Sono inadeguata io?

Inviata da Cecilia. 24 mar 2019 3 Risposte  · Terapia di coppia

Salve, scrivo qui probabilmente perché ho bisogno di sfogarmi,non saprei a dire il vero.
Ho 25 anni, so di essere abbastanza giovane e non ho grosse pretese verso la mia vita sentimentale, mi dico che qualcuno per me,prima o poi arriverà,o forse no,fa lo stesso, a questo punto.
Ma non sono più in grado di sottovalutare il “problema”. Ultimamente ho sentito la brutta notizia che un’amica di amici si è tolta la vita a 25anni,perché depressa. Questo mi ha sconvolta,perché so che a quest’età moltissimi sintomi depressivi vengono ignorati, sottovalutati o liquidati con un “sei giovane,tutto passa,hai tutta la vita di fronte”, e questo mi spaventa molto.
Tutto questo prologo è per dire che,ad oggi,mi sento insoddisfatta di tutto ciò che mi circonda. Mi sento inappropriata,specialmente nelle relazioni, che non riesco a portare mai al livello successivo.
Non mi piace creare discussioni o piangermi addosso, ma mi ritrovo sempre in “relazioni” in cui, quando esprimo il mio punto di vista, creo problematiche o mi viene data della vittima.
Allora inizio a chiedermi, dopo l’ennesima storia che non va per il verso giusto, se il problema sia io. Non mi capacito del fatto che non riesca ad avere una situazione normale. Non so perché ma non sono mai “indispensabile” per qualcuno, sono sempre di poca importanza, sono quella che se c’è o non c’è,non fa alcuna differenza.
Ho sentito dirmi queste frasi talmente tanto spesso che ormai sono fermamente convinta di non valere poi gran che per gli altri.
E me lo faccio andare bene.
O meglio, ci sto male,a volte provo a farlo presente ma alla fine finisco col chiedere scusa.
Chiedo scusa per aver espresso i miei sentimenti, chiedo scusa per la mia sensibilità e forse,chiedo scusa anche per il fatto che esisto...
Non mi piace essere ignorata, la cosa mi crea disagio,malessere,ansia,rabbia ed allo stesso tempo mi fa paura. Mi fa paura questa mia sorta di “dipendenza emotiva”... non voglio essere dipendente da nessuno, vorrei poter non avere di questi problemi
Mi chiedo solo perché io sia così.
Non può essere che abbia solo incontrato persone sbagliate o uomini poco carini nei miei confronti. Evidentemente sono io che non vado bene. Ma non so da dove cominciare per cambiare.
Chiedo aiuto perché sto vivendo una situazione di disagio e mi ritrovo, adesso, nell’ennesima relazione che sono incapace di chiudere.

amici , disagio

Miglior risposta

Gentile Cecilia, non è difficile intravedere che nella sua personalità vi sono elementi di scarsa autostima e fiducia in sé, e probabilmente mancanza di assertività, con elementi ansioso-depressivi. Ma visto che probabilmente queste cose le sa, perché non ha intrapreso una psicoterapia? Anche se riuscissimo, dalle poche righe che ha scritto, a stilare una diagnosi precisa, non le sarebbe granché utile, se ad essa non segue un intervento serio. Il fatto poi che dichiari " non so perché sono così" è una domanda senza alcun senso, che tradisce una mancata accettazione di sé stessa. Ognuno è com'è, è disutile domandarsene il motivo. Scusi la franchezza ma ho cercato di risponderle. Cordialmente
dr. Leopoldo Tacchini

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Cecilia,
Lei non è inadeguata, ma così si sente, e di conseguenza si comporta. Quando ci sentiamo inadeguati, ci poniamo con gli altri come se davvero lo fossimo, chiaramente senza esserne consapevoli. Se penso di valere poco, chiedo poco, e quando lo chiedo, lo faccia probabilmente a bassa voce, senza convinzione, e poi magari chiedo scusa per aver osato chiedere; quello che mi porto a casa è un 'ecco, ancora una volta non ho avuto l'attenzione la considerazione che desidero, allora davvero ho qualcosa che non va'.
Non si biasimi per la 'dipendenza emotiva'; è del tutto normale e comprensibile che lei desideri una relaziona appagante e gratificante. Giustamente, tuttavia, è importante che lei risolva il problema a monte, trovando amore e rispetto per se stessa, accettandosi e riconoscendosi i propri punti di forza e pregi (almeno uno lo ha citato, la sua grande sensibilità). Si rivolga ad un professionista nella sua zona. Ha tutte le risorse per prendere in mano la situazione ed ottenere le soddisfazioni che desidera.
Carissimi auguri,
Dott.ssa Valentina Cozzutto

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

26 MAR 2019

Logo Dottoressa Valentina Cozzutto Dottoressa Valentina Cozzutto

40 Risposte

31 voti positivi

Buonasera Cecilia, la "dipendenza emotiva" implica una serie di caratteristiche tue ( autostima, le tue modalità i relazionarti, l'idea che hai di come dovrebbe essere una relazione) che andrebbero affrontate in un percorso terapeutico.
Hai 25 anni, cosa fai? Studi, lavori, con chi vivi? Come trascorri le giornate.
Dici che non ti piace essere ignorata, sarebbe interessante affrontare questo.
Cerca una terapeuta nella tua zona, chiedi al tuo medico.

Resto a disposizione.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

25 MAR 2019

Logo Dott.ssa Luigia Cannone Dott.ssa Luigia Cannone

127 Risposte

81 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Mi sento e sono socialmente inadeguato?

1 Risposta, Ultima risposta il 01 Giugno 2019

Omosessualità e amici, mi sento inadeguato e ferito

8 Risposte, Ultima risposta il 19 Maggio 2015

Perché mi sento inadeguata rispetto alle altre donne?

4 Risposte, Ultima risposta il 27 Marzo 2019

Sentirsi inadeguati

3 Risposte, Ultima risposta il 20 Agosto 2016

Come gestire la vita se uno si sente disadattato/inadeguato?

7 Risposte, Ultima risposta il 09 Maggio 2013

Iniziare l'università a 25 anni, sono davvero cosi inadeguato?

4 Risposte, Ultima risposta il 23 Novembre 2018

Mi sento molto solo e inadeguato e non so bene a chi rivolgermi

3 Risposte, Ultima risposta il 10 Luglio 2019

Non riesco ad apprezzarmi e mi sento inadeguato, cosa posso fare?

1 Risposta, Ultima risposta il 10 Maggio 2018