Situazione imbarazzante

Inviata da Giorgia · 10 giu 2013 Psicologia infantile

Buongiorno, vorrei un consiglio in merito al comportamento di mio figlio (6 anni e mezzo), che, appena si presenta occasione, si nasconde con il cuginetto (4 anni e mezzo), chiedendogli di abbassarsi i pantaloni per "esplorare" le sue parti intime...E' veramente un argomento delicato; noi di famiglia li abbiamo colti più volte sul fatto e io che sono la mamma l'ho sgridato cercando di fargli capire che non si fa.
Ma alla prima occasione che si presenta, nuovamente chiede al cugino di andarsi a nascondere, che, più piccolo di lui, lo asseconda, facendo tutto quello che gli chiede.
Oggi si è ripresentata la situazione, io vedendo che si erano assentati (stavano giocando in giardino, ed è bastato un attimo di distrazione) sono andata a cercarli: erano in garage. Ho sgridato mio figlio che si è messo a piangere dicendomi che "non riesce a resistere" a fare questa cosa...
Ho bisogno di capire cosa sta succedendo e avere un consiglio su come comportarmi...
Grazie per l'interesse e il tempo che mi dedicherete

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 GIU 2013

Gentile giorgia,
la scoperta e l'esplorazione dei genitali può essere del tutto una fase passeggera: tra i maschietti, siano essi fratelli o cugini...spesso succede. Anziché sgridare suo figlio andrebbe capito il perché. Sovraccaricare emotivamente con una sgridata questo momento può essere per il bambino maggiormente stressante che non la richiesta del gioco in se stessa. Le indicherei di rivolgersi a uno psicologo infantile affinché vi dia delle indicazioni più dettagliate approfondendo anche la vostra storia.

Cordialmente,

Dr. Antonio Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

757 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 GIU 2013

Salve Giorgia,
capisco tutta la delicatezza che questa situazione richiede e anche l'imbarazzo che voi famigliari state vivendo rispetto ad essa. Suo figlio in questo momento trova questa situazione irresistibile, per cui varrebbe la pena approfondire le motivazioni e come questa curiosità ineluttabile si sia strutturata, tenga presente che il bambino capisce benissimo che non dovrebbe farlo e si mortifica molto ad ogni rimprovero ed ogni volta che viene scoperto e questo aspetto ha la stessa importanza che ha il comportamento di per sé. Non è facile dare un parere sul perché lui agisca così, ma penso dovreste porre la questione ad un terapeuta dell'età evolutiva a cui sentiate di potervi aprire rispetto questa situazione.

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

164 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 GIU 2013

Gentile Giorgia,
le curiosità rispetto al corpo proprio e degli altri sono fisiologiche nei bambini e sono legate al loro sviluppo sessuale, che inizia fin dai primi anni di vita; è anche vero che occorre porre dei limiti e diventa importante l'attitudine con cui gli adulti rispondono alle manifestazioni di curiosità e di esplorazione che i bambini hanno. Spesso l'imbarazzo e la difficoltà nel trattare questi temi possono essere approfonditi e superati con un aiuto esterno. Occupandomi di infanzia e genitorialità, rimango se lo desidera a sua disposizione per eventuali chiarimenti o domande. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

474 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 GIU 2013

Buonasera,
leggendo la sua lettera mi viene da pensare, non sarà che imita un adulto. Anzichè sgridare suo figlio potrebbe approfondire con lui questa sua curiosità da dove nasce.

Psicologia E Benessere Psicologo a Roma

311 Risposte

219 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 GIU 2013

Cara Giorgia,
c'è una fase esplorativa e di curiosità che è del tutto normale nei bimbi dell'età di Suo figlio.
Castrare e inibire queste manifestazioni non è utile, piuttosto cercherei di indirizzare in maniera corretta e costruttiva questa curiosità. Da genitore Lei può cercare di comprendere cosa attrae così tanto suo figlio e proporsi di fornire in maniera serena, magari con il supporto di immagini adeguate, con il linguaggio più consono alle capacità del bimbo tutte le informazioni di cui ha bisogno.
Questo Le consentirebbe, inoltre, di diventare per Suo figlio un punto di riferimento anziché qualcuno da cui nascondersi.

Cordialmente
Dott.ssa Mariella Genovese psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Mariella Genovese Psicologo a Reggio Calabria

44 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17400

psicologi

domande 25650

domande

Risposte 90400

Risposte