Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Sono bloccata e non riesco a risolvere la situazione

Inviata da Silvia il 20 gen 2019 Terapia di coppia

Sto con il mio ragazzo da due anni ormai, io ho quasi 20 anni e lui 27. Siamo andati a vivere insieme dopo un anno di relazione perché volevo andare via da casa dei miei, considerato il difficile rapporto con mia madre. Ora mi ritrovo in crisi perché sento di volerlo lasciare. Litighiamo spesso per cose stupidel, ci critichiamo molto e io sto cominciando a non sopportarlo più! Sono arrivata a dirigli anche che voglio lasciarlo, già parecchio tempo fa, ma lui ha pianto e ha detto che avremmo risolto la situazione, che lui si sarebbe impegnato a cambiare per me. Così gli ho dato ascolto e abbiamo continuato a stare insieme vivendo sotto lo stesso tetto. Adesso penso che avrei fatto meglio a chiudere quello stesso giorno quando ancora avrei avuto la forza per farlo. Io ormai mi sono convinta che il problema sia mio e che non lo amo abbastanza. Ma poi ci sono momenti in cui tra di noi le cose vanno bene e stiamo bene, e inizio a pensare che sono fortunata ad avere vicino a me una persona che ci tiene, con cui posso essere me stessa e che mi ha aiutato molto a superare dei momenti difficili. E così la crisi passa momentaneamente fino al prossimo stupido litigio, che fa si che io lo consideri un idiota. Come posso superare questa abivalenza e uscire da questo circolo vizioso? Non so se la decisione migliore sia lasciarsi, poiché ho paura di pentirmene, inoltre viviamo insieme e quindi ciò comporterebbe un mio trasferimento e non so se voglio sconvolgere la mia routine. Non so che posso fare.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Silvia,
da ciò che scrive si coglie che lei si sente imprigionata e impossibilitata a gestire la sua libertà e la sua autonomia.
Ovviamente, questa è una brutta sensazione che le causa malessere e che dovrebbe essere risolta.
All'uopo un primo passo potrebbe essere quello di trovarsi un lavoro in modo da non percepire di essere passata dalla dipendenza dai suoi genitori a quella dal suo compagno.
Solo dopo aver risolto questa sensazione di costrizione potrà chiedersi quanto tiene alla relazione in atto, meglio se in un contesto di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapia a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6726 Risposte

18820 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Silvia,
lei mi sembra una ragazza molto confusa. Passa da momenti in cui vede nel suo ragazzo la migliore persona possibile con cui stare, fonte di ogni benessere e serenità, ad altri in cui litigate e vorrebbe lasciarlo. Leggendo fra le righe ma non tanto si evince come vorrebbe aver la forza di qualche tempo fa per lasciarlo appunto. Concordo, scusi la franchezza, col fatto che la responsabile sia lei perché se non lo ama più o comunque non c'è sufficiente serenità fra di voi è lei che deve prendere la decisione di lasciarlo. Ammesso che lo voglia fare.
Data la sua enorme confusione io le consiglio vivamente di rivolgersi ad uno psicologo della sua zona o meglio ancora presente sul sito ma che usi Skype.
MI faccia pure delle domande se ne ha bisogno!

Dott. Angelo Feggi - Psicoanalista Genova

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

473 Risposte

715 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Silvia,
lei mi sembra una ragazza molto confusa. Passa da momenti in cui pensa che il suo fidanzato sia la migliore persona che la faccia star bene ed aiutare ad altri in cui, dopo un litigio, lo vorrebbe lasciare. Rimpiange di non averlo lasciato tempo prima, quando ne avrebbe avuto la forza. Ma allora, rovesciando il discorso, è come se dicesse che vorrebbe avere la forza adesso per lasciarlo, cioè lo vorrebbe lasciare. In mezzo a questo marasma lei deve fare chiarezza dentro di sé e per questo le consiglio l'aiuto di uno psicologo della sua zona o meglio presente sul sito ma che usi Skype.
MI faccia pure delle domande se ne ha bisogno!

Dott. Angelo Feggi - Psicoanalista Genova

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

473 Risposte

715 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Silvia,

Per poterla aiutare avrei bisogno di ulteriori elementi, della sua vita e della problematica di coppia, dovrei conoscere meglio la vostra storia. Cosa rappresenta per lei il suo compagno?un sostegno?oppure pensa che ci sia ancora un sentimento forte che vi tiene uniti?ha paura di rimanere sola e ricominciare tutto da capo?trasloco compreso? è come se da una parte volesse essere libera e lasciarsi alle spalle litigi e discussioni, tuttavia dall'altra è come se fosse bloccata. Indispensabile intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona.
Se vuole può scrivermi, cercherò di aiutarla
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1555 Risposte

1143 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15900

psicologi

domande 20250

domande

Risposte 80000

Risposte