Smettere di vivere di rimpianti e sensi di colpa

Inviata da Ylenia · 22 set 2020

Buongiorno.. mi scuso per il messaggio lungo che andrò a mandare, ma vorrei spiegare il tutto in modo da essere precisa.. Il tutto è iniziato circa a fine 2017 quando conosco questa persona tramite amicizie in comune (io ora ne ho 25 lui 27) e nasce una simpatia spontanea, fatta di chiacchierate quando ci si trovava in qualche locale senza sentirsi ne vedersi da soli ma sempre in compagnia. Devo dire che una sintonia così non l’avevo mai provata, scherzavamo molto e si parlava di tutto. Purtroppo una sera, cercandolo su vari social, scopro che ha la ragazza da 8 anni e quindi decido di abbandonare le ipotetiche speranze che nutrivo. Soprattutto,vedendo come si approcciava a me, non avevo una così bella considerazione di lui ora che sapevo fosse impegnato. In serata però eravamo sempre presi bene, una sera mi lancia la sua sciarpa per scherzare e poi, una volta appoggiata quella sciarpa sul tavolino, la usa per coprire quello che stava andando a fare.. ovvero sotto questa sciarpa mi prende la mano e ce la teniamo per un po’, guardandoci.. quello è stato il primo avvicinamento tra di noi..

Per diversi mesi (siamo a inizio 2018) non l’ho più visto in giro (o comunque molto sporadicamente e sempre con il solito affiatamento nella comunicazione) fino a circa giugno. A luglio si accende il tutto: visto che parlavamo di tutto e ormai non lo vedevo come una preda ma come una bella amicizia ,una sera gli confido la mia ultima delusione in campo sentimentale e comincia a confortarmi come se mi considerasse davvero una persona speciale. Quella sera in parcheggio scoppia un bacio molto sentito e da lì in poi inizia il mio “calvario”. Ricordo che siamo sempre nel 2018 qui.

Il giorno dopo mi scrive e comincia a proporre cene o addirittura dormire insieme, che io prendo subito come un doppio fine e cerco di mollare la presa.. mi era risultato abbastanza squallido, pensavo fosse realmente interessato e quindi quando mi butta l’idea di dormire insieme ci rimango male.. io li gli dico “guarda, per la cena ci posso anche stare.. ma dormire mi spiace ma non mi sta bene” e lui inizia a dirmi “allora mi sa che purtroppo non possiamo più sentirci” .. ci rimango doppiamente male e gli dico se avesse solo intenzione di portarmi a letto e dice che non è così, si è spiegato male e che sta bene a parlare con me.. se ci ripenso ora mi sa di mossa paracula, ma allora ero troppo cieca.. insiste dicendo che sta bene a parlare con me e chiede se almeno ogni tanto ci si possa sentire; acconsento e di lì a breve iniziamo a sentirci ma non tutti i giorni.. mi cerca a giorni alterni e approfondiamo la conoscenza senza mai vedersi o solo con amici.

Una sera però mi chiede di uscire (agosto 2018) così mi raccontava di come vanno le cose e spiegarmi perché mi ha cercata visto che io ribadivo di non fidarmi: usciamo e va tutto da dio, purtroppo ci ricasco e ci baciamo anche quella sera. Mi dice che con lei è dura perché litigavano spesso soprattutto per un grosso litigio sulla questione convivenza e l’argomento era diventato tabù e non ne parlavano praticamente più dopo quella discussione

A quella uscita ne sono susseguite altre per 2 mesi e mezzo..una volta a settimana dopo i suoi allenamenti visto che lui lavora in un’altra città e non c’erano altri momenti e la ragazza la vedeva al weekend.. poi sono venuta a conoscenza del fatto che la vedesse pochissimo anche lei e in sostanza faceva quello che voleva.. in quei mesi diceva che ero la sua metà mancante, che lo rendevo felice e che mai con nessuna era stato così.. gli ho creduto principalmente perché stava con me fino alle 5 della mattina e lui alle 7 andava a lavorare.. perché al mio compleanno mi ha regalato una maglia o perché, al primo accenno mio di presa di posizione nel decidere con chi stare, lui ha pianto abbracciandomi dicendo che si sentiva in dovere di stare con lei e che si pentirà della scelta..

Per giorni non ci siamo sentiti e poi mi ha ricercata dicendo che stava male, non mangiava e i suoi amici gli chiedevano cosa avesse.. gli chiesi cosa volesse fare allora ma come risposta ho ricevuto solo altro temporeggiare visto che “o rimango sempre dove sono (ormai per rispetto e affetto) oppure da solo per capire cosa voglio”.. ci si vede per altre due settimane e ad un tratto blocca tutto sostenendo che ha parlato con la sua ragazza ma lei non si è fatta mollare anche se si è sentita dire che lui non provava più le stesse cose di un tempo. E piange chiedendosi chissà come sarebbe stato con me. Che si era mezzo innamorato e altro, spiegandomi come si era messo insieme alla ragazza (non era innamorato inizialmente) e asserendo che dopo un anno l’ha tradita ma che lei l’ha perdonato..

Alcune cose poi sono proseguite ma questo è l’inciso più grosso.. l’ho trovato qualche sera in cui ci provava con altre davanti al fratello della sua allora fidanzata.. e anche lì avevamo litigato, perché ci ero rimasta male visto che aveva mollato me per rimanere con lei e poi ancora fare il galletto in giro..

alla fine si è mollato dalla ragazza a giugno del 2019, so che ha fatto altre conoscenze ma è rimasto single nonostante se ne passasse alcune.. ora non so in che rapporti sia, se abbia qualcuna o meno ma non lo vedo più spesso con gli amici.. è da qui che ho iniziato a impensierirmi.. prima lo vedevo con i suoi amici, mentre ora sempre meno e mi è presa l’ansia perché è come se avessi paura che abbia trovato una con la quale intraprendere una storia dopo la ex e non una da portare a letto e basta.. l’ho visto l’ultima volta a gennaio di quest’anno.. festeggiava il suo compleanno e l’ho trovato euforico e alticcio (strano, non è che fuori lo trovassi sempre sobrio) solo che quella sera non ero sobria nemmeno io perché festeggiavo il ritorno in Italia di un amico e aveva offerto da bere per farci passare una serata allegra.. quando ci siamo visti ci siamo attratti come calamite, anche forse dovuto all’alcol ma comunque è sempre stato un po’ così.. all’inizio era iniziato per gioco, scherzavamo come se non fosse mai successo niente.. è che poi abbiamo iniziato a discutere, quando ha cominciato a rinvangare un po’ i mesi passati insieme.. dicendomi che mi vorrà sempre bene e che gli piacerò sempre.. che gli dispiace avermi trattata così.. addirittura che mi amerà sempre, lì ho reagito un po’ male alzando i toni perché ho detto chiaramente che era un termine troppo forte e se mi avesse voluto davvero bene non mi avrebbe trattata così.. ha detto addirittura che aveva mollato la ragazza per me.. io li mi sono arrabbiata molto, perché se avesse mollato la ragazza per me sarebbe venuto da me.. ha corretto il tiro dicendo “vabbè, ma ho iniziato a volerla mollare per quello che provavo per te”.. ha poi fatto allusioni (oltre ai vari complimenti in cui come sempre mi diceva ero bellissima), che ora che è single si poteva fare qualcosa.. non ho ben compreso se parlasse di qualcosa di sessuale o costruire un qualcosa di normale.. fatto sta che io li presa dalla rabbia, o dal rancore o dall’alcol o da tutte queste cose assieme, gli ho detto che è giusto che faccia le sue esperienze che non ha fatto in 8 anni (o che faceva lo stesso ma comunque ora che è libero può farle).. insomma, come se lo avessi liquidato presa dalla forza della razionalità ma che poi mi sarei pentita perché il cuore mi diceva altro.. e infatti il giorno dopo ho iniziato a pentirmene, non sapendo se avessi fatto la scelta migliore.. lì lui ha replicato dicendo “spero che ti trovi proprio un bel ragazzo” e ci sono rimasta male anche lì.. perché io volevo lui, non un altro.

L’ultima volta l’ho ritrovato a febbraio, prima del lockdown.. avevo ancora un sacco di dubbi e gli ho chiesto se non gli fossi piaciuta abbastanza.. lui mi ha rassicurata dicendo che gli piacevo tanto, non è mai cambiato quello che provava per me.. ma era lui quello indeciso, sbagliato, che ha combinato casini e mi ha chiesto scusa.. ci siamo baciati anche quella sera e da lì io fatico a riprendermi.. stiamo sempre bene quando stiamo insieme, ma ecco che poi quando finisce la serata non mi cerca.. quella sera mi ha detto “ti scrivo io così ci vediamo “ per poi cambiare idea dopo neanche 10 minuti dicendo “scrivimi tu”.. mi sono cadute le ovaie dopo quella frase, come se fossimo a uomini e donne.. inutile dire che non gli ho mai scritto.. e non lo vedo/sento da fine febbraio quindi.. sono molto orgogliosa e ho paura che questo mio orgoglio abbia distrutto tutto..

Il punto è che io dopo questa pseudo storia non riesco più ad andare avanti.. mi sento come in trappola, ogni volta che lo vedo mi si ferma il cuore e ogni volta che conosco o provo a conoscere qualcuno lo paragono sempre a lui.. a come stavo e come mi sentivo con lui.. non riesco più a provare interesse per qualcuno, a trovare quell’intesa e quell’attrazione fisica che avevo per lui.. vedo le mie coetanee costruirsi una famiglia, sposarsi o andare a convivere mentre io mi sento ferma e ho paura dell’avanzare dell’età..

Avevo altre aspettative: mi immaginavo a 25 anni in una relazione importante, convivere con qualcuno ma comunque rimanendo sempre giovani e con voglia di vivere.. mentre ora mi guardo e mi do un sacco di colpe, anche per questa ultima storia.. per mesi mi son detta “se avessi fatto così o avessi detto questo le cose sarebbero andate diversamente”, perché comunque ci si vedeva sempre in macchina e mai ho proposto di andare da qualche parte solo per lui per non farci vedere in giro insieme.. non siamo mai andati oltre al bacio perché io avevo paure che volesse usarmi per altro, ma lui mi pareva mi rispettasse sotto quel punto di vista nonostante le premesse iniziali. non mi ha mai toccata o spinta a far qualcosa che non volessi.. e soprattutto mi sento in colpa perché ha conosciuto il lato mio peggiore, quello da rompiscatole, non ha avuto modo di conoscermi per quella che realmente sono.. solare, estroversa, simpatica e altro.. perché con lui mi son sempre sentita in dubbio, non sapevo mai cosa faceva alle mie spalle.. mi teneva sulle spine, mi sento pure in colpa per aver ecceduto nel continuare a chiedere e fare pressione per mollare la ragazza..mi sono talmente incaponita che secondo me si è allontanato perché ha pensato fossi mezza psicopatica.. non so, ho solo tanta confusione.. mi sento persa.. come se tutta questa storia mi avesse cambiata, mi avesse tolto la parte più bella di me lasciandomi nello sconforto.. soprattutto ora che si sta frequentando con una ragazza e questa volta sia una cosa più seria, hanno già fatto una vacanza insieme questa estate.. come uscirne dai vari “se” e “ma”?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 23 SET 2020

Carissima Ylenia,
Ho letto con interesse la tua storia e credo tu sia incappata in una relazione tossica.
In questi casi si sviluppa una dipendenza affettiva che viene alimentata dall’ambiguità e dall’incertezza.
I tuoi “se e i tuoi ma” sono la normale conseguenza ...
potresti iniziare a fare chiarezza su di te e su quanto hai vissuto attraverso la consulenza e riprendere in mano le redini della tua vita.
Un abbraccio
Dott.ssa Roberta Sossai
Psicologa clinica

Dott.ssa Sossai Roberta Psicologo a Pordenone

18 Risposte

9 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte