancora lei il comandante della sua testa, anche se al momento è come se avesse perso la rotta.. Chieda aiuto in maniera ancora più efficace. Lo faccia per il suo bene.
I miei saluti
dott.ssa Maria Grazia Niglio

Dott.ssa Maria Grazia Niglio Psicologo a Pescara

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 SET 2020

Caro Giuseppe,
tutti noi abbiamo pensieri rivolti al senso della nostra vita, a cosa ci facciamo qui, e proiettiamo la nostra mente verso il futuro o verso mondi che non esistono. Il nostro cervello compie questo sforzo in chiave "protettiva" per prepararci a ciò che verrà. Tuttavia questi pensieri possono diventare ossessivi e molto intrusivi nella vita di tutti i giorni, passando dall'essere protettivi all'essere distruttivi: ci bloccano, ci spaventano, ci fanno perdere lucidità e consapevolezza. Ciò che ti consiglio dunque è di rivolgerti ad un professionista, che possa condividere questi pensieri insieme a te, e che possa aiutarti a sviluppare nuove strategie e nuove risorse per affrontarli e gestirli.
A presto,
Dott.ssa Noemi Taddio

Mind Lab Psicologo a Trofarello

19 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 SET 2020

Caro Giuseppe,
quelli che racconti sono pensieri che andrebbero condivisi con un professionista che ti possa consigliare il miglior percorso da intraprendere dopo aver approfondito possibilmente attraverso test diagnostici.
Non esitare.
A presto
Dott.ssa Daniela Calabrese psicoterapeuta Roma e online

Studio Psicologia Calabrese Psicologo a Roma

73 Risposte

79 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23700

domande

Risposte 85650

Risposte