Situazione di sofferenza

Inviata da arianna patrignani · 19 apr 2021

Salve a tutti, mi scuso in anticipo per la lunghezza del racconto ma la situazione è complessa. Sono una donna di 35 anni, da 3 anni vivo una relazione col mio attuale compagno. Quando ci siamo conosciuti lui era con la sua attuale ex (non erano sposati) e madre del suo bimbo che ora ha 5 anni. Lui è andato via di casa un anno fa, e da allora viviamo insieme, ma nessuno della sua famiglia sa di me e della nostra relazione, né la sua ex né i suoi genitori. Lui sta affrontando una situazione difficile perché pensa al bene di suo figlio, vive molti sensi di colpa per averlo lasciato, anche se lo vede tutti i giorni e passa molto tempo di qualità con lui. Io invece, oltre al dispiacere di vederlo stare male, provo tristezza e delusione per il fatto di dover vivere ancora nell'ombra dopo tanto tempo, anche se capisco le sue motivazioni.
Comunque, al momento il problema principale è che la sua ex ancora non ha compreso a mio avviso la natura definitiva della separazione (vive ancora a casa di lui senza pagare l'affitto pur avendo una sua casa di cui percepisce una rendita e un lavoro) e fa vivere e molti sensi di colpa a lui sottolineando sempre che il bambino soffre per la separazione dal padre e dando la colpa a questo per ogni singola volta in cui il bambino fa i capricci o manifesta tristezza, cosa che io ritengo invece sia una reazione perfettamente normale e inevitabile alla separazione, oltre ad essere anche fisiologico che un bambino non sia sempre felice in assoluto. Mi piacerebbe un punto di vista sul mio ruolo difficile in questa situazione: come posso essere di supporto per il mio compagno ma al tempo stesso non ignorare le mie esigenze di normalità? Per quanto ancora è giusto continuare ad accettare questa clandestinità? Grazie per chi vorrà rispondermi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 APR 2021

Ciao Arianna.
Sicuramente è una situazione molto complessa. Da una parte c'è il tuo desiderio di essere riconosciuta, dall'altra si percepisce il senso di colpa che provi quando i tuoi bisogni si fanno sentire. È assolutamente normale che tu vivi questo conflitto. Bisognerebbe approfondire le dinamiche che intercorrono nella relazione e la qualità della stessa. Attraverso un percorso di supporto psicologico potrebbe fare un po' più di chiarezza per ritrovare un equilibrio e affrontare le situazioni con lucidità.
Sono disponibile per un consulto online e in presenza
Un caro saluto
Dott.ssa Francesca Tagliente

Dott.ssa Francesca Tagliente Psicologo a Torino

1 Risposta

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 APR 2021

Carissima Arianna,
la situazione è sicuramente complessa ma quello che sarebbe il caso di approfondire sarebbe come sta lei in questo rapporto.
Se quelle che sono le sue esigenze, come scrive, sono correttamente evidenziate.
Un supporto psicologico che la aiuti a fare chiarezza le potrebbe essere di aiuto per capire come ritrovare una serenità e una chiarezza di idee che potrebbero portarla a ritrovare un equilibrio.
Sono a disposizione per un consulto
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania Barbaro
(ricevo anche on line)

Dottoressa Stefania Barbaro Psicologo a Milano

527 Risposte

154 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 APR 2021

Cara Arianna, le risposte alle Sue domande le può trovare dentro di Lei, concentrandosi su se stessa e sul come vive e potrà vivere a lungo termine questa situazione. Non si dimentichi che quello che conta é il Suo benessere.
Buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1615 Risposte

868 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18600

psicologi

domande 29600

domande

Risposte 100800

Risposte