Sentirsi profondamente triste

Inviata da Martina · 11 mar 2019 Depressione

Ciao, mi chiamo Martina ed é la prima volta che scrivo in questo forum. Non so se questo mi possa aiutare, ma non so più cosa fare per colmare questa tristezza.
Finiti gli esami del primo semestre del 2 anno di Uni (durati circa due mesi), dovevo riprendere le lezioni ma mi é iniziata un ansia che continua a durare. Nel secondo semestre devo frequentare molti laboratori di chimica che io odio. Alle superiori infatti ho fatto chimica e mi capitava di avere una forte ansia quando ero in lab, mi tremavano le mani, mi sentivo osservata, incominciavo a sudare e sentivo un peso al petto. Questa cosa mi ha fatto molto soffrire alle superiori e il fatto di doverla rifare mi distrugge. Purtroppo credo che questo mio problema sia legato al mio carattere, alla mia timidezza e al fatto di avere poche amicizie.
Mia sorella é da poco partita per una breve vacanza in Spagna (13 giorni) ma non mi é mai mancata così tanto. In realtà quando stiamo insieme non facciamo granché, ma mi conforta la sua presenza in casa e allevia la mia solitudine. Mia mamma sono un pò di anni che soffre di depressione e prende degli psicofarmaci. Per questi credo, sia rallentata e non riesco a parlare con lei, anzi mi innervosisco sempre, perché non mi capisce e non capisce in generale. È troppo concentrata su se stessa e i suoi problemi.
La mia amica più stretta é bengalese ed era una mia compagnia di superiori. Anche lei ha i suoi problemi in famiglia e di soldi.. È sempre occupata e la cerco sempre e solo io. Lo so che sbaglio a cercarla sempre ma non ho a chi altro rivolgermi. Ho altre amicizie ma per lo più superficiali e di solito quando esco con loro viene anche mia sorella. Ora sono a casa da sola e mi sento veramente triste, così da due settimana e più. Vorrei qualcuno che stesse con me e mi confortasse.
Grazie per il vostro tempo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 12 MAR 2019

Gentile Martina,
in ogni percorso di studi ci sono materie e attività più gradite ed altre meno, ma il suo intenso disagio relativo alle lezioni di chimica mi sembra rimandi al più generale senso di insoddisfazione e solitudine che lei descrive nei passi successivi della sua lettera. Non è facile convivere con un genitore depresso e con la sorella come unica relazione significativa.
Le consiglierei di cercare un consultorio o un centro convenzionato (in caso non fosse economicamente indipendente) e di chiedere una consulenza con un professionista che possa aiutarla ad arginare le sue difficoltà e a valorizzare le sue risorse, certamente presenti, per riprendere le redini della sua vita. Molti auguri.

Dott.ssa Roberta Altieri Psicologo a Milano

146 Risposte

78 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17400

psicologi

domande 25650

domande

Risposte 90400

Risposte