Senso di irrealtà costante

Inviata da sunflower · 18 mar 2021

Salve, ho quasi 30 anni e per l’ennesima volta sono caduta nel circolo vizioso del panico più totale.
La mia storia con gli attacchi di panico dura da 10 anni ormai.. sono stata da psicologa e psichiatra, alternando medicine che ho buttato via sempre dopo un po’ che le assumevo perché non volevo sentirmi uno zombie. In 10 anni ho alternato anni di depressione e anni di benessere quasi totale. Ed ecco qui che dopo anni di benessere sono caduta ancora in questo loop. Sono 2 mesi che vivo costantemente von il senso di irrealtà. Anche adesso che sto scrivendo mi sembra di farlo per inerzia, in modo automatico ma senza che io sia davvero presente. Piango e vorrei letteralmente staccare la testa dal collo per non sentire più tutta la pesantezza e confusione e senso di impazzire.
Ho chiamato un’altra psicologa la scorsa settimana per riniziare un percorso nuovo dopo 5 anni dall’ultimo.
Ma mi sento apatica, senza forze, senza niente, senza la voglia di lottare ancora, Svuotata di tutto. Molte volte vorrei solo che tutto questo mi trapassasse completamente perché non ne posso più di essere sempre in lotta con qualcosa. Di essere tutto il giorno tutti i giorni in tensione per non farmi venire un attacco di panico.
Non vivo più, vorrei solo dormire, non vedere e parlare con nessuno.
E la mia domanda dunque è questa, la mia vita sarà sempre così?
Anni per cercare di superare questa situazione e poi di nuovo il baratro totale?
Non so più cosa fare e come.
Non mi sento presente, non mi sento lucida.
Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 MAR 2021

Carissima, non demorda.

Nella vita si tenta tante strade per trovare la propria. Non significa che siano tutte sbagliate o che l' aiuto ricevuto non l' abbia poartata da un' altra parte. La via corretta non esiste, c'è quella che va bene a noi.
Provi ancora ad insistere si appoggi come già faceva a doppia consulenza. parli ancora con il collega psichiatra, dica come sente su di se i farmaci. Le terapie possono essere aggiustate, migliorate cambiate. La stessa cosa con i colleghi psicologi.
Insista, si voglia bene. Non si abbatta.

I miei auguri
Maria Lucrezia Riso

Dott.ssa Maria Lucrezia Riso Psicologo a Padova

60 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27700

domande

Risposte 95500

Risposte