Situazione di stallo

Inviata da Lara · 18 giu 2021

Come scritto nel titolo, penso di trovarmi ad un punto fermo. Non ho molte alternative a disposizione e nemmeno persone con cui confrontarmi a riguardo, e viste le ultime decisioni che ho preso, direi che è davvero il caso di chiedere il parere di persone più razionali di me.

Avrei la possibilità di trasferirmi nella città sede dell'università in cui studio, tornado però a fare un lavoro che non ho mai voluto fare. Questo perché ci tengo ad essere indipendente e non ho intenzione di dipendere economicamente dai miei.

Il dubbio è dovuto al fatto che non sono più rimasta in contatto con nessuna delle persone che ho conosciuto in passato e non sone nemmeno sicura di avere voglia di vivere in una città che ho sia amato che odiato.
L'alternativa però sarebbe rimanere in un posto piccolo ed isolato, letteralmente ai piedi delle montagne, sempre senza relazioni stabili e circondata da persone super pettegole.

Direi che tornare in città sarebbe il "male minore", ma preferirei cominciare a costruire la via vita in una prospettiva positiva invece di continuare a scegliere il meno peggio.

Sapreste darmi qualche indicazione, punto chiave su cui riflettere per riuscire a prendere una decisione ragionata, razionale e sensata?

Vi ringrazio dell'attenzione e delle eventuali risposte.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 22 GIU 2021

Gentile Lara,
a volte la scelta del "male minore" è il ponte per arrivare a ciò che si desidera. Per cui, anche se oggi sente di dover fare una scelta di ripiego, provi a guardare oltre, con lungimiranza, e si chieda quale delle due scelte potrebbe essere più facilmente il trampolino di lancio verso la vita che vorrebbe?

Quella è la strada giusta per lei perché per arrivare dove vogliamo occorre passare attraverso altri posti che ci proiettano oltre.

Un caro saluto,
Dr Katjuscia Manganiello | Psicologa e Psicoterapeuta a Pesaro e Online

Dr.ssa Katjuscia Manganiello Psicologo a Pesaro

223 Risposte

247 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 GIU 2021

Cara Lara, la risposta é dentro Lei. Sembra che ci sia uno snodo, un bivio: una strada o l'altra La porta ad una determinata definizione di sé. Il punto quindi diventa: chi essere e dove? Dei colloqui psicologici possono guidarLa a comprendere cosa crea l'insicurezza e l'indecisione in questa scelta, importante, per affrontarla e giungere a cosa desidera e soprattutto al Suo benessere e alla Sua realizzazione.
Restando a disposizione
Buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1615 Risposte

878 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GIU 2021

Carissima Lara,
dalle poche righe che scrive traspare il bivio su cui si sente di essere.
Da una parte la sua voglia di indipendenza, dall'altra le scelte che dovrebbe fare per arrivare al suo obiettivo.
Quello che potrebbe fare con l'aiuto di un professionista è capire cosa vuole veramente e quali sono le responsabilità ed i sacrifici che sarebbe disposa a fare oltre a recuperare le sue risorse per non accontentarsi ma trovare la strada per la sua vera realizzazione.
Sono a disposizione
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania Barbaro
Psicologa, Sessuologa clinica e Mindfulness Educator
(ricevo anche on line)

Dottoressa Stefania Barbaro Psicologo a Milano

661 Risposte

195 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 GIU 2021

Cara Lara,
comprendo bene questo stato di indecisione che non fa altro che generare altra indecisione e malessere. Capisco il suo bisogno di indipendenza, di fare esperienze nuove e vivere in autonomia, ma fare nuove esperienze comporta anche prendersi nuove responsabilità, considerare nuovi inizi (che inizialmente possono essere faticosi) e nuovi adattamenti. Per questo, le consiglio di riflettere non in base al male minore come lei scrive, ma su quanto si sente pronta a trasferirsi considerando gli aspetti positivi ma anche quelli meno gradevoli che comporta un trasferimento. Le consiglio inoltre un confronto con un esperto, affinchè possa imparare a gestire le sue difficoltà ed emozioni connesse, per capire quali sono le decisioni giuste da prendere in base al suo sentire e ai suoi bisogni, per sentirsi più comoda e senza rimpianti.
Sono a sua disposizione, anche online.
Un caro saluto,
Dott.ssa Rispoli Martina

Dott.ssa Martina Rispoli Psicologo a Salerno

36 Risposte

10 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19000

psicologi

domande 30550

domande

Risposte 104700

Risposte