sensazione e paura di non amare più il mio ragazzo

Inviata da valll · 7 dic 2020

salve, mi chiamo valentina ho 19 anni , sto con il mio ragazzo da 9 mesi, con lui sto benissimo, sono certa di amarlo anche perché è ciò che ho sempre voluto. con questo intendo dire che per due anni ho provato di tutto per cercare di piacergli, poi ho avuto una relazione di quasi un anno, in cui pensavo lo stesso al mio attuale ragazzo, poi ci siamo ritrovati e dopo qualche mese ci siamo messi insieme.
è da un mese in cui sono in una fase critica, ho finito la scuola, non lavoro e in più sono anche chiusa in casa per il covid, sono ferma in tutti i sensi e da appunto un mese continuo ad avere pensieri di diverso genere, all’inizio il mio pensiero andava sul mio ex, ma senza nessun motivo, quando mi veniva in mente non avevo pensieri del tipo “mi manca” “vorrei stare con lui” “chissa adesso cosa sta facendo” no nulla di tutto questo, mi veniva in mente senza un preciso motivo e questa cosa mi faceva sentire molto in colpa nei confronti del mio ragazzo.
ora questo pensiero persiste, ma ne è suscitato anche un’altro ovvero la sensazione/paura di non amara più il mio ragazzo anche se so che non è per nulla cosi.
so di amare il mio ragazzo, anche perché senno non riuscirei a dimostrarglielo e invece riesco e lui conferma questa cosa, si vede che lo amo e glielo dimostro.
ma ho questo pensiero fisso che non riesco a togliermi dalla testa
non so veramente più cosa fare perché io so di voler star com lui, so di non voler nessun altro e sta cosa ki distrugge.
ne parlerò con la psicoterapeuta che mi segue
ma non vedendola da due settimane o poco più avevo bisogno di un po’ di conforto ecco
scusate il disturbo e grazie per la vostra disponibilità.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 8 DIC 2020

Buongiorno Valentina, innanzitutto ti confermo che parlarne con la tua psicoterapeuta ti aiuterà a stare meglio. Dare voce alle proprie paure, come scrivere qui ad esempio, è il primo passo per lavorarci e non le fa diventare più grandi di quello che sono. Credo che in questo momento particolare di maggiore inattività ci ritroviamo ad essere agganciati da pensieri differenti e che l'istinto ci porta a volercene sbarazzare al più presto, ma questo volercene sbarazzare a volte rende questi pensieri fissi ancora più presenti.

Ti dico una cosa, i pensieri sono solo pensieri e non sono mai nè assolutamente veri, nè assolutamente falsi ed è difficile controllarli. Se ci rifletti, è proprio quando teniamo così tanto a una cosa che per noi è importante che possono subentrare pensieri e timori di poterla perdere, e questo conferma proprio il valore che ha per noi. Se non ti importasse del tuo ragazzo questi pensieri non sarebbero fastidiosi per te, perchè non sarebbe un problema averli.

Ti ricordo che in questo momento così difficile per tutti, è importante provare a darti un'organizzazione della giornata, delle routine proprio per stare dentro delle attività che puoi scegliere di fare. Prova a parlare alla tua terapeuta di tutto quello che ti sta capitando e di questi pensieri fissi. Già parlarne e tirare fuori le emozioni che provi sarà il primo passo per migliorare la situazione.

Un caro saluto, Dr. Martino Miccoli

Dr. Martino Miccoli Psicologo a Reggio Emilia

9 Risposte

4 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 DIC 2020

Gentile Valentina,
la situazione attuale di restrizione per il covid e di stallo riguardo alle sue progettualità sicuramente ha fatto emergere una sua fragilità psicologica di base che si esprime con pensieri fissi e intrusivi che fanno pensare ad un lieve tratto ossessivo-compulsivo.
Fortunatamente lei è già in psicoterapia e potrà superare questo disagio con l'aiuto della sua terapeuta.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7297 Risposte

20609 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 DIC 2020

Buonasera, sicuramente la situazione che sta vivendo non è semplice e avere poche attività di distrazione e impegni, non aiuta; la mente inizia a vagare e spesso contatta cose che non crediamo neanche razionalmente. Quindi, forse può provare ad impegnarsi in qualche attività che la aiuti a tenersi lontana da questi pensieri ripetitivi che la fanno soffrire per poi discuterne in terapia con la sua psicoterapeuta .

Una buona serata
Dott.ssa De Paola

Dott.ssa Catia De Paola Psicologo a Roma

14 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27350

domande

Risposte 94350

Risposte