Sindrome della brava bambina

Inviata da Seeker · 2 feb 2021

Sono stata una 'brava bambina". Ora riconosco che molte scelte degli ultimi anni sono state dettate più da un "senso del dovere" verso gli altri/famiglia che dal mio vero sentire. Se ripenso a come sono andate le cose mi sale la rabbia. La frustrazione repressa negli anni perché non sapevo nemmeno darle un nome ora si materializza distintamente nella mia testa. Rimpiango tutti i no che non ho detto. Come faccio a gestire tutto ciò? Come faccio a ricominciare e non lasciare che questi graffi brucino ancora? Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 FEB 2021

Buongiorno,
Credo sia nel luogo più adatto per porre questa domanda.
Spesso accade che le persone si trovino, in un determinato punto della propria esistenza, a rendersi conto di aver agito secondo il volere di altre persone e non secondo il proprio. solitamente queste persone sono genitori o figure famigliari molto importanti e talvolta un poco invadenti.
Questa dinamica si inscrive in un quadro molto frequente e sicuramente attraversabile.
Per come penso la terapia con determinate persone essa ha precisamente lo scopo di aiutare il paziente a trovare il modo di riconnettersi con il proprio desiderio per poterlo assumere e, in un certo senso, liberare.
Il fine sarebbe quello che il paziente possa agire libero dai condizionamenti degli altri e unicamente rispondendo al proprio desiderio più autentico. certo questo desiderio bisogna prima imparare a riconoscerlo ed accettarlo smussando un po quello che lei chiama "senso del dovere" verso l'altro.
Potrebbe esserle molto d'aiuto iniziare un percorso finalizzato ad attraversare questi graffi in modo che cessino di bruciare e possano divenire vecchie cicatrici cui, alla fine, riuscire anche ad affezionarsi un po.

Un caro saluto

Dott. Matteo Brazzelli Psicologo a Milano

23 Risposte

84 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 FEB 2021

Gentile Seeker,
purtroppo non tutti i genitori sonoi maturi per essere dei genitori sufficientemente buoni e capaci di accompagnare e far sviluppare anzichè soffocare i desideri e i sentimenti dei loro figli.
Spesso questo comportamento è attuato in buona fede a scopo protettivo senza valutare i danni potenziali conseguenti.
Ora per far sì che questa ferita non le bruci troppo, anche a distanza di anni, lei può solo provare a elaborare frustrazione e rabbia e forse perdonare tramite un percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7411 Risposte

20810 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 FEB 2021

Cara Seeker, penso che la sua rabbia sia molto funzionale in questo momento, come motore propulsivo per riconnettersi a sè e ai suoi bisogni, piuttosto che seguire il senso del dovere e le aspettative degli altri. Una psicoterapia la aiuterebbe sicuramente in questo senso, per smettere di essere una "brava bambina" e scoprire chi è davvero e cosa vuole. Rimango disponibile per qualsiasi maggiore informazione in merito. Saluti

Rebecca Silvia Rossi Psicologo a Andria

136 Risposte

56 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 FEB 2021

Buongiorno,
e grazie per aver condiviso la sua esperienza.
Le aspettative degli altri, soprattutto dei familiari, giocano sempre un ruolo importante al quale sembra necessario rendere conto ed attenersi. Ma non è cosi. Sulla scia del "so cosa è bene per te" i cari fanno errori educativi che spesso sfociano in insoddisfazione e rabbia per chi, come lei, aderisce alla figura della brava bambina obbediente. Soprattutto perché la modalità che si mette in atto, successivamente è quella del "sarò come mi vuoi" snaturando il proprio vero Se.
La consapevolezza che si è fatta strada in lei tuttavia le permetterà di riequilibrare, magari con l'aiuto di un professionista che la seguirà nel suo cammino di emancipazione, le sue vere inclinazioni.
E il passato è passato, e come una fenice si butta alle spalle la cenere e si libra nell'aria fiera delle sue splendide ali, così le sarà possibile ri-costruire sulla sua nuova consapevolezza di sé.
Perchè si è sempre in divenire, si cambia, si cresce.
Un sincero augurio
Simonetta Carola Lanaro


D.ssa Simonetta C. Lanaro psicologa psicoterapeuta Psicologo a Moncalieri

32 Risposte

13 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 FEB 2021

Gestire tutto da sola non è sempre facile e possibile. Direi che sei nel posto giusto, ora sta a te scegliere il professionista con cui vorresti intraprendere un percorso.

Dott. Fera Benedetto Psicologo a Bari

63 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 FEB 2021

Buon giorno, e grazie per aver scritto in questo portale.
Da quello che scrive mi sembra molto importante che sia riuscita a riconoscere questo suo atteggiamento che l'ha accompagnata per molto tempo nella sua vita. La domanda che si pone è essenziale, e forse l'aiuto di un/a professionista potrebbe aiutarla a comprendere meglio i motivi, spesso inconsapevoli, del suo agire e delle difficoltà che ha nel prendere delle scelte che tengano in considerazione un suo desiderio piuttosto che quello dell'Altro. La comprensione dei pensieri e delle emozioni inconsce che prova può essere importante per comprendere come gestire al meglio tutto ciò, tenendo in considerazione la sua storia e le sue esperienze per un nuovo inizio.

Spero di esserle stato utile con questa risposta,
rimango a disposizione per eventuali chiarimenti e informazioni, in caso non esiti a contattarmi.

Cordialmente,
Dr. Domenico D'Amico
(Psicologo Clinico, disponibile a consulenze online)

Dr. Domenico D'Amico Psicologo a Lecco

40 Risposte

59 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 FEB 2021

Scegliendo e seguendo il suo istinto.
Ma attenzione, la scelta ha anche una parte dolorosa che bisogna saper affrontare. Non è detto che buttare via tutto e ricominciare da zero sia la cosa migliore. I graffi, col tempo, diventano cicatrici, non più dolorose ma utili perché ricordano il dolore passato e, se tenute in considerazione, perché ci permettono di non compiere i medesimi errori.
Quando il nostro "senso del dovere", però, soverchia la nostra spinta vitale non permettendoci, ad esempio, nemmeno di dire un sano "No!", allora è tempo di capire qual'è il motivo (spesso inconscio) che ci spinge ad agire così.
Affidarsi ad un terapeuta che ci aiuti a "rimettere pace" nella nostra testa affrontandone assieme il conflitto è sicuramente un'inizio.
Buona Vita
Dott. Renato Banino

Dott. Renato Banino Psicologo a Padova

34 Risposte

26 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 FEB 2021

Salve, leggendo le sue parole pensavo che prendere consapevolezza della dinamiche che hanno orientato la propria vita fino ad un certo punto rappresenti un ottimo punto di partenza. Lavorando con le famiglie e gli individui in qualità di terapeuta familiare, riscontro spesso nei miei pazienti quanto possano essere forti i condizionamenti familiari: scelte di vita orientate ad assecondare aspettative genitoriali operate per non deludere chi si ama ma mutilanti per la vita di una persona. Quello che sento di dirle è che non si viene al mondo per essere quello che qualcuno si aspetta che siamo, ma per diventare quello che siamo destinati ad essere sulla base della personalità, delle risorse, delle esperienze di vita e delle proprie inclinazioni. Può conoscere la sua rabbia e trasformarla nell'opportunità di scegliere diversamente in futuro, risanando le ferite affinchè non brucino più e mettendo se stessa al centro della sua vita.
Spero di esserle stata utile.
Dott.ssa Valentina Padolecchia

Dott.ssa Valentina Padolecchia Psicologo a Bari

13 Risposte

6 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 FEB 2021

Carissima,
quando la nostra persona si sottomette agli altri per quieto vivere, per ubbidienza, per non ferire, per non fare del male, inevitabilmente gli altri se ne approfittano e chiedono sacrifici sempre maggiori. La via d'uscita è una sola: la conoscenza dei tuoi meccanismi più profondi che ti conduca a una consapevole gestione delle tue scelte e delle tua azioni. In poche parole: la terapia. Il tuo punto di partenza è giù incoraggiante e fa ben sperare. I miei più cari auguri.

Dott. Vincenzo Crupi Psicologo a Palermo

87 Risposte

120 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 FEB 2021

Cara Seeker, la cosa importante è che tu abbia preso coscienza della tua situazione e del fatto che tante tue scelte nascevano dal bisogno di aderire alle aspettative altrui. Questo é un passo decisivo e per nulla scontato. D'ora in avanti puoi svincolarti dal passato ed ascoltare i tuoi bisogni. Il sentimento di rabbia nasce dalla ferita, dalla consapevolezza che avresti potuto prendere strade diverse. Correggi il tiro laddove puoi e non angustiarti per il passato. Un saluto affettuoso dott.ssa Antonella Ricci

Dott.ssa Antonella Ricci Psicologo a Tivoli

153 Risposte

56 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 FEB 2021

Gentile Seeker, purtroppo una risposta semplice non c'è. Bisognerebbe conoscere le tue condizioni di vita ed i tuoi gradi di libertà, e potenziare quelli. Un caro saluto
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

1004 Risposte

412 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 FEB 2021

Buongiorno Seeker,

i "bravi bambini" non possono essere sempre bravi né rimanere per sempre bambini.
Lei probabilmente ha ora realizzato che è cresciuta e che non può essere sempre brava: ha capito che questo ha limitato molto le sue scelte e i suoi desideri.

E questo genera (tanta) rabbia sia verso sé stessi, sia verso quelle persone che l'hanno fatta sentire in dovere di essere una brava bambina.

La sua condizione è quindi del tutto giustificata ma come dice ci sono dei graffi che bruciano ancora.
Rimango a sua disposizione qualora sentisse l'esigenza di lavorare ed elaborare quegli aspetti che fanno ancora bruciare quei graffi.

Un caro saluto

Matteo Marconi
Psicologo

Dott. Matteo Marconi Psicologo a Cesena

13 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 FEB 2021

Carissima, questi "no" che lei non ha saputo dire, saranno dipesi da qualcosa, qualcosa di importante, che era dentro di lei e che lei dovrebbe provare ad accettare. Inoltre, l'unico tempo di cui noi disponiamo è il presente, non viviamo nel passato e neanche nel futuro, ma solo nel presente ed è di quello che possiamo disporre. Ora sono i sensi di colpa a farla da padrone, ma lei si rende conto di come questi la stanno bloccando? Provi a perdonarsi. Certo forse per farlo avrebbe bisogno di essere guidata. Io sono a sua disposizione anche on line, se lo volesse.
Un caro saluto.
Dott.ssa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

622 Risposte

304 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 FEB 2021

Gentile Seeker, mi permettondi segnalarle un articolo che ho pubblicato proprio su questo portale relativamente al problema che lei porta. Penso che potrebbe darle degli spunti di riflessione.
Un saluto, Luisa Fossati

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

407 Risposte

460 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 FEB 2021

Gentile Seeker,
la rabbia è comprensibile.
Provi a concentrarsi di più ora su quello che può fare, pensando ad una nuova progettualità, ripensando ai criteri per le sue scelte presenti e future.
Valuti il supporto di un professionista, anche per un periodo breve, per gestire i sentimenti sgradevoli descritti, maturare maggiore consapevolezza sulle dinamiche della desiderabilità sociale e dell'accondiscendenza, e quindi favorire una maggiore gestione di questi processi. E riscriva la sua storia personale riscoprendo i suoi desideri e ricalibrando i suoi obiettivi personali.
Le auguro un buon viaggio di scoperta nella sua crescita personale.
Dott. Giovanni Iacoviello

Dott. Giovanni Iacoviello Psicologo a Bergamo

99 Risposte

83 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 FEB 2021

Cara Seeker, come è riuscita a riconoscere che negli ultimi anni si è comportata maggiormente come pensava che gli altri avessero voluto rispetto a come avrebbe voluto lei? Questa mi sembra una consapevolezza importante, il primo passo verso un lavoro con se stessi che porta un cambiamento rispetto a ciò che di noi vogliamo modificare. Certo, come lei dice, quello che è passato possiamo rimpiangerlo, ma ci permette anche di riflettere per capire quali sono i nostri schemi mentali, le nostre credenze su di noi, sugli altri e sul mondo. E poi possiamo decidere di affrontare il presente in modi differenti. La sua rabbia la può incanalare come motivazione al cambiamento, così che possa diventare una grande risorsa.
In bocca al lupo per tutto
Dott.ssa Raffaella Gervasoni

Dott.ssa Raffaella Gervasoni Psicologo a Livorno

23 Risposte

11 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 FEB 2021

Cara Seeker,
lei ha descritto la sua infanzia come quella di una “brava bambina” che ha cercato di compiacere i suoi genitori . Secondo la teoria degli Stati dell’Io dell’ Analisi Transazionale , lei è stata una bambina adattata.
Molto probabilmente è stata saggia da piccola nel compiacere i suoi genitori pur di ricevere il loro amore ( il dono d’amore definito da Lorna Benjamin).
Tuttavia, quella decisione presa in età infantile ora che è adulta le risulta stretta.
Nasce quindi la necessità di una ridecisione . Le suggerisco di seguire un percorso di psicoterapia ,anche breve , con un analista transazionale.
Un caro saluto
Dr.ssa Anna Capriati

Dott.ssa Anna Capriati Psicologo a Trieste

17 Risposte

49 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 FEB 2021

Buonasera Seeker, avere acquisito consapevolezza del fatto che alcune scelte non siano in realtà state Sue fino in fondo rappresenta un primo importante passo per innescare un cambiamento. Prenda in considerazione l'idea di avvalersi dell'aiuto di un professionista in modo da avviare un percorso all'interno del quale rivisitare la Sua storia personale e relazionale, contestualizzare gli eccessi di accondiscendenza di cui parla e, di conseguenza, evitare di metterne in atto altri.
Resto a Sua disposizione per eventuali approfondimenti.
Dottoressa Daniela Raffa
(Psicologa- Psicoterapeuta-
disponibile per terapie online)

Dottoressa Daniela Raffa Psicologo a San Giovanni la Punta

161 Risposte

65 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18100

psicologi

domande 28300

domande

Risposte 97300

Risposte