Sono depresso?

Inviata da Luca · 17 ott 2014 Depressione

Gentile Dottore o Dottoressa,

sono un ragazzo di 26 anni, attualmente studente di Farmacia. E' da circa due anni che il mio umore è quasi costantemente triste e negativo. Non uso ancora il termine 'depresso' perché ci si riferisce già ad una condizione patologica definibile. Ma sto sempre molto male. L'anno scorso, intorno a gennaio/febbraio , ho deciso di rivolgermi al servizio di counseling della mia università per chiedere aiuto e con una Vostra collega ho fatto un percorso che ho trovato molto positivo per qualche mese, fino a giugno.
Con la collega ho parlato delle mie difficoltà nel mio percorso universitario, del fatto che purtroppo non amo quello che studio e che le mie difficoltà dipendono anche da questo fatto. Abbiamo analizzato un po' il mio rapporto con i miei genitori (generalmente molto positivo) e parlato della mia via affettiva, anche questa carente di soddisfazioni.
Il percorso mi era stato molto utile perché grazie alla dottoressa ho potuto vedere tutto da altri punti di vista e provare un po' di sollievo. Inoltre, la dottoressa escluse del tutto che fossi depresso ma che il mio fosse semplicemente "mal de vivre" e per me questa fu una notizia positiva.
A distanza di un anno, in cui le cose sembravano essere migliorate, sono sprofondato di nuovo in quella voragine di tristezza ma, a differenza delle volte precedenti, ora inizio a fare pensieri relativi alla mia morte. Non medito assolutamente il suicidio, e non desidero la mia morte, ma mi capita di pensare a quando sarò vecchio, alla paura di ammalarmi di qualche malattia grave e ora ho sempre e continuamente la paura che questa tendenza negativa nella mia vita non si invertirà più, ad esempio di non riuscire mai ad avere una vita affettiva felice, un lavoro che mi appaghi e via dicendo.
Mi scuso se non stato chiaro, purtroppo scrivendo non tutte le sfumature si possono cogliere, ma in attesa di una vostra risposta sono disponibile a fornire chiarimenti.
Grazie in anticipo,

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 OTT 2014

Gentile Adam,
come già detto dalla collega le ricadute, dopo periodi si supporti psicologici brevi possono presentarsi, poiché è ipotizzabile che si sia lavorato sul qui ed ora ad un livello meno profondo che è proprio del counseling. Da quello che lei scrive, mi sembra che sia più opportuno intraprendere un percorso di psicoterapia più profondo in cui si vadano ad analizzare la cause dei sintomi che lei riporta, si ricostruiscano gli episodi che precedono lo stato di tristezza e che le offra gli strumenti necessari per affrontarli.
Cordiali Saluti.

Dott.ssa Simona Gencarelli Psicologo a Roma

7 Risposte

19 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Caro Adam, capita che dopo un percorso positivo e risolutivo ci possano essere delle ricadute. Probabilmente essendosi rivolto ad un servizio di counselling avete lavorato in maniera eccellente sul "qui e ora". Dalla sintomatologia da lei descritta credo che ciò che le servirebbe sarebbe un percorso psicoterapico più profondo che vada alla radice del problema e le offra strumenti per affrontare questi periodi. Saluti

Dott.ssa Eleonora Russo Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Trani

31 Risposte

29 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Gentile Adam,
da quanto descrivi del tuo malessere sembra esserci una deflessione del tono dell'umore, tuttavia non riconducibile alla depressione (in termini tecnici "disturbo depressivo maggiore"). Infatti, il perdurare della tristezza sembra stabile nel tempo e non raggiungere la gravità della depressione. Occorrerebbe approfondire se ciò che ti affligge sia una Distimia (oggi ridefinita disturbo depressivo persistente).
Ti consiglierei di parlarne al tuo medico di famiglia per un eventuale aiuto farmacologico oltre che riprendere i contatti con la psicologa che ti ha aiutato in precedenza.
Un saluto
Maria Rita Milesi

Dr.ssa Maria Rita Milesi Psicologo a Bergamo

140 Risposte

206 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Buongiorno Adam,
come già consigliato dalla collega, probabilmente sarebbe opportuno riprendere la terapia precedentemente interrotta. Ho la sensazione, da quanto scrive, che in questo momento avverta una forte ansia inerente l'incertezza sul futuro e le sue preoccupazioni sono relative al lavoro/studio, salute e vita in generale. Quando vi sono dei pensieri non utili, il nostro umore tende a modificarsi perché il nostro modo di pensare incide sulle nostre emozioni e sui nostri comportamenti.

Resto a disposizione
Dr.ssa Roberta Fuga
Psicologa - Psicoterapeuta cognitivo - comportamentale e Grafologa.

Dr.ssa Roberta Fuga Psicologo a Roma

59 Risposte

85 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Riprendere contatto può esserle utile, ma consiglio un supporto psicoterapico. Lei parla infatti di aver fatto un percorso di counseling, il ripresentarsi del suo malessere in una forma accentuata neccessita a mio parere di una valuazione diagnostica più precisa sia medica che psicologica. Spero di esserle stata di aiuto, buone cose Dottssa Rosanna Tartarelli

Dott.ssa Rosanna Tartarelli Psicologo a Lucca

113 Risposte

94 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Buongiorno Adam
dalla lettura della sua lettera ho ricavato la sensazione che il suo "mal de vivre", come le ha detto la collega, sia dettato da una profonda problematica di tipo esistenziale che le chiede (attraverso il sintomo della tristezza) di essere considerata in profondità.
Per semplicità le dico che, in sostanza, lei ha, a mio parere, bisogno di rispondersi più profondamente alle domande esistenziali importanti: chi sono e perché sono qui, dalle risposte che emergeranno (anche dopo letture e studi che farà) le si presenterà un maggior senso di essere e di Essere per uno scopo.
Quindi dando un senso e uno scopo alla sua vita potrà superare il suo malessere e recuperare maggiore gioia e consapevolezza delle cose.
Capirà che la vita è preziosa e occorre viverla con impegno anche altruistico (meno concentrazione su di sé e più concentrazione sugli altri e sul mondo).
Molti antichi Padri del deserto usavano per sconfiggere quella che veniva chiamata "accidia"( uno stato d'animo simile a quello che lei descrive) pratiche di meditazione; penso siano ancora molto valide.
Io l'ho vista da questo punto di vista e ho voluto offrirglielo, comunque sia la cosa importante è prendere spunto sempre dal nostro malessere per imparare, approfondire, comprendere meglio questa straordinaria condizione del vivere!
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7337 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Caro Adam,
non è ovviamente possibile, tramite un consulto scritto, poter fare una diagnosi e, a maggior ragione, trovare una soluzione al disagio che presenta.
Da queste righe traspaiono grande tristezza e scoraggiamento e credo potrebbe esserle utile prendere i contatti con uno psicoterapeuta (non un counselor che fa un lavoro un po' diverso) ed iniziare un nuovo percorso, più profondo, di conoscenza di se stesso in quanto ritengo che abbia tutte le risorse per poterlo fare.
Mi chiedo, però, come mai con la counselor con cui aveva iniziato il percorso e con la quale, da quanto emerge qui, pare essersi trovato bene, il lavoro è terminato?

Le faccio i miei migliori auguri.
Coraggio.

Anonimo-125947 Psicologo a Firenze

49 Risposte

120 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

caro Adam, credo sia il caso di incominciare un percorso di psicoterapia che la porti ad individuare le cause ed il significato di quanto le sta succedendo. Dico questo perché leggo che i periodi di umore depresso si presentano da tempo e sembra abbiano ora contenuti importanti; con la specialista che ha visto in passato ha iniziato un percorso che sembrava andare nella giusta direzione,potrebbe ricominciare da lì!

Dott.ssa Alessia Picco Psicologo a Giaveno

54 Risposte

126 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Salve Adam,
sono assolutamente dello stesso parere della Dott.ssa Mussa che mi ha preceduta:
soltanto dopo un incontro con la tua Dottoressa, potrai valutare quale modalità terapeutica sarà più utile e se la formazione della stessa è quella adeguata o se invece dovrai avvalerti di un/a specialista che usi un approccio terapeutico diverso dal suo. Per questo, io resto a tua disposizione per ulteriori chiarimenti, se vorrai.
Dottssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta
Dottssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

682 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Gentile Adamo,
Provi a riprendere i contatti con la sua terapeuta.
Cordialmente,
Dott.ssa Gerbi

Dott.ssa Martina Gerbi Psicologo a Asti

143 Risposte

262 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 OTT 2014

Caro Adam, ti consiglierei di riprendere il rapporto con la specialista di cui parli avendoti precedentemente portato ad un miglioramento.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

333 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30150

domande

Risposte 102950

Risposte