si è spento davvero

Inviata da Alessandra · 18 giu 2018 Terapia di coppia

Salve a tutti, sono una ragazza di 24 anni e sto con un uomo dì 37 da un anno. La nostra relazione é iniziata all'università in quanto lui desidera prendere una seconda laurea in medicina ( al momento è infermiere specializzato in una equipe). È stato tutto come una favola. Le canzoni cantante con la chitarra, le cene fuori, un viaggio, fare l'amore e sentirsi davvero in pace. Un dialogo perfetto, una complicità unica.
Questo per i primi 8 mesi..
nel corso della nostra storia, lo conosco e nonostante sembrasse un uomo felice di se, scopro il malessere di non sentirsi a posto studiando medicina in così tarda età (per cause maggiori che glielo hanno impedito in precedenza, familiari, personali.. e anche una velata scarsissima autostima) . Il tempo continua a passare e accadono cose in successione che lo destabilizzano totalmente. L'università che non va avanti, troppo lavoro in ospedale, la stanchezza generale, la macchina che si rompe innumerevoli volte, la mamma che spesso sta male, e una vita che sembra rispondere sempre meno a ciò che vuole, inizia a stare male e cambia.
Smettiamo di fare l'amore, smettiamo di vederci con frequenza.. smettiamo di fare tutto ciò che eravamo perché lui " non ci riesce". Non mi dice più ti amo, infelice, apatico, ammette di " non sentire nemmeno se stesso".
Sono 4 mesi che cerco di reggere la situazione. Vorrei averlo nella mia vita per sempre; ma ho paura che il suo malessere sia troppo grande da gestire per me.. Non mi sento più desiderata né amata ne niente.. non so se questo sia a causa della sua forse depressione?
Lui va a lavoro torna a casa e dorme.... esce due volte a settimana la sera al massimo. E noi ci vediamo se va bene 1 volta a settimana in cui io soffro questa distanza invisibile immensa. Non so cosa fare. Aspettare? Non aspettare? Sono innamorata di lui. Ma questo mi leva una quantità di energie immensa perché lui è terribilmente introverso, credo di essere l'unica a sapere di questo disagio. La famiglia è lontana e lui ama risolvere i suoi problemi da solo. Sono preoccupata per lui, ho paura che stando solo non riuscira ad uscirne ma ho paura di essere anche un peso perché lo ferisce che io stia male per lui. Non so cosa fare. So di non poterlo aiutare e so che, a differenza sua che ha già una vita, un lavoro fisso, una casa, una macchina, io ancora non ho niente, sono in ritardo con gli esami, devo darmi da fare perché ad oggi non sono ne carne né pesce.. ma non sono serena cosi e ho difficoltà a studiare e a stare bene.
È possibile che lui mi ami ancora?
È possibile che sia solo una fase?
Aspettare o accettare che è finita?
Lui non collabora... lascia la scelta a me.
Due settimane fa ha detto che il suo sentimento verso di me non era cambiato. Ieri ha detto che non è più sicuro di se e che si merita di stare male perché si è costruito tutto questo con le sue mani.
Sono confusa... lui non ha comunque tempo e testa per noi, ma data la sua età e la rabbia e la pena che prova per se, non vorrei lasciarmi trascinare in qualcosa che è troppo più grande di me considerato che ho avuto un periodo difficile negli ultimi 3 anni perché ho sofferto di attacchi di panico ed ansia a causa del pessimo dialogo con me stessa che è maturato relativamente di recente.
Ora sto bene, sono cresciuta molto.
Ma non so cosa fare perché lui potrebbe rimanere scottato dalla situazione per sempre e studiargli patologia accanto sarebbe forse anche piu deleterio.
Vorrei solo vederlo sorridere.
E tornare felici insieme.
potrebbe essere solo un momento, è una depressione questa? Continuare questa storia restando in disparte ha un senso?
Grazie per l'ascolto

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 GIU 2018

Buongiorno Alessandra,
comprendo il suo disagio di fronte all’involuzione di una storia che sembrava perfetta.
Il suo compagno probabilmente si è posto come obiettivo una seconda laurea, sottovalutando l’impegno e le energie che avrebbe comportato.
Lei può stargli accanto e incoraggiarlo, consigliare di chiedere un supporto psicologico in questa fase particolarmente critica, che rafforzi la sua autostima e gli permetta di affrontare con maggiore determinazione gli impegni quotidiani.
Tuttavia le consiglio di non lasciarsi travolgere, ma concentrarsi sulle sue progettualità portando a termini le finalità che si era posta.
Un caro saluto

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1360 Risposte

1237 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 GIU 2018

Cara Alessandra .
La sua analisi è molto giusta , ed è giusto che il suo compagno venga aiutato ..seguendo un percorso individuale ,che potrà in futuro ,a discrezione del terapeuta, includere anche lei per un percorso di coppia.
Aiutare questi pazienti è difficile per un familiare ,non vanifichi il suo benessere di ora , lo aiuti a trovare un terapeuta se lui le sta a cuore .
Sarà sicuramente utile per risolvere i suoi disagi e permettervi di continuare il vostro discorso di coppia .
Cordiali saluti
Dott.ssa Anna Maria Della Grotta
Roma

Anonimo-168174 Psicologo a Roma

37 Risposte

9 voti positivi

Fa terapia online

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 GIU 2018

Cara Alessandra, dalle sue parole arrivano tutta la preoccupazione e il dispiacere per come sta andando la sua relazione. Da quello che dice potrebbe essere che il suo compagno stia passando un periodo di forte stress, che potrebbe avere tratti di tipo depressivo anche se ovviamente il tutto andrebbe approfondito con un consulto. Capisco la difficoltà di stargli accanto nel modo "giusto" e si chiede anche quale possa essere: non gli faccia pressioni, e provi a dirgli apertamente come si sente e cosa prova. Dia legittimità ai vissuti del suo compagno che, per per quanto dolorosi, esistono per indicargli di fermarsi un attimo e prendersi cura di se stesso. Lui sembra confuso sui suoi sentimenti, ma credo che questo sia solo la conseguenza della sua crisi personale, e che le cose rientreranno nel momento in cui lui avrà raggiunto un maggiore equilibrio interiore. Provi a suggerirgli con delicatezza l'ipotesi di fare una psicoterapia: spesso parlare con una persona estranea e lavorare su di sè può essere maggiormente di aiuto rispetto al confrontarsi solo con le persone care.
Un auguri odi cuore per la sua vita e la sua relazione, Dott.ssa Daniela Cannistrà.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

265 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17400

psicologi

domande 25650

domande

Risposte 90400

Risposte