Sensazioni strane rispetto alla psicoterapia

Inviata da erika · 3 lug 2017 Psicoterapia

Salve gentili dottori, sono una ragazza di 21 anni e scrivo per cercare di iniziare a sciogliere un nodo piuttosto ingombrante e un qualsiasi suggerimento da Voi esperti.
Sto seguendo un percorso di psicoterapia da un anno e mezzo. E' cominciato per mia iniziativa, nel tentativo di tirarmi fuori da uno stato di grande tristezza e perenne sensazione di essere sbagliata, di non valere nulla e di non essere degna di stare al mondo, incapace di partecipare alla vita. Quel senso di sconforto profondo è rimasto in sordina a partire dai sedici anni, per poi uscire prepotentemente e violentemente alla fine del liceo, dopo la maturità, portandomi a desiderare intensamente la morte. Avevo rovinato e distrutto tutto: passioni, sogni, desideri, interessi, amicizie, piaceri, legami familiari. E' stato strano ma meraviglioso accorgersi di quanto mi fossi addestrata all'infelicità e poi scoprire che si può essere felici, che il benessere e la soddisfazione esistono. Oggi posso ritenermi soddisfatta ed entusiasta nell'affrontare la vita, fatiche e dolori compresi. Non credo sarebbe stato possibile senza l'aiuto della psicoterapeuta (psicanalista).
Tuttavia da qualche tempo non ho voglia di andare in seduta, non ho voglia di vedere la dott.ssa anche se lei è sempre stata eccellente nel suo lavoro con me e non mi ha mai dato modo di ricredermi sul percorso intrapreso. Lei è impeccabile, seria ed affidabile, competente, professionale, attenta, accogliente, empatica. Ha un notevole successo, è impegnata in tantissime attività e iniziative importanti.
Credo lei rappresenti l'idea di perfezione dalla quale sto cercando di allontanarmi. Uscire da quella stanza oggi mi fa soffrire, talvolta anche arrabbiare. E' un ottimo esempio per me ma credo che a questo punto mi condizioni troppo. Inoltre temo molto il suo giudizio, nonostante anche su questo punto è preparata. Faccio fatica a parlarle di me in totale libertà, apertura e sincerità, non riesco ad espormi e lasciar andare il pensiero in sua presenza. In questi giorni sono un po' confusa, sarà la stanchezza dopo la sessione d'esami all'università, ma ho dubbi e sensazioni sfumate non molto piacevoli sulle quali potrei ragionare con la dott.ssa. Nonostante ne sia consapevole scappo e rimando la seduta, aspettando di sentirmi magicamente meglio. Forse ci sono questioni che chiedono di essere affrontate e il rimandare l'appuntamento sarebbe un tentativo di evitarle. Ma non ho proprio voglia di parlarne con la dott.ssa ...Che succede?
Forse sarebbe la via consigliata ma al momento per me è impensabile parlare a lei di queste cose. Che si fa?
Grazie.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 LUG 2017

Salve Erika
Solitamente queste tematiche vanno riportate in seduta, in modo da poter comprendere cosa sta succedendo nella relazione con la terapeuta.
Provate insieme a ridefinire queste emozioni che sente, questo il mio consiglio
Resto a disposizione
Dottssa Fabrizia Tudisco

Dott.ssa Fabrizia Tudisco Psicologo a Napoli

502 Risposte

987 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 LUG 2017

Ciao Erika, parlare con il terapeuta di ciò che si sta sperimentando nella relazione molto spesso permette di far evolvere il percorso terapeutico, sia perché ciò che viene riferito è un importante feedback sul lavoro svolto, sia perché può essere un prezioso materiale su cui lavorare. In altre parole, ciò che tu stai vivendo in modo negativo, è in realtà un'occasione importante nell'acquisizione di consapevolezza delle dinamiche relazionali che un terapeuta preparato sa sfruttare al meglio senza giudicare.
Rispetto poi alle "questioni che chiedono di essere affrontate" di cui non hai voglia di parlare e per le quali stai mettendo in atto dei comportamenti di evitamento, mi viene spontaneo ipotizzare che una parte di te sia molto spaventata ora. A questa parte va data voce, va ascoltata e tranquillizzata all'interno di un contesto terapeutico sicuro, protettivo, tenendo conto che hai tutto il diritto di procedere con i tuoi tempi.
Buon lavoro!
Nadja Zulian

Dott.ssa Nadja Zulian Psicologo a Pramaggiore

2 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicoterapia

Vedere più psicologi specializzati in Psicoterapia

Altre domande su Psicoterapia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 34650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20600

psicologi

domande 34650

domande

Risposte 118350

Risposte