Sono pazza io o chi mi circonda non mi capisce?

Inviata da Roberta Solazzo. 19 ott 2018 4 Risposte  · Crisi esistenziale

Salve a tutti, sono una ragazza italiana di 24 anni e vivo a Londra da 3 anni con il mio fidanzato.
Appena mi sono trasferita ovviamente stavo molto male perché mi sono ritrovata in un mondo non mio, con una lingua diversa e tutto il resto. Con il passare del tempo mi sono fatta forza e ho capito che avevo solo bisogno di buttarmi in questo nuovo mondo.
Ho trovato un lavoro, ho conosciuto nuova gente, ma in alcuni momenti della giornata mi veniva da piangere senza un motivo preciso. 
Con il passare del tempo questi momenti diventarono giornate intere..Non ho più voglia di uscire di casa, non ho voglia di cucinare e fare dolci nuovi ( che è sempre stata la mia passione) .. Mi guardo allo specchio e vedo il vuoto e il buio nei miei occhi..ma a quanto pare lo vedo solo io...
Ho capito che forse 3 anni fa ho accettato contro la mia volontà questo paese, e che ho bisogno di tornare a essere felice a casa mia. 
Ascoltando queste parole il mio fidanzato dice che non lascerà mai questo paese che le offre lavoro e soldi per tornare in Italia. I miei amici la pensano allo stesso modo e anche parte dei miei parenti..
Ora io mi sento sola, vuota e abbandonata dal mondo.. a me non importa avere soldi anche perché non è più l emigrazione che facevano i nostri nonni anni fa, è cambiata anche qua la vita. 
A me basta avere quel poco per poter vivere e essere felice! Sono pazza io a volere questo o non riesco ad essere compresa...vi prego di aiutarmi con qualche risposta perché non ce la faccio più...grazie in anticipo a tutti..

lavoro , male , amici

Miglior risposta

Ciao Roberta,
il nome che ha dato al suo malessere, e cioè il sentirsi sola, è quello che spinge la maggior parte delle persone a cercare un aiuto. Tuttavia, nel caso specifico, probabilmente l’infelicità e la solitudine non dipendono dal luogo fisico in cui ci si trova. Non corra il rischio di scappare unicamente da se stessa.
Le consiglio di iniziare un percorso psicologico e/o psicoterapeutico che possa aiutarla a capire perché prova queste sensazioni, perché nonostante sia circondata di persone e abbia legami importanti continua a sentirsi sola.
Un fidanzato che non la comprende e amici e famiglia che non sente pienamente dalla sua parte e che non la capiscono suggeriscono problematiche relazionali che hanno origini ben più radicate, non riconducibili all’esperienza di vita estera.
In bocca al lupo.
Cordiali saluti,
dott.ssa Jessica Vassallo
Psicologa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Roberta,

Mi ha colpito molto la frase " mi guardo allo specchio e vedo il vuoto e il buio nei miei occhi", sento e comprendo in pieno il senso di solitudine e la sofferenza che sta provando in questo periodo. Come se avesse sempre saputo non essere la sua strada, solo che inizialmente si è fatta forza e ha provato ad andare oltre il suo istinto, ora i dubbi solo molto più forti della speranza passata. Al fine di poterla aiutare sarebbero necessari ulteriori elementi, della sua vita e di ciò che prova e vive quotidianamente. Non penso lei si pazza, penso sia confusa e spaventata e perciò le consiglio di intraprendere un percorso psicologico, online magari, visto che si trova fuori sede ed affrontare con un professionista tutti i dubbi. Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, mi scriva
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

22 OTT 2018

Logo Dott.ssa Alice Noseda Dott.ssa Alice Noseda

1300 Risposte

1040 voti positivi

Salve Roberta,
quello che esprimi è un malessere molto chiaro: hai nostalgia di casa, del tuo paese e di essere circondata da ciò che ami. I nostri nonni, generazioni prima di noi, emigravano per avere possibilità che nel loro paese non esistevano, e nel loro cuore rimaneva per sempre un posto speciale per la loro terra. Non avevano altra scelta, però, perciò forse l'integrazione alla fine avveniva come un fatto da accettare e basta. Tu, evidentemente, hai una possibilità di scelta. Questa è una grande fortuna, perché ti permette di apprezzare ciò che c'è di positivo e di negativo in entrambe le situazioni, e di sentire cosa è giusto per te. Non forzarti in un contesto in cui soffri. Non siamo alberi, se non ci piace un luogo, ci possiamo spostare! Il fatto che tu riesca a valutare l'origine del tuo malessere, e abbia voglia di modificare il contesto per stare meglio mi fa capire che non sei pazza, anzi, proprio il contrario. Ma non ti aspettare che gli altri lo capiscano, ognuno ha la propria "mappa" per comprendere il mondo, ognuno i propri bisogni, è non è detto che siano uguali ai tuoi. Sei tu che puoi decidere cosa è giusto per te, non gli altri. E poi, pensaci bene...Non c'è proprio nessuno che ti comprende? Un'amica? La mamma? Forse qualcuno c'è.. ma anche se non ci fosse, cambia poco: sei una donna adulta e responsabile. Sono sicura che capirai che per stare bene, a volte è giusto fare delle scelte controcorrente.
Un abbraccio

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2018

Logo Dott.ssa Alessia Vilei Dott.ssa Alessia Vilei

24 Risposte

16 voti positivi

Gentile Roberta,
sarebbe importante capire quali sono state, tre anni fa, le motivazioni che l'hanno spinta a trasferirsi in Inghilterra (sembra contro la sua volontà) e come mai queste stesse motivazioni non sussistono più ora.
E' anche utile fare una lista dei vantaggi e un'altra degli svantaggi del rimanere in Inghilterra o tornare in Italia e metterle a confronto.
Dal momento che il suo fidanzato non ha alcuna intenzione di tornare in Italia, è lecito dedurre che vi sia quanto meno un inizio di crisi nella vostra relazione.
Per tale ragione (e per altre) è consigliabile un percorso di psicoterapia grazie al quale poter fare chiarezza, percorso che può essere individuale o di coppia se il suo fidanzato mostra piacere e/o interesse a coinvolgersi.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
merdico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

19 OTT 2018

Logo Dott. Gennaro Fiore Dott. Gennaro Fiore

6014 Risposte

16808 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
É possibile avere tre disturbi di personalità?

3 Risposte, Ultima risposta il 19 Novembre 2018

Cosa potrei fare o pensare?

2 Risposte, Ultima risposta il 22 Dicembre 2017

Ansia, ipocondria e ossessioni

1 Risposta, Ultima risposta il 25 Settembre 2017

20 anni e in crisi per la mia storia d'amore

3 Risposte, Ultima risposta il 03 Ottobre 2016

Ansia, ossessioni e ipocondria

2 Risposte, Ultima risposta il 26 Settembre 2017

CIM o consultorio

7 Risposte, Ultima risposta il 30 Ottobre 2017

Mi sento di vivere su una nuvola, una vita parallela

6 Risposte, Ultima risposta il 21 Maggio 2013