Sono cambiata a causa di mia suocera, che posso fare? (II parte)

Inviata da Simona · 14 ott 2014 Terapia familiare

Dimenticavo, anche mia suocera ci presta spesso dei soldi, sotto forma di spesa per i bambini (pannolini, omogeneizzati, lenzuola, coperte) o in denaro, con l'unica differenza che non vuole niente indietro. Altro motivo di disaccordo con mio marito perchè invece a mia madre abbiamo sempre restiuito le somme e lo stiamo ancora facendo.. Cosa che viene puntualizzata in continuazione da mio marito. Il fatto che mia suocera mi porti sempre dei regali, per me o per la casa, non fa altro che appesantire la mia condizione di soffocamento, facendomi in più sentire in colpa per non volerla a casa mia così spesso! Se riesco con una scusa o una bugia a non farla venire un giorno, l'indomani di prima mattina arriva puntuale la sua telefonata per venire a casa mia e trascorrere 4 ore lunghissime. Tralascio il comportamento con i miei figli, che non mi sembra dei più appropriati, comportandosi come fosse la seconda mamma e non la nonna. Grazie per lo sfogo e per le vostre eventuali risposte. Simona

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 15 OTT 2014

Buongiorno Simona,
comprendo il suo disagio ed il suo malessere. Ha provato a parlare con suo marito inerente quello che prova nei confronti di sua suocera? Specialmente inerente il fatto che nonostante la sua attenzione nei vostri confronti lei avverte "quasi un obbligo o dovere" con conseguente sensazione di soffocamento della situazione?
Probabilmente bisognerebbe anche riflettere sulla sua difficoltà nel farlo presente alla suocera e nel delimitare i confini più equi del suo spazio. Comprendo che risulta difficile "dire di no" specialmente perché la situazione creata probabilmente perdura da diverso tempo.
resto a disposizione.
Cordiali saluti.
Dr.ssa Fuga Roberta

Psicologa - Psicoterapeuta e Grafologa Roma Psicologo a Roma

59 Risposte

85 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 OTT 2014

Perché non farvi aiutare da un terapeuta di coppia? Da quello che lei scrive si è creata una situazione di tensione che ha forti ripercussioni nella relazione di coppia. Rivolgetevi a personale competente che saprà sostenervi in questo processo.

Dott.ssa Rosanna Tartarelli Psicologo a Lucca

113 Risposte

84 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 OTT 2014

Gentile Simona
aggiungo alla mia precedente risposta questa: il fatto che i nonni diano un aiuto economico ai figli e ai nipoti...(che poi la somma venga restituita o meno) non è un fatto che giustifichi invadenza e "controllo" totale sulla situazione.
Penso che non sia lei a chiedere questi soldi per le compere dei bambibni giusto? Quindi visto che sono dati spontaneamente presupporrebbero un atteggiamento di "distacco" nel dare e non di volere in cambio accettazione di qualsiasi altro atto che sembra quasi un "voler sentirsi in un tutto simbiotico".
Allora lei, mantenendo grande serenità, e un piuzzico di ironia, faccia comprendere a suo marito tutto questo.
Faccia la sua battaglia, ma non con tetraggine e rancore ma con ferma e serena convinzione. I vecchi Padri della Chiesa dicevano che "si deve combattere il peccato, non il peccatore" ci rifletta, c'è una enorme differenza.
Soprattutto non comprometta, nella lotta per i suoi diritti e spazi, il rapporto con suo marito e anzi cerchi di rafforzare la complicità tra voi.
Spero aver detto qualcosa di utile.
Psicoterapeuta Dott.ssa Silvana Ceccucci Studio in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7010 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 OTT 2014

Cara dr.ssa Fuga, ho tentato in tutti i modi di far capire a mio marito la mia situazione. Non so se Lei abbia letto la prima parte della mia domanda,(ho sbagliato a pubblicare questa a parte). Per 6 anni ho sopportato la loro invadenza perchè comunque venivano a casa di mia madre ma adesso che ho il mio nido d'amore non sono più disposta a tollerare le loro visite OBBLIGATE E SENZA INVITO 5 VOLTE A SETTIMANA! Io adoro mia suocera e mia cognata ma mi sento soffocata e privata dei miei spazi vitali.
In più quando vengono non fanno "l'ospite" ma si mettono a girare per casa e fare pulizie (essendo maniache della pulizia) senza ritegno né un minimo di pudore, quando ad esempio mi rifanno il letto matrimoniale o piegano le mie mutande. Mia suocera trova un foglio piegato sulla scrivania, lo apre e lo legge! Mi sento frustrata, privata della mia privacy, essendo io possessiva e indipendente la percepisco come una violenza mentale. Ho cominciato a ribellarmi appena trasferiti nella nostra casa, a marzo 2014, ma resta il fatto che dopo aver chiesto aiuto a mio marito x mesi senza ottenere altro che litigi, a un certo punto sono scoppiata e ho tentato di parlare con mia suocera, quando mi accorsi che aveva APERTO IL MIO ARMADIO per riporre dei vestiti.
Mi è scoppiato qualcosa dentro. Le ho chiesto di non farlo più perchè mi faceva stare male, di non fare più pulizie perchè non sapeva darsi un limite, ho dato la "colpa" al mio brutto carattere, le ho chiesto di non toccare le mie cose di non essere invadente e non aprirmi armadi e cassetti.. Lei mi ha risposto, con mio grande stupore, "mica ti rubo qualcosa!" Non ha neanche capito il mio punto di vista, si è sentita accusata di essere una ladra! Con mio marito in macchina ha pianto e da quel momento con lui litighiamo in continuazione, mi rinfaccia i 6 anni trascorsi a convivere con mia madre, mi dice che sono esagerata, che loro sono fatte così, che non può farci niente. Nonostante mi dia ragione, continua a rigirare la frittata: "si ma tu hai fatto piangere mia madre!!!" Sto avendo problemi di salute, i miei figli sono nervosi perchè intuiscono che sto male e mia suocera che ADORAVO E ADORO ANCHE ADESSO E' DIVENTATA LA MIA OSSESSIONE. Da un mese mio marito le ha vietato di fare pulizie a casa mia (con la scusa che avendo problemi alla schiena deve riposare quando è a casa nostra) e ha parlato con mia cognata che dopo un litigio con me non viene più a casa mia. Ma mia suocera insiste a venire a casa, dicendomi che se ho impegni glielo devo fare sapere! (le ho detto che dev'essere lei a chiamare prima di venire, perchè io non ricordo mai i giorni in cui viene) ma la realtà e che non devo chiedere il permesso a nessuno x uscire) ma quando chiama e le dico che sto uscendo lei si auto-invita o insiste x trovare una soluzione. Mi dice che aspetterà che torno dietro la porta!!!! Ha 65 anni, vedova, posso lasciare la madre di mio marito dietro la porta un’ora e mezza??? E allora torno a casa e non esco perchè tanto mi sono avvelenata e non godrei più dell'aria aperta. Ultimamente quando c'è lei non riesco ad essere "pacata" e i il mio viso trapela nervosismo e odio. Ho tentato di trasferire la mia ossessione su di lui, in modo tale che capisse la mia angoscia, raccontandogli ogni dettaglio che mi infastidiva, ma è stato peggio.
Mio marito non sa trovare le parole per parlarle e di certo non vuole ferirla, e neanch’io.
Più volte, durante i litigi, ha minacciato anche di non farle più venire, ma che se non fossero più venute loro, non sarebbero neanche potuti venire i miei (cioè mia sorella che viene a casa 1 volta al mese, previa telefonata! Mia madre da marzo è venuta 1 sola volta a piedi da casa sua!) e come ciliegina sulla torta mio martito non sta bene di salute, quindi ultimamente non lo "appesantisco" con il problema suocera. Aiuto!

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86850

Risposte