Sono arrivata a uno stato di intolleranza verso il prossimo che mi preoccupa

Inviata da Dora · 16 lug 2015 Relazioni sociali

Buonasera
la mia potrebbe sembrare una domanda un po anomala ma vi assicuro che questo problema mi sta causando dei seri problemi nella vita sociale e soprattutto mina i rapporti famigliari/affettivi.
Non sopporto nulla! Non sopporto il rumore delle persone mentre mangiano, se respirano pesantemente, se parlano con la bocca piena di saliva, addirittura in certi momenti mi innervosiscono gli starnuti! Per non parlare dei tanti cani che abbaiano in continuazione. Un quarto di questa insofferenza posso attribuirla allo stress, ma i restanti 3 quarti?
La mia domanda è la seguente:
esiste una terapia, un trattamento o una qualsiasi cosa che mi aiuti a controllare questo "difetto" o magari ad eliminarlo? Sarebbe meraviglioso. Non ne posso, Inoltre mi crea dei grandi sensi di colpa. Pranzerei volentieri con mia mamma che è sola, ma al solo pensiero di sedermi a tavola nel silenzio, mi mette ansia. Anche con mio marito abbiamo ormai gli orari dei pasti diversi, perlomeno in estate. In inverno ceniamo insieme ma con il televisore acceso che fa da sottofondo e copre questi fastidiosissimi rumori. Nulla però toglie la tensione che sento e mangio di fretta per finire prima possibile. Dormo con i tappi auricolari perché il minimo rumore mi sveglia; persino il respiro di mio marito riesce a causarmi frequenti risvegli. Mi sto esaurendo e vi chiedo per cortesia di aiutarmi.
Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 LUG 2015

Buonasera Dora, la sua domanda mi fa pensare ad una sorta di mancanza di armonia e sintonia nelle sue relazioni familiari e affettive e, più in generale, nel mondo che la circonda. Il rumore, nel mio immaginario, è infatti contrapposto alla musicalità. Costruire un dialogo armonioso, sintonizzato e gradevole con uno psicoterapeuta potrebbe aiutarla ad eliminare i "rumori" fastidiosi che percepisce intorno a lei. Penso naturalmente al rumore come ad una metafora "concreta" per qualcosa che la infastidisce e che sente non appartenerle. Una psicoterapia potrebbe aiutarla a dare un significato a questo sintomo che lei definisce come anomalo, e accompagnarla nella ricerca di una "musica" a lei più gradevole. Resto a disposizione. Un sincero in bocca al lupo. Dott. Massimo Perrini - Psicologo Psicoterapeuta Psicoanalista Relazionale a Roma

Dott. Perrini Massimo Psicologo a Roma

86 Risposte

144 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 LUG 2015

Cara Dora,

il quadro clinico che riferisce è molto interessante, come lei stessa intuisce lo stress potrebbe acutizzare i sintomi, ma bisognerebbe trovare delle cause specifiche e definite.
Una valutazione attenta ed un piano di intervento mirati alle sue necessità potrebbero sicuramente essere sviluppati da uno psicoterapeuta di stampo cognitivo-comportamentale. La necessità di rivolgersi ad un tecnico esperto del settore appare evidente dalla sofferenza e dal senso di insopportabilità che i sintomi le stanno provocando e dalle disfunzioni che stanno generando nella sua vita e nelle sue interazioni familiari. Ha una buona consapevolezza della sua situazione, che è una ottima risorsa da cui partire, non esiti a chiedere aiuto. Nel frattempo si faccia forza, a tutto c'è rimedio.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 LUG 2015

Sono stata seguita da uno psicologo per più di un anno e non ho risolto nulla. Come giù detto questa condizione mi sta veramente compromettendo tutti i rapporti familiari in primo luogo, e anche la vita sociale in genere. Basti pensare che in aereo o in treno mi porto e mi metto i tappi auricolari!!!...per attutire i "rumori molesti" che provocano gli altri passeggeri...
Forse dovrei andare direttamente da un neurologo o uno psichiatra :-] o provare con una martellata in testa. Magari si riequilibra il tutto.
Siete stati molto gentili.
Grazie
Dora

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 LUG 2015

Io credo che lei abbia bisogno di aiuto, perché dal suo racconto mi sembra fortemente stressata. Mi sembra in particolare che non riesca a tollerare lo stress che nella vita di tutti i giorni ognuno deve sopportare. Questa intolleranza è destinata ad aumentare se non le viene posto un freno. Non si tratta di cose inspiegabili. Tutte quelle che descrive hanno un senso. Direi che sono quasi normali, se contenute in limiti accettabili, solo che nel suo caso hanno raggiunto un livello di intolleranza eccessivo. Probabilmente dipende da qualche situazione particolare che in questo momento sta vivendo e che occorre prendere in esame ed analizzare. Le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo prima che la situazione continui ad aggravarsi.

Dott. Sergio Rossi Psicologo a Spoleto

190 Risposte

104 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 LUG 2015

Stress è una parola generica; si può essere soggetti a stress per fattori fisici, per stanchezza, per problemi psicologici, relazionali...quale tipo di problemi le causa stress? E' possibile che alcune problematiche psicologiche da cui origina lo stress siano risolvibili con la psicoterapia, ma ne dovrebbe parlare appunto con uno specialista.

Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

728 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 LUG 2015

Cara Dora,
le due parole chiave che trovo nel suo messaggio sono "insofferenza" e "senso di colpa".
Mi sembra rappresentino quello che potrebbe essere una sorta di rifiuto dell'altro, delle intrusioni, richieste, presenze...Trattandosi, tuttavia, di persone che ama, questo rifiuto la fa sentire in colpa, come fosse immeritato.

Penso sarebbe una scelta saggia rivolgersi ad uno psicologo perchè andrebbero esplorate le sue modalità relazionali e, soprattutto, potreste osservare se nelle relazioni importanti lei sia riuscita a mantenere dei confini tra sè e gli altri. A volte può succedere, in persone che si dedicano molto alle persone care, di accorgersi di aver perso una parte di sè.

Quella parte può reclamare di essere considerata in svariati modi, magari facendole provare questa insofferenza.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2094 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 LUG 2015

Cara Dora, sicuramente lo stress causa intolleranza verso molte delle cose che ci circondano, ma come ammette già lei, non può essere soltanto questo il motivo.

Non credo che esista una tecnica per spazzar via tutto questo fastidio che lei prova, ma sicuramente una terapia può aiutarla a capire cosa in fondo davvero le dia fastidio.
Probabilmente avrà accumulato delle frustrazioni e subito dei torti che le fanno detestare questi rumori intrusivi e invadenti che minano il silenzio e la tranquillità di cui ora lei sente il bisogno.

Può richiedere una consulenza psicologica presso un professionista privato o la asl della sua zona, per trovare qualcuno che la ascolti, su cui 'svuotare' l'accumulo che le si è intasato dentro e con il quale trovare il modo per 'digerire' meglio quello che le sta rubando la serenità.

Cordiali saluti
Dott.ssa Annalisa Iovane

Dott.ssa Annalisa Iovane Psicologo a Roma

138 Risposte

109 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Relazioni sociali

Vedere più psicologi specializzati in Relazioni sociali

Altre domande su Relazioni sociali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17650

psicologi

domande 26400

domande

Risposte 92000

Risposte