separazione e figli

Inviata da robbi · 22 mar 2012 Terapia familiare

ormai la separazione ci viene descritta come un normale evento, che, se gestito con intelligenza, può non essere drammatico. noi abbiamo 2 bimbe di 6 anni. La separazione comporterà un periodo di grande sofferenza sia per il coniuge che lascia che per il coniuge lasciato. Entrambi dovranno rifarsi una vita. Come potranno, allo stesso tempo, dare serenità ai loro figli ?? e questi, a loro volta, vedendo i loro genitori soffrire non cercheranno di aiutarli, trascurando magari se stessi??

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 23 MAR 2012

Gentile Roberto, sicuramente come dice lei la separazione tra lei e sua moglie lascerà ad entrambi una sofferenza e delle ferite che si chiuderanno con il tempo. La serenità ai vostri figli la darete con la vostra presenza attenta e la vostra vicinanza affettiva. Se vi accorgerete di essere a vostra volta bisognosi di aiuto, vi consiglio di rivolgervi ad uno psicoterapeuta per un supporto per poter superare questo momento di difficoltà.
Cordialmente
Dott.ssa Ada Ronzani, Psicologa Psicoterapeuta Bologna

Dott.ssa Ada Ronzani Psicologo a Bologna

10 Risposte

39 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 MAR 2012

La separazione è un momento difficile per i bambini in primis, ma la cosa importante è che l'amore per i figli non lo dividete quindi lavorate su questa risora e se potete fate un terapia psicologica, cordialmente Dott.ssa Eva Scardone

Dr.ssa Eva Scardone Psicologo a Marcianise

92 Risposte

33 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 MAR 2012

Gentile Roberto,
come sta avendo modo di vedere, vivendo il delicato processo della separazione, la rottura del legame coniugale rappresenta un evento fortemente destabilizzante per l’intero nucleo familiare ed in particolare per i minori coinvolti. In una fase di profondo cambiamento, quale è la separazione dei genitori, il bambino è spesso vittima di una importante trasformazione delle proprie abitudini quotidiane e delle modalità di relazione con i genitori; per tali motivi è possibile che attraversi un momento di confusione e di disordine emotivo dovuto alla diminuzione del senso di stabilità e di sicurezza che la separazione porta con sè.

Il ruolo dei figli, anche se piccoli, nelle separazioni è generalmente molto più attivo di quanto non si pensi, motivo per cui è bene che all’interno del sistema famiglia si faciliti la circolarità di una comunicazione chiara e sincera. E’ sempre preferibile spiegare al bambino, con un linguaggio consono alla sua età, ciò che sta succedendo tra i genitori, mettendo da parte colpe e responsabilità e chiarendo che le difficoltà riguardano il rapporto di coppia e non quello tra genitori e figlio; il bambino ha bisogno di sentirsi partecipe e non spettatore passivo, e va rassicurato circa la possibilità di mantenere rapporti continui e stabili con entrambi i genitori.

Le fornisco di seguito il link di un articolo che ho scritto qualche mese fa e che si propone di fornire ai genitori in via di separazione qualche informazione utile per meglio tutelare il benessere dei propri figli in un momento particolare di vita come quello che si trovano vivere:


Spero le possa tornare utile.

Le auguro di cuore di superare nel modo migliore possibile il momento di disagio personale e relazionale che sta vivendo. Rimango a sua disposizione per ogni eventuale necessità.

Dott.ssa Olga Ines Luppino
Psicologo - Esperta in Ps. Giuridica
Roma -. Napoli - Reggio Calabria

Dott.ssa Olga Ines Luppino Psicologo a Roma

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 MAR 2012

Gentile Roberto, le sue domande sono legittime e trovo che porsi certi interrogativi aiuti già a cercare di evitare alcune situazioni. Sicuramente ci sarà per tutti il dolore della perdita dell unità familiare, ma è importantissimo il modo in cui gestirete l evento separativo,, perchè i "figli della separazione" presentano problemi se sono "figli della guerra, delle recriminazioni", se vengono strumentalizzati e contesi. Altrimenti sopporteranno un primo periodo critico e poi accetteranno il nuovo assetto familiare. Un consiglio: fatevi aiutare da un percorso di mediazione....a restare vicini come genitori...altrimenti ci penseranno i figli...e saranno problemi, soprattutto per loro. Cordialità. dott. ssa Silvia Mastromattei Pescara

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 MAR 2012

grazie a tutti per le risposte ,e per aver notato l'uso della terza persona nella mia domanda .la separazione tra me e mia moglie non è ancora una cosa definitiva e il riferirsi in modo generico alle coppie svela le mie speranze in una riconciliazione.amo molto mia moglie anche ora che mi stà facendo impazzire dal dolore.sò che se voglio sopravvivere non devo farmi aspettative a lungo termine ma vivere cercando i lati positivi di ogni giornata.ma la disperazione e il panico mi assalgono in modo violento e imprevedibile.ho già chiesto un aiuto individuale al nostro psicologo di coppia ,ma mi ha detto che interferirebbe con la terapia di coppia ed è meglio aspettare il prossimo incontro fra una settimana. intanto io ho capito il significato profondo della parola depressione. roberto

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 MAR 2012

grazie a tutti per le risposte ,e per aver notato l'uso della terza persona ,nella mia domanda .infatti la separazione tra me e mia moglie non è ancora definitiva e probabilmente ,il riferirsi in modo generico alle coppie ,svela le mie speranze in una riconciliazione. amo molto mia moglie ,anche ora che mi stà facendo impazzire di dolore ,e sò che se voglio sopravvivere non devo darmi aspettative a lungo termine ma vivere alla giornata.ma gli attacchi di disperazione e panico arrivano in modo imprevedibile e mi rendono la vita impossibile. il nostro psicologo ,a cui ho già chiesto un aiuto individuale ,mi ha detto di aspettare il prossimo incontro di coppia fra una settimana per non interferire con il percorso. io intanto ho imparato il profondo significato della parola depressione.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 MAR 2012

Gentile Roberto,
La separazione è sempre un evento traumatico sia per chi lascia sia per chi viene lasciato. Immagino che ci sia stato un lungo periodo precedente nel quale è stato difficile rendersi conto che il rapporto non funzionava più, e penso che sia stato molto doloroso e difficile prendere questa decisione, tanto più che di mezzo ci sono due bambine piccole. Il mio suggerimento è di non nascondere nulla alle bambine; quello di qui i bambini hanno maggiormente bisogno è la sincerità e la coerenza, ed esistono parole che sono adeguate per far comprendere ai bambini quello che sta succedendo in famiglia; è fondamentale, nei limiti del possibile, essere d'accordo su cosa dire alle bambine e come comportarsi davanti a loro. Nonostante tutte le implicazioni e complicazioni che comporta una separazione credo sia importante tenere conto che siete due persone adulte che nonostante la chiusura del rapporto avranno sempre in comune la responsabilità nei confronti delle figlie. Se può essere utile le consiglio di intraprendere un percorso terapeutico individuale, anche se inizialmente sarebbe utile fare un percorso terapeutico di coppia per elaborare la separazione in funzione della futura educazione delle vostre figlie in modo da mettere chiari confini tra il vostro conflitto e l'amore verso le vostre bambine, affinchè possano crescere serene e consapevoli che la separazione dei genitori non è assolutamente una loro responsabilità e che mamma è papà continuano a volergli bene nello stesso modo di sempre. Le auguro che con la separazione saprà ricostruirsi una vita serena, e anche se una coppia si separa le persone non smettono mai di essere genitori amorevoli e presenti nella vita dei propri figli.

Studio Professionale Associato Psicolab Psicologo a Roma

4 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 MAR 2012

Gentile Roberto, una separazione è sempre causa di sofferenza sia per gli adulti che per i bambini perchè vengono comunque meno quelle sicurezze affettive che i vostri figli hanno conosciuto da quando sono venuti al mondo. Con la separazione cambierà anche il vostro ruolo adulto , infatti da coppia e coppia genitoriale dovrete diventare genitori separati. Non puoi evitare la sofferenza né vostra né quella dei tuoi figli, ma dovete dare a loro la possibilità di parlarne e di esprimere le loro emozioni positive e negative , sarete voi gli adulti che hanno il compito di aiutare i Vostri bambini a codificare quello che sentono e dare il nome a questa emozione. Vi consiglio, perché comunque dovete dare spazio anche alla vostra di sofferenza, di iniziare un percorso con uno psicologo per aiutarvi ad affrontare nel modo giusto sia per voi stessi che per i bambini questo momento delicato .
Cordialmente Dr. Romina Bove

Dott.ssa Bove Romina Psicoterapeuta Psicologo a Modena

5 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 MAR 2012

Buongiorno Roberto,
comprendo i dubbi e le preoccupazioni rispetto alla sofferenza che accompagna la separazione coniugale sia per la coppia che per i figli ma affrontarla con chiarezza e attenzione a questi ultimi permette di ritrovare in modo costruttivo nuovi equilibri.
I timori di abbandono dei figli e la paura di fronte a questi cambiamenti possono essere gestiti da due genitori che non strumentalizzano la separazione ma mostrano attenzione ai minori.
Nel caso vi trovaste in difficoltà, il mio consiglio è di farvi aiutare da un professionista che vi possa sostenere in questo delicato percorso.
Dott.ssa Barbara Testa

Dott.ssa Barbara Testa Psicologo a Como

104 Risposte

84 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2012

Gent.mo Roberto,
mi colpisce molto il distacco della sua domanda, ha infatti usato la prima persona solo per specificare la presenza di 2 figli, per il resto sembra parlare di altre persone che si separano, non della sua vita e della sua relazione che sta terminando.
Qual è l'aspetto della situazione che sta per affrontare che la preoccupa di più?
D.ssa Strippoli Valentina

D.ssa Valentina Strippoli Psicologo a Fano

47 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2012

Caro Roberto, nelle sue parole si legge tutto l amore che ha per suoi figli e questo sicuramente loro lo sentono e vi terra' uniti e legati nonostante la separazione.
Credo sia fondamentale distinguere i 2 piani ovvero il ruolo di coppia coniugale e quello di coppia genitoriale. Questi 2 piani non vanno confusi e se questo avviene e i figli continuano nonostante la separazione a percepire i genitori come coppia di genitori, che si rispetta, si confronta, si stima tutto e' più semplice.
Questo non e' facile mi rendo conto, ma ritengo possa essere opto utile per questo un supporto alla genitorialita' offerto da un professionista esperto e imparziale. In bocca al lupo e per qualsiasi cosa rimango a disposizione.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2012

Dare serenità dovrebbe essere un piacere, più che un compito, è possibile farlo se si intende lavorare sulla qualità del rapporto più che sulla quantità, mi riferisco a cosa accade quando si è con i figli. Garantiamo loro i bisogni primari. Quando scegliamo di stare con loro, è con loro e non con le nostre paure o sofferenze che ci dovremmo rapportare è una realtà nuova per la vostra famiglia ma se ben condotta, credo che sarà meno disfunzionale di tante altre in cui si litiga o si compiono brutture da mattino a sera. Separarsi è cambiare non sparire.
Dr Cristian Sardelli

Cristian Sardelli Psicologo a Firenze

119 Risposte

168 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2012

Gentile Roberto,
la normalità della separazione sta nel fatto che due persone che hanno trascorso un periodo, più o meno lungo, di vita insieme proponendosi dei progetti in comune, ad un certo punto possono rendersi conto di non trarre realmente soddisfazione da ciò che si era preventivato tempo prima.
I figli, almeno dalla mia esperienza professionale, cetamente ne risentiranno poiché si tratta di un evento tragico per loro: si viene a rompere quell'idea di famiglia che era stato un punto di riferimento fino a quel momento. Però ciò non vuol dire che non riusciranno a superare le difficoltà e a trovare soddisfazioni nella loro vita. E' qui che l'apporto genitoriale continua, naturalmente, ad essere importantissimo: assumendosi le responsabilità connesse al proprio ruolo e cercando, comunque, di essere dei punti di riferimento per i figli.
Ma d'altra parte, credo sia anche necessario chiedersi: continuare a stare insieme senza riuscire a stare bene che tipo di esperienza permette di vivere ai figli?

Dott. Lorenzo Sartini Psicologo a Bologna

30 Risposte

26 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2012

Salve Roberto, la sua preoccupazione per questo delicato momento della vostra vita e' piu che comprensibile. E' importante in questi fasi privilegiare la considerazione del fatto che siete comunque ancora una coppia genitoriale sebbene sul piano coniugale ci sia una rottura. I bambini hanno bisogno di sentire coerenza e congruenza sul piano delle decisioni e delle scelte nei loro confronti da parte di entrambi i genitori sebbene questi decidano di non stare piu' insieme. Per tale motivo, proprio in favore di una separazione che sia il piu possibile elaborati le sul piano emotivo vi consiglio di farvi aiutare da un terapeuta di coppia. Tale figura ha un suo ruolo non solo nella ricerca di soluzioni per una coppia che ancora vuole stare insieme, ma sempre piu spesso proprio nell'aiutare una separazione e il distacco tra due persone che pero' devono ancora e sempre riconoscersi nel loro ruolo genitoriale. Qualora non trovaste in questo senso un accordo fatevi aiutare da uno psicologo che si occupa di bambini in modo che sia lui a intervistare le dinamiche interne, le paure e i disagi dei vostri piccoli e vi aiuti poi a tenerne conto dandovi suggerimenti utili ad aiutarli. I bimbi certamente registrano gli eventi della vita in un modo personale ma questo non necessariamente deve essere traumatizzante se voi come genitori li aiutate a capire che una separazione e' un evento della vita e non perderanno il vostro amore. Simona Certo psicologo psicpterapeuta

Dr.ssa Simona Certo Psicologo a Cagliari

6 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2012

Buongiorno Roberto, devo dire che un pochino mi colpisce il modo impersonale e generalizzato con cui descrive la sua sitazione e conseguente preoccupazione. Se è vero che la separazione costituisce un trauma per tutti coloro che ne sono coinvolti è anche vero che dobbiamo attingere dalle nostre risorse più profonde, affinchè da una crisi possa nascere qualcosa di nuovo e di vitale. Le domande che mi suscita sono molte. Ad es. perchè quello che sembra essere il suo timore più grande è l fatto che le sue piccole possano farsi carico del dolore dei genitori? Se le è possibile le consiglio di farsi aiutare da un professionista che possa supportarla in questo momento della sua vita e trovare insieme a lei una modalità per affrontare al meglio un dialogo con le sue figlie. Cordialmente. Dott.ssa Sabina Orlandini

Dott.ssa Sabina Orlandini Psicologo a Torino

336 Risposte

197 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2012

I figli, quando i genitori si separano, temono fortremente di perderne l'affetto, soprattutto del genitore che se ne va. Anche il genitore ha le sue paure. L'importante è non generare nei bambini sensi di colpa, parlare con loro di ciò che sta accadendo senza tenerli all'oscuro.

Dott.ssa Giuseppina Barra Psicologo a Napoli

20 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2012

In un contesto di separazione è fondamentale aver ben distinto che è solo la coppia coniugae che si separa mentre la coppia genitoriale sarà unita e alleata per sempre....
è fondamentale saper comunicare e avere una volontà congiunta per i figli indipendentemente da scelte altre....Farsi aiutare diviene utile per affinare le capacità nello stabilire la buona alleanza...personamente ho seguito molti casi dove la separazione è stata gestita migliorando addirittura la comunicazione e la stima tra i genitori....i figli....loro accettano loro malgrado tanto più i genitori la vivono serenamente...certo è che non è una scelta loro....quindi la fatica è più che motivata e comprensibile
se gradisce potrei inviarle degli articoli da me scritti oppure consulti il mio sito.
cari saluti e confido di aver corrisposto il suo bisogno

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAR 2012

Gentile Roberto,
È vero che la separazione è un momento di crisi dove sia i coniugi che i figli si scompensano sul piano emotivo, ma se i genitori sono bravi a non trasferire i propri problemi di coppia ai figli non dovrebbe accadere il Role reverse da parte dei figli. Naturalmente occorre pensare al benessere dei figli come un diritto da tutelare a tutti i costi in fase di separazione, evitandone la strumentalizzazione tipica di molte coppie poco intelligenti.
È importante, quindi, dialogare con l'ex coniuge in modi costruttivo ricordando che anche se il loro matrimonio sia finito, il frutto della loro unione deve continuare ad essere preservato in comunione di intenti.
Spero di averla aiutata.
Mara Porcaro

Dott.ssa Mara Porcaro Psicologo a Salerno

18 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte