Sensi di colpa e confusione totale

Inviata da Enrico · 7 feb 2018 Terapia di coppia

Ho 47 anni e un figlio di 4 e mezzo che adoro. Purtroppo dopo 7 anni con la mia compagna abbiamo rotto. Le responsabilità sono ovviamente di entrambi. Abbiamo però conservato buoni rapporti ed ho conosciuto anche il suo nuovo compagno. Una brava persona, molto seria con due figli grandi. Abitiamo molto distanti e il bimbo è con lei. Mi manca da morire. Mi manca la quotidianità che sto perdendo. Purtroppo ci sono molte cose di cui non abbiamo parlato e di cui evito di accennare perché non voglio entrare in conflitto con lei, sia perché le voglio bene (e desidero il meglio per lei), sia per evitare eventuali problemi per vedere il bimbo con il quale sono costretto ad avere un minimo di rapporto quotidiano grazie ad internet e a sistemi come Whatsapp, Skype la webcam ecc. Ho una nuova compagna anche io con lei cose vanno molto bene. Penso però spesso alla mia ex e devo dire che a volte mi manca nonostante, ne sono certo, non tornerei con lei anche potendo. Tornerei a un rapporto logoro che non mi piace. Sono perseguitato dai sensi di colpa, avverto una fortissima sensazione di fallimento per la fine della mia famiglia, ho paura che mio figlio cresca male. Io vengo da una famiglia sfasciata in cui mio padre è "scomparso" letteralmente (senza farsi piu' vedere) fin da quando io avevo appena 9 anni, ed io ho subito conseguenze psicologiche per la mancanza della figura paterna. Ho paura che si affezioni al nuovo compagno della mia ex, ho paura di perdere molte "prime volte", ho paura di non farcela. Ho aperto una casella di posta elettronica a suo nome e la sto riempendo di messaggi scritti e di video in cui cerco di spiegargli cosa è successo, cosa provo per lui, ecc. Gliela farò vedere quando sarà grande. Magari lo avesse fatto mio padre. Per questioni economiche (sono un libero professionista e come molti ho grossi problemi col lavoro e debiti sostanziosi), non mi posso permettere di vedere mio figlio quando voglio, la mamma non mi fa nessunissimo problema. La mamma è extraeuropea e le differenze culturali si avvertono. Non siamo andati in tribunale. Tutta questa confusione non fa che stancarmi mentalmente, frustrarmi, appesantire la mia vita. Mi sento terribilmente in colpa e a volte ho paura di non farcela e di mollare tutto. Ho grosse crisi di pianto. Ho anche paura che tutto questo rovini la mia nuova relazione, purtroppo faccio dei paragoni. Che casino.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 7 FEB 2018

Caro Enrico,
ciò che il suo scritto senza dubbio mette in risalto, è il grande amore per suo figlio e l’impegno che quotidianamente investe per poter continuare ad essere una figura importante e centrale nella sua vita. Il buon rapporto che è riuscito a conservare con la sua ex compagna è sicuramente una risorsa per entrambi e soprattutto per vostro figlio, e ciò dovrebbe incentivarla a cercare di affrontare anche quelle tematiche che ritiene più rischiose, ma che tuttavia per lei sono importanti. Conseguentemente a ciò che ha raccontato, i suoi timori e le sue paure sono più che comprensibili, come lo è il senso di colpa a cui fa riferimento; ci sono degli elementi della sua vita che avrebbero bisogno di essere elaborati, in modo che lei possa ricavarne una consapevolezza che la arricchisca come individuo, e possa costruirsi dei nuovi strumenti e risorse. A tale scopo, ciò che mi sento di consigliarle, è di rivolgersi ad uno Psicoterapeuta della sua zona per potersi ristrutturare nel modo a lei più funzionale e affrontare le sue ansie, con il fine di poter preservare il suo benessere, quello di suo figlio e l’importante e bella nuova relazione che sta vivendo, tutti elementi fondamentali per la sua persona. Non abbia paura di cercare un aiuto ed un sostegno Enrico, cerchi di intervenire quanto prima e vedrà che potrà ricavarne notevole giovamento.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1124 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 FEB 2018

Caro Enrico, ha mai pensato di parlarne con qualcuno? Io sono una psicologa e specializzanda al 4' anno di sistemico familiare. Mi contatti, se vuole. Attendo.

Anonimo-169958 Psicologo a Bari

128 Risposte

66 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88250

Risposte