Non puoi recarti in nessun centro?
Trova uno psicologo online
Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Situazione complicatissima

Inviata da maurizio il 15 feb 2016 Terapia di coppia

Salve,
ho 33 anni scrivo per ricevere un consiglio sulla mia attuale situazione con la mia compagna che mi sta portando ormai ad una vera e propria guerra psicofisica con me stesso!!!
4 anni fa ho conosciuto la mia compagna, e come ogni inzio di storia l'entusiasmo era ella stelle e la passione era smisurata! Dopo pochi mesi ho iniziato subito a notare un calo del suo desiderio fino a scomparire del tutto dopo non appena un anno! La situazione diventava per me insostenibile perchè l'amavo tantissimo ma allo stesso tempo sentivo di vivere una storia non sana e non completa , ed a un certo punto , dietro i suoi continui rifiuti , proposi di andare da uno psicoterapeuta per iniziare una terapia per capire il problema. Purtroppo nonostante 1 anno di terapia l'intimità tra noi non migliorava , anzi per tutto il periodo fu totalmente assente!Così decidemmo di cambiare psicoterapeuta e altri 7 mesi di terapia con gli stessi risultati!!! Entrambi i professionisti mi dissero che lei non riesce a superare un lutto in famiglia avvenuto 1 anno prima di incontrarmi ....ma io allora non mi spiego il perchè dell'inizio stupendo e del suo desiderio costantemente presente per i primi mesi della nostra storia!!! Detto questo , dopo due anni di tentativi e spinto dal forte sentimento deicido di non "pressarla" più sull'argomento e complice anche un mio periodo lavorativo molto intenso , riesco a mettere da parte quel lato sperando che almeno la mia indifferenza sessuale nei suoi confronti possa migliorare la situazione.....ma dopo ancora altri mesi di astinenza da parte sua nemmeno l'ombra di un approccio!!!Ormai dopo 3 anni di rapporti contati sulle dita di una mano non sapevo più che fare e iniziai ad avere seri problemi di insonnia perchè per tutta la notte pensavo alla situazione , su come risolverla e del perchè del suo totale rifiuto nei miei confronti! Poi , una notte ci fù un suo timido tentativo che colsi al volo.....ma dopo due mesi da quella volta ci accorgemmo che quella notte concepimmo un figlio....si.....proprio così rimase incinta!! E con il mio stato di umore e con tutti i problemi non riuscivo a capire se considerarci fortunati o meno per aver "beccato" il giorno giusto dopo mesi e mesi di totale assenza di rapporti!!!! Adesso la gravidanza è al 4 mese , e lei da quella volta ha ripreso la sua totale assenza di desiderio......e ora sono più frustrato di prima.....non capisco più nulla! Non so se sono felice di questo arrivo , non so più se la amo , ormai sto soffrendo tantissimo per l'esigenza di fare sesso , ho ripreso a non dormire la notte per interrogarmi continuamente su tutte queste domande....non so più che fare , come comportarmi , lei ora addirittua mi parla di voler comprare casa , ma io ormai non me la sento più e non so come evitare l'argomento.......sono intrappolato con me stesso.......penso che se non ci fosse stata questa gravidanza a quest'ora potevo decidere di chiudere....ma poi facevo bene? è giusto chiudere una storia per questo motivo? Qual'è il vero motivo di questo suo continuo rifiuto???Lei mi ha sempre detto che mi ama ma che non ha desiderio e non dipende da me....io ora cosa dovrei pensare ? Ho sacrificato 4 anni della mia sessualità spinto dall'amore e non so se un giorno potrò pentirmene! E' giusto che lei continui a non essere attenta alle mie "esigenze"? Le mie domande sono tante....ma nessuna ha una risposta precisa.....e sto malissimo, sto vivendo con complessi, dubbi, incertezze, mi sento inadeguato.....sono davvero al limite di tutte le speranze.....e non so come uscirmene. Desidero con tutto me stesso ritrovare la mia serenità e soprattutto la mia iniziale vita di coppia con lei dove mi ha portato ad innamorarmi di lei.....ora utto è crollato , e ho bisogno di un aiuto , un consiglio , un suggerimento....qualcosa che mi possa far capire come affrontare e risolvere questa situazione.
Grazie a tutti di cuore

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Alessandro,
la sua è una storia tanto complicata da avere, a tratti, del paradossale.
Se ben due psicoterapeuti hanno individuato nel lutto dell'anno precedente la spiegazione del calo del desiderio della sua compagna, non si capisce perchè non sia stata data la priorità a questo problema con un lavoro individuale che poteva aiutare la sua compagna ad elaborare il lutto anche se rimane poco comprensibile, ed in questo sono d'accordo con lei, come mai nel primo anno di frequentazione queste interferenze negative non ci sono state.
Altra cosa strana è che lei, dopo aver penato tanto in questa relazione senza capire se questa donna poteva essere la donna della sua vita con cui costruire una famiglia e dopo sporadici rapporti nell'arco di 3 anni, ne ha consumato un altro senza adottare alcuna precauzione riguardo ad una possibile gravidanza!
Ora, se capisco bene, la sua compagna sta portando avanti la gravidanza continuando a non darsi pensiero della relazione e continuando ad ignorare i suoi sacrosanti bisogni e desideri.
Intanto, credo che lei debba scindere il suo ruolo di futuro padre con i diritti/doveri che implica, dal ruolo di compagno insoddisfatto di una donna da cui aspetta un figlio che non è il risultato di un progetto d'amore condiviso e realizzato.
In altre parole, non credo che lei, stando così le cose, sia tenuto a sacrificare la propria vita e la propria felicità solo perchè la sua compagna dopo tanta astinenza è uscita inaspettatamente incinta.
Credo sia legittimo che tutti i progetti collaterali della sua compagna (casa, eventuale futuro matrimonio etc.) debbano essere messi quanto meno in stamd-by in attesa di risolvere il problema di una maggiore compatibilità della coppia anche relativamente all'area della sessualità.
Se non sono bastate due terapie di coppia, penso che lei debba privilegiare ora una psicoterapia individuale per essere aiutato a risolvere in un modo o nell'altro
il problema di questa strana relazione e situazione.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6771 Risposte

18937 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Alessandro
in effetti la situazione è paradossale, però io, fossi in lei, a questo punto privilegerei proprio la cosa meravigliosa che è capitata e cioè di concepire un figlio!
la chiamo "meravigliosa" per due motivi: uno perché lo è in sè, due perché è successo così, come a testimoniare che, comunque sia, tra voi due c'è affinità, anche sessuale, paradossale che possa sembrare.
Intanto questo bambino nascerà e la sua storia con questa donna avrà avuto una "forma reale" in qualcosa di grande e di unico.
Non dimentichiamo mai questi miracoli del vivere.
Come sarà poi il rappoprto con la mamma del bambino? Questo non è dato sapere. Non saranno, comunque, le lunghe notti insonni a rivelarci il futuro.
Perché non concentrarci positivamente sul presente che, peraltro, abbisogna di essere accolto con buone energie da parte di entrambe.?
A volte nella vita occorre essere pratici.
Ci sono tante persone che vorrebbero un figlio e non ce l'hanno, lei non l'ha precisamente voluto però è capitato, lo prenda come un dono... e se i suoi sforzi di comprensione e di amore verso questa donna abbiano meritato questo dono?
Lei ha parlato di "sessualità sacrificata", questo bambino però è frutto di una sessualità procreatrice e integra... non c'è del bello? Del meraviglioso?
Vediamo le cose in modo più ampio...ci sono altri significati oltre quelli immediatamente visibili.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6836 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Il suggerimento è di contattare uno psicosessuologo, che è un professionista molto più centrato rispetto alle figure finora contattate per i problemi di desiderio sessuale.

E' probabile che il collega che sceglierete possa proporre una terapia individuale alla sua compagna, anche se lo contatterete insieme.

Dubito che il problema del lutto -da solo- abbia potuto causare un calo che perdura da così tanto tempo e condivido i suoi dubbi sulla naturalezza iniziale.

Penso piuttosto ai significati che la sua compagna sta dando al sesso e alla vostra relazione, e al ruolo che Lei potrebbe aver assunto ai suoi occhi, di protezione e sicurezza; fattori che potrebbero aver compromesso il lato erotico.

Molto utile lavorare sulle fantasie sessuali, con veri e propri esercizi mentali, ma deve essere qualcosa che, almeno per l'inizio, non coinvolge Lei, ma solo la sua compagna.

Di sicuro la gravidanza potrebbe essere un problema, ma solo perché in questo periodo la sua compagna sarà concentrata sul bambino. Tuttavia, fossi in Lei contatterei comunque subito il professionista.

Le raccomando però di cercare uno psicosessuologo, poiché si occupa in modo estremamente specifico di questioni sessuali e che conosce tecniche ed esercizi in grado di affrontare questo tipo di problemi.

Cordialmente,
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino. Psicologa, Roma.

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Psicologo a Ardea

197 Risposte

247 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Alessandro,
ho seguito con attenzione e trasposto la sua storia, tanto travagliata quanto carica di sentimento che da parte sua è evidente esserci, anche visto il profondo rispetto che ha portato alla sua compagna. Afferma di aver intrapreso già due terapie di coppia, entrambe purtroppo risultate non efficaci, presumo che probabilmente non siate arrivati a scoprirne le cause e a intervenire adeguatamente sulla problenatica. La carenza di desiderio è qualcosa che col tempo logora la coppia, pertanto il suo senso di frustrazione e fallimento è perfettamente comprensibile, il mio consiglio pertanto è di riprendere in mano la situazione è riattivarsi alla ricerca di un terapeuta esperto in problemi sessuali e di coppia, però dovrebbe attendere che la sua compagna termini la gravidanza in quanto questo è un periodo molto delicato per una donna, sia dal punto di vista fisico che psicologico. Nelfrattempo non si arrenda e continui a cercarla e a starle vicino, parlandole apertamente delle sue emozioni e di quello che pensa e che vuole, questo è un periodo anche di maggiore sensibilità per una donna. In ultimo tenga sempre presente che adesso c'è in gioco una nuova vita che attende di essere accolta e amata e sarà anche nel suo interesse se riuscirete a ritrovare l'affinità di un tempo. Le faccio un caro augurio e qualora avesse bisogno non esiti a contattarmi.
Dott.ssa Di Rosa Raffaella
Psicologa clinica e dell'età evolutiva, Psicodiagnosta, Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale a Villaricca (Napoli).

Dott.ssa Di Rosa Raffaella Psicologo a Villaricca

97 Risposte

43 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Alessandro,

le suggerisco di parlare, condividere pensieri e preoccupazioni con la Sua compagna; sia sincero, si apra, non abbia paura di dire, comunicare i suoi bisogni più intimi; la relazione sessuale è parte integrante di una relazione d'amore. E deve necessariamente soddisfare entrambi i partner; c'è un punto di incontro da trovare, da scopire insieme, un punto diverso da coppia a coppia che ha a che fare con la storia individuale di ciascun partner e della coppia in sè.

Due percorsi psicoterapeutici hanno fallito; riprovateci.

Chieda nuovamente alla Sua compagna di mettersi in gioco ancora; di provarci ancora una volta in vista anche e sopratutto del bimbo che verrà che ha il diritto di avere due genitori soddisfatti dlela propria relazione di coppia.

In bocca al lupo!

Dott.ssa Cristina Fumi
psicologa psicoterapeuta
Milano

Dott.ssa Cristina Fumi Psicologo a Milano

233 Risposte

228 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ha ragione Alessandro, la sua situazione è complessa; si sente dilaniato fra desideri e la realtà nella quale si sente rifiutato e paradossalmente impotente. Difficile integrare in questo quadro l'arrivo di un bambino.
Il calo del desiderio spesso è legato ad una paura di intimità e di fusione con l'altro. Mi chiedo se nei vostri percorsi terapeutici avete affrontato queste questioni e quanto avete lavorato con un un approccio che dia significato a questo sintomo in un contesto relazionale. Sono molto utili anche esercizi sessuologici.
Ma forse in questo momento il malessere lo sente lei e questo continuo rimuginio che non la fa dormire, potrebbe essere incanalato e rielaborato in un suo percorso individuale. Forse ora ha bisogno di mettere al centro le sue esigenze e il suo benessere, e una volta più sereno, potrà occuparsi della sua compagna e della sua nuova famiglia.
Se ha bisogno mi contatti pure.
Dott. ssa Claudia Giangregorio

Dott.ssa Claudia Giangregorio Psicologo a Milano

64 Risposte

30 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16000

psicologi

domande 20650

domande

Risposte 80300

Risposte