si separa ...vuole me....e poi tempo....

Inviata da fabia79 · 21 giu 2017 Terapia di coppia

ho 37 anni.lui 53...una grande sintonia sul lavoro per un anno poi è diventata attrazione, passione...e poi una relazione.Lui aveva una compagna ed una bambina di un anno e tre mesi...io separata con un bimbo di tre....ho cercato di respingerlo...per paura...ma ci siamo innamorati..lui mi ha detto più volte che la sua relazione era ormai finita(durava da sette anni) non c'era più affettività, intimità, dialogo, amicizia...ed alla fine si è separato...ha lasciato casa....ma è pieno di sensi di colpa...la sua ex ha scoperto la ns relazione ed è successo un casino...lui nel panico perché vive in costante apprensione per la bambina che "se la mamma soffre se la prende con la bimba..." lei sempre brusca con piccola...lui angoscito dalla mancanza di affettività della madre...
noi diventamo un'altalena...due giorni bene...tre settimane vicini...poi allontamenti...gelosie...lui che non si sente libero nemmeno di camminare con me in zone a rischio dove potremmo vedere amici della sua ex o addiruttura lei...so per certo che lei sa di noi perché abbiamo parlato...ma lui se incontraimo qualcuno in giro...mi lascia li come una ebete.,,,,e poi se gli dico che mi sono senitta mortificata ed in imbarazzo...passo pure per la rompipalle...
ha iniziato una terapia perché soffriva troppo per la figlia....
e da li...la terapeuta gli dice che deve stare solo..s.enza donne...che deve elaborare prima la fine della sua precedente relazione...che deve scegliere...
e lui mi dice che non sa cosa vuole...che la ns storia cmq è piena di alti e bassi e lui "sto come su un orlo di un precipizio qualunque cosa anche la più banale e legittima richiesta mi fa mancare l'aria...mi chiude...e devo stare da solo"...dice (e lo vedo) che è depresso...che è stanco...che non ha tempo per se....mi ha chiesto tempo...
io gli ho detto che sono adulta...se vuole solo addolcire l pillola non servono queste cose...
gli ho chiesto se mi ama ancora (visto che sabato scorso me lo ha scritto)...vista la nostra profonda intimità quando riusciamo a vederci perché lavoriamo insieme ed erano mesi che non uscivamo insieme dopo il lavoro o la sera...ma quando accade siamo sereni (a meno che non incotriamo amici della ex)...
mi ha detto che io "non gli do il tempo di farli venire fuori...che quando gli dico che sparisce a volte...che potevamo stare insieme alcune volte...lo faccio sentire frustrato...
ieri abbiamo deciso di fare qualche colloquio con la mia terapeuta...lui è disponibile...ma mi domando...che senso ha se vuole stare da solo?"?!?!? posso chiedervi una mano per favore...non riesco a stare ferma....la ns relazione è iniziata ad ottobre del 2015...io sto affrontando le mie angoscie abbandoniche...ma perché non viverci!!! perché se fuori staimo bene non vivere questa relazione..io non credo nel tempo...per me è una cavolata....per addolcire la pillola...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 GIU 2017

Gentile Fabia,
in situazioni simili alla sua, penso che il tempo può rappresentare uno strumento di aiuto solo quando è speso bene.
Quest'uomo è in psicoterapia e dovrebbe essere aiutato a definire con chiarezza e con civiltà quale direzione deve prendere la sua relazione coniugale, se cioè c'è spazio per un lavoro di recupero di essa oppure se si può procedere verso una separazione consensuale attraverso un lavoro di mediazione che non lasci troppi strascichi di rabbia e conflittualità che verrebbe scaricata sulla bambina piccola con conseguente angoscia e sensi di colpa per lui.
Lei Fabia, si trova invece in una situazione alquanto più favorevole poichè non sembra bersagliata dal suo ex e non vive sensi di colpa analoghi a quelli dell'uomo in questione.
Il fatto che anche lei si stia facendo aiutare in psicoterapia è un'ottima idea e può essere anche utile fare delle sedute di coppia.
Purtroppo però costruire una relazione nuova sulle rovine di relazioni precedenti dalle quali si sono avuti pure dei figli non è una impresa facile e bisogna dotarsi di molta pazienza essendo consapevoli che esistono inevitabili limitazioni da accettare.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio dim Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7134 Risposte

20297 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88400

Risposte