Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

separazione genitori e figlio

Inviata da carine il 22 feb 2018 Terapia familiare

Buongiorno

io e mio marito ci siamo separati a dicembre 2017 perché non andavamo più d'accordo e inoltre lui aveva altre storie.

il nostro rapporto era finito da tempo, ci stavamo trascinando.
Di questo epilogo del nostro rapporto io non soffro affatto, anzi mi sento finalmente serena

mi preoccupano invece i nostri bimbi

Abbiamo 2 figli di 8 e 9 anni
il più grande mi sembra non stia reagendo bene alla separazione

Anche se durante il giorno sembra sereno la sera non riesce a dormire, gli vengono attacchi di panico dicendo che non riesce a fare respiri profondi oppure mal di pancia e di stomaco.

questo tutte le sere e a quanto pare solamente quando sta con me

nonostante io provi a parlarci e a chiedergli come sta, a cercare di farlo aprire lui non si apre e così non posso aiutarlo

nei week end che passano con il padre, quando rientrano la domenica sera non mi dicono mai la verità su quello che fanno. Anzi sembra si mettano d'accordo tra di loro per dirmi la stessa bugia con gli stessi dettagli

Questo immagino dipenda dal fatto che il padre li porta fuori con una sua nuova " amica " che ha un figlio della loro età e molto probabilmente tendono a nascondermelo perché hanno paura che io mi arrabbi o che possa rimanerci male.

ad esempio una sera rientrato a casa lo vedo nascondere una felpa dietro la scrivania, quando gli chiedo spiegazioni scoppia a piangere dicendomi che lui non c'entra nulla.
Guardando la felpa mi accorgo che non è nostra ma molto probabilmente è del bambino dell'amica del mio ex marito

ho provato anche a parlare con il padre di queste cose, ma ovviamente lui sminuisce e nega tutto

io sono molto preoccupata, è sempre stato un bambino sereno e vorrei che tornasse ad esserlo presto

Non so bene come approcciarmi a lui per affrontare il problema, non so se essere dolce o ferma
Insomma non so come comportarmi

la ringrazio per un consiglio

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno,
il problema che segnala potrebbe riguardare una situazione nella quale alcuni figli si vengono a trovare con i genitori separati.

E' certamente un'ipotesi, dal momento che non ci sono informazioni dirette, ma potrebbe trattarsi del "Conflitto di Lealtà".

Si tratta di una situazione che si viene a creare spesso quando uno dei due genitori chiede al figlio di mentire all'altro.

Il figlio si trova in una situazione nella quale, qualsiasi cosa possa fare, ne esce comunque provato.

Infatti, se mente per compiacere il genitore che glielo chiede, avrà sensi di colpa nei confronti dell'altro. Se invece decide di non mentire, avrà i sensi di colpa per non aver fatto quello che il genitore gli chiedeva di fare.
In ogni caso, il ragazzo è spinto a schierarsi, suo malgrado, trovandosi costretto a dover violare il vincolo di lealtà con uno dei due genitori.

Non è detto che sia questa la causa, chiaramente, bisognerebbe fare degli incontri per capirlo, ma se lo fosse, quello che può fare è -da subito- allentare loro la pressione, non chiededo ai suoi figli di raccontare come sono andate le cose quando vanno dal padre.
Può chiedere se è andato tutto bene, in modo generico, ma sarebbe meglio astenersi dal chiedere dettagli o farsi raccontare episodi, a meno che non siano loro a volerle raccontare spontaneamente qualcosa.

L'altra cosa che potrebbe fare è chiedere al padre dei bambini di portare in valutazione i ragazzi (entrambi, altrimenti uno si sentirà il carico psicologico del problema familiare).

La richiesta al padre va fatta perché la valutazione psicologica sui minori non può essere eseguita se non con il consenso firmato di entrambi i genitori che esercitano la responsabilità genitoriale. Tale consenso va firmato di persona davanti allo psicologo.

Sarà anche una buona occasione per parlare con entrambi i genitori del comportamento, così che possa emergere la questione.

Cordiali saluti.
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino
Psicologa, CTP, Consulenze Genitoriali Ardea, Roma.

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Psicologo a Ardea

197 Risposte

240 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile signora,
avere dei figli in comune dovrebbe comportare, in una coppia in cui nascono conflitti, una buona motivazione a farsi aiutare in psicoterapia per valutare in tempo utile se tali conflitti sono risolvibili e il rapporto può essere sanato.
Purtroppo, quando ciò non viene fatto, vi saranno inevitabilmente delle conseguenze negative più o meno importanti prima direttamente sui figli e poi indirettamente anche sugli stessi genitori.
Siccome due genitori che si separano smettono di essere coniugi ma non dovrebbero smettere di essere genitori responsabili, nell'ottica della riduzione del danno, suggerisco di tornare a parlare col suo ex-marito dei problemi d'ansia del bambino più grande e della opportunità di un percorso terapeutico familiare, indipendentemente dalla separazione in atto, nell'interesse principale dei minori.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6571 Risposte

18390 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Anche in questo caso consiglierei una terapia familiare cosi che i bambini possano vivere al meglio e non solo loro.
Se non sapete a chi rivolgervi contattatemi. Io mi appoggio in studi a roma, bari e padova.
Dott.ssa Antonazzo Floriana Zora Psicologa e specializzanda in Psicoterapia sistemico familiare al 4' anno

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77850

Risposte