Si è fidanzato, crollo..

Inviata da Carmelo G · 5 set 2018 Terapia di coppia

2 Settembre 2018:

Salve. Be', non saprei da dove iniziare. Scrivo cosi a raffica senza badare a ciò che dirò e in quale ordine, non sono nella condizione mentale di poterlo fare. Sono in un oceano di lacrime, con un buco allo stomaco e una sensazione di vuoto totale.
Dunque, come potrete leggere dai miei precedenti consulti, ho sempre avuto questa fatica di superare la rottura della mia prima relazione e convivenza di 1 anno e mezzo.
Be', devo dire che ci stavo riuscendo, non so come però non lo pensavo più come prima nell'ultimo mese, sono stato sereno per tutto agosto. Qualche ora fa, ho rivisto il suo profilo e ho visto una sua foto con un nuovo ragazzo e tante belle parole. Non riesco ad esprimere cosa ho provato...il cuore mi è esploso, e le lacrime hanno iniziato a scendere sulle guance senza sosta, senza una minima espressione facciale.
Il fatto di vederlo con un'altra persona mi ha spezzato in due, e non so perché visto che non lo pensavo più da giorni..Non so se sono ancora innamorato, in questo momento però non sento niente.. solo dolore e basta. Come ha potuto cancellare così 2 anni di convivenza e portarsi a letto uno sconosciuto dopo alcuni mesi di noi? (Ha messo una foto di loro due nel nostro letto.) Come ha potuto? Dove sono le sue promesse ora? Mi aveva detto che non mi avrebbe mai lasciato solo. Eppure guardatemi ora, come sto? Voglio solo scrivergli questo, guardami adesso? vedi come sto messo?
Sto piangendo da ore, non ho più fame e non ho più voglia nemmeno di reagire. Ha tutto il diritto di rifarsi una vita per carità, ma niente potrà mai cancellare le ferite che mi ha provocato. Io non voglio più innamorarmi credetemi, non voglio più guardare un'altra persona negli occhi, nessuno mai potrà farmi riacquistare fiducia, magari sembro esagerato ma adesso mi sento davvero male e non so cosa fare.
Sono davvero così semplice da dimenticare? Valgo davvero cosi poco? Perché diamine sto cosi se non me ne fregava più nulla di lui?
Non voglio nemmeno pensare a dover andare a lavoro, dover continuare coi miei studi, mangiare, sorridere... non ne trovo veramente la forza, non provo più nulla, il mio cuore è in frantumi e l'unica cosa che mi fa andare avanti è la mia famiglia, loro non mi hanno mai abbandonato.
Spero solo che non mi passi per la testa di far qualche sciocchezza come faccio sempre, e spero anche di non dover più parlare dei miei sentimenti con qualcuno, perché è la cosa che mi imbarazza di più al mondo. Spero di non dovervi scrivere più, cari dottori, Vi mando un grande ringraziamento per il vostro ascolto.

4 Settembre 2018:
A distanza di 2 giorni, credo di aver finito le lacrime. Adesso ho un senso di apatia in generale, non riesco più a piangere nemmeno se mi sforzassi. Ho deciso di buttar tutto fuori in questi 2 giorni in cui non ho mangiato, dormito, o lavorato.
Come mi sento oggi? Non lo so nemmeno io in realtà.. Mi sento vuoto, senza emozioni, o forse si... provo tanta tanta rabbia. Vorrei semplicemente urlargli tantissime cose contro, so che sembrerà infantile, ma è ciò che sento..e provo tantissima invidia per il nuovo compagno, si, lo ammetto, provo gelosia. Mi girano domande continue per la testa: perché lui si e io no? perché non ha lottato per me? cosa ho che non va?
Non sto terribilmente male come l'altro ieri, lo ammetto, ma adesso è proprio una sensazione inspiegabile. C'è una sensazione di vuoto interiore che si alterna a mix di emozioni tipo: rabbia, tristezza, disperazione e rifiuto.
Perché tutti i ragazzi riescono a lasciarsi e a riprendersi dopo poco ed io no? Forse per la convivenza? Penso che il mio "legarmi" alla gente non sia sano per niente. Io mi lego troppo, a lui ho dato tanto e ho sacrificato tanto, cosa che mi ha giocato a sfavore direi. E' proprio per questo che ho il terrore del pensiero di legame con un'altra persona, ci vuole troppo sforzo, ci vuole troppo amore e cuore, ed è qualcosa che io adesso non ho con me. E' passato quasi un anno, io l'avevo quasi archiviato durante le mie giornate, adesso vedo che si fidanza e sembra ripartire dal punto iniziale, ne uscirò mai fuori? Ma soprattutto, vorrei sapere se questa è una fase transitoria e se la prossima sarà l'accettazione.
Chiedo perdono per lo sfogo, buona serata.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 SET 2018

Buongiorno,
è difficile dirle in questa sede se la sua reazione di apatia e tristezza possa essere transitoria e se necessiterebbe un approfondimento.
Se sente di stare soffrendo molto non esisti a richiedere un consulto di uno specialista per comprendere a fondo cosa le sta capitando.

Cordialmente,

Dr. Gianmaria Lunetta,

Psicologo Clinico a Torino

Dr. Gianmaria Lunetta Psicologo a Torino

249 Risposte

400 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 SET 2018

Gentile Always,

i modi in cui le persone reagiscono alle rotture di una relazione variano considerevolmente: alcuni possono viverla come un vero e proprio evento traumatico.
La sua reazione, almeno ad una prima lettura superficiale, sembrerebbe provocarle dei profondi stati di vuoto; forse anche un senso di abbandono e di solitudine profonda?
Le consiglio di iniziare un percorso terapeutico con uno psicoterapeuta (meglio se cognitivo-comportamentale) per comprendere i pensieri connessi a questo evento e apprendere delle strategie di gestione (delle proprie emozioni e comportamenti) più efficaci.

I miei migliori auguri,
Dott.ssa Giuly Bertoli

Dott.ssa Giuly Bertoli Psicologo a Viareggio

28 Risposte

30 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16850

psicologi

domande 23750

domande

Risposte 85750

Risposte