Si può guarire dall'ansia e disturbo di panico definitivamente?

Inviata da Lale il 14 ott 2015 Ansia

Soffro di ansia e disturbo di panico e vorrei sapere se si guarisce.ho già fatto un può di psicoterapia ma non sono guarita.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentilissima,

"guarire definitivamente" credo sia sostituibile con "stare meglio e imparare a gestire eventuali momenti di ansia che possono ripresentarsi".
Sentirsi capaci di affrontare un momento di ansia (ad esempio attraverso le tecniche di distrazione e l'acquisizione di strategie), ha l'effetto di abbassare la paura e quindi l'ansia.
Sentirsi capaci, significa anche riconoscere che l'ansia è un modo attraverso cui la mente esprime ciò che non riesce a comprendere: saper chiedere un aiuto professionale - per fermarsi a riflettere sulla propria vita con l'obiettivo di far chiarezza e raggiungere una condizione di benessere - è una preziosa risorsa.

Un saluto.

Dott.ssa Annalisa De Filippo
Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Annalisa De Filippo - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Sesto San Giovanni

58 Risposte

358 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima Lale,
i disturbi d'ansia e gli attacchi di panico hanno origini profonde e legate alla storia personale del soggetto.
Non dice per quanto tempo sia stata im terapia, questo è importante perché in genere ci vuole tempo per comprenderne l'origine e per determinare un cambiamento.
Ovviamente la durata varia da soggetto a soggetto.
Le consiglio di ricominciare la terapia o con lo stesso terapeuta o con uno nuovo.
Si dia tempo e consideri che il percorso che sta seguendo sarà anche la via per eliminare il suo sintomo.

Un caro saluto.
Dott.ssa Fornari Daniela

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

375 Risposte

419 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Lale,
mi sento assolutamente di dire che dal disturbo di panico è possibile guarire, sicuramente però non senza intraprendere un percorso di cambiamento personale e di comprensione sul significato specifico dell'ansia che prova.
Non si abbatta se un percorso psicoterapico non ha dato risultati, a volte può succedere che non siamo ancora pronti al cambiamento o che non abbiamo intrapreso il percorso psicoterapico più adeguato.
Il tipo di psicoterapia che da i risultati maggiori è quella cognitivo comportamentale.
Un caro augurio
Dott.ssa Annalisa Caretti

Studio Dott.ssa Annalisa Caretti Psicologo a Verbania

127 Risposte

105 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile lettrice,
l'ansia è una situazione di malessere caratterizzata da paura e preoccupazione di fronte ad una difficoltà da affrontare. Questa condizione in cui si trova l'individuo non solo è normale ma è addirittura utile per attivare l'attenzione e per dare la "carica" affinchè l'ostacolo sia superato. Quello che invece non va bene è "l'eccesso di ansia" che può essere paralizzante e perciò disfunzionale.
L'attacco di panico è invece una situazione acuta e drammatica in cui le difese sono superate e non c'è più il controllo sull'ansia stessa per cui il soggetto si sente in una situazione di grave pericolo anche se non vi sono valide ragioni per questo.
Questi episodi di ansia acuta e attacchi di panico innescano una serie di evitamenti con forte limitazione alle normali attività della persona e vanno curati con un adeguato trattamento di psicoterapia.
Lei dice di aver fatto "un pò" di psicoterapia e non essere ancora guarita.
Tenga conto che l'efficacia della psicoterapia, in questo caso preferibilmente di tipo cognitivo-comportamentale, si manifesta in tempi medio-lunghi e , nella mia esperienza clinica, dopo almeno un anno.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6467 Risposte

18117 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Lale, io non parlerei di risolvere subito tale sintomatologia (che, come già detto dai colleghi in precedenza, è risolvibile assolutamente). Il problema è che, al posto dell'ansia (prendiamo solo essa come esempio, sapendo di comprendere attacchi di panico ed altro), bisogna sostituire essa con qualche cosa che, soprattutto emotivamente, manca. Se noi togliessimo solo il disturbo senza andare ad esaminarne le cause, esso si ripresenterebbe, magari sotto altra forma, dopo un po di tempo. Anzi, io credo che sia addirittura pericoloso, togliere un sintomo (che, oltre ad essere un campanello di allarme, è una modalità di gestione della propria sopravvivenza da parte del sistema) e lasciare un vuoto. Sarebbe come se noi riuscissimo a risolvere il problema della dipendenza ad un paziente dipendente (non faccia subito l'equivalenza dipendenza= sua ansia, il mio è solo un esempio) da sostanze o altro e poi lo lasciassimo andare senza esaminare attentamente come mai abbia avuto bisogno di tale sostanza. Quindi direi di riprendere la terapia cambiando collega, non perché non sia capace, ma in quanto, "bruciato" dalla precedente esperienza (a meno che, relazionalmente, non si sia trovato molto bene). Vada da un terapeuta esperto e vedrà che, con il tempo necessario, dovrebbe risolvere il suo problema.
Buona Fortuna,
dott. Massimo Bedetti,
Psicologo/Psicoterapeuta Costruttivista Postrazionalista-Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

672 Risposte

961 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Lale,
L'ansia e il disturbo di panico possono essere superati con il tempo. Noto, dalle sue parole, che ha già affrontato un percorso di psicoterapia. Il cambiamento dipende da noi, da quello che siamo disposti a scoprire di noi stessi e di quello che siamo disposti ad investire emotivamente in questo, la psicoterapia non è una medicina che "fa guarire", semmai aiuta e mette a disposizione degli strumenti per farlo, ma il passo spetta alla persona. Il training autogeno associato ai colloquio psicologici, come suggerisce la collega, potrebbe probabilmente giovarle per la gestione della quotidianità, ma le consiglio comunque sempre di associarlo ad un percorso psicologico.

Con i migliori auguri
Dott.ssa Martina Fabbrizzi
Firenze, Empoli

Dott.ssa Martina Fabbrizzi Psicologo a Empoli

44 Risposte

85 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Lale
il disturbo d'ansia e attacchi di panico sono due condizione di malessere che si possono assolutamente alleviare e superare. L'ansia e tutta la famiglia di sintomi ad essa correlati (tra cui gli attacchi di panico) rappresentano un campanello d'allarme da tenere sotto controllo qualora, superata la soglia di funzionalità, iniziano ad divenire aspetti invalidati per alcuni o molti ambiti della propria esistenza. Quando parlo di "soglia di funzionalità" mi riferisco al normale livello di attivazione che possiamo percepire ogni volta che ci troviamo in circostanze nuove o potenzialmente minacciose o pericolose o che ci mettono di fronte a delle sfide (es. sostenere un esame, un colloquio di lavoro, etc.). Percepire un certo livello di attivazione, dunque, è funzionale a farci mettere in atto tutta una serie di risorse finalizzate al superamento della situazione. Se però questo stato rimane attivo per troppo tempo oppure iniziamo a percepirlo in condizioni cosiddette "neutre" ecco che l'ansia e tutti i sintomi ad essi correlati iniziano a farci stare male.
In questo caso l'ansia diventa il campanello d'allarme che ci avvisa che qualcosa dentro di noi non sta funzionando.
Da quanto ho potuto leggere, hai già affrontato una psicoterapia, come consiglio altro ti proporrei di fare un percorso di training autogeno associato a dei colloqui psicologici. In molte occasioni far parlare il corpo e la mente risulta una modalità funzionale per ripristinare equilibrio e benessere.
Un caro saluto
Dott.ssa Raffaella Celi

Dott.ssa Raffaella Celi Psicologo a Milano

10 Risposte

17 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima Lale
Il disturbo di panico altro non è che un forte messaggio corporeo che ci comunica che c'e'un sovraccarico nel nostro sistema difensivo.In altre parole ci informa che dobbiamo assolutamente correre ai ripari.E' chiaro che il lavoro che deve affrontare
avrà bisogno di tempo.Il sintomo non sparisce subito,occorre lavorarci,capire e mettersi nell'ordine di idee che occorre affrontare dei cambiamenti nella propria vita.La saluto e le auguro di trovare dentro di se'la forza e la determinazione per guarire,perchè si guarisce!
Dott.Angeli Milena Padova

Dott.ssa Milena Angeli Psicologo a Padova

67 Risposte

36 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77250

Risposte