scelta tra terapia di coppia e pausa riflessione

Inviata da Giulio · 4 set 2012 Terapia di coppia

Buonasera,
premetto che mai dopo un anno di matrimonio avrei pensato di trovarmi nella situazione che Le descrivo.
Mi chiamo Giulio e spero che mi riesca a dare un prezioso suggerimento.
Provo a sintetizzarle quello che sta succedendo a mia moglie e di conseguenza a me. Siamo una giovane coppia (33 e 30 anni) sposata da poco più di un anno; il nostro è sempre stato un bellissimo rapporto improntato sulla fiducia, rispetto,complicità e forte coinvolgimento sessuale (tuttora presente); da 3-4 mesi, mia moglie laureata è insoddisfatta da ormai 3 anni in quanto non riesce a trovare un lavoro; durante un corso di formazione appena concluso, ha iniziato a provare dei sentimenti per un collega che stanno lesionando il nostro rapporto; dopo che mi sono accorto che ha tradito più volte la mia fiducia in quanto si è continuata a sentire con questa persona, nonostante le promesse fatte di metterla un po' alla volta da parte, le ho detto di voler troncare: a quel punto lei ha rischiato di farsi del male. Lei non vorrebbe mai che fosse successa questa cosa e sta male in quanto nonostante le violenze che sta facendo a se stessa e a me, non riesce a mettere da parte questa persona. Allo stesso tempi mi ripete che se aveva solo il dubbio che questa persona fosse migliore di me per la sua vita, già mi avrebbe lasciato. Io che sono innamoratissimo, sto cercando di starle accanto perchè ho capito quanto sta male; molte volte però ho pensato (e l'ha manifestato anche lei) che la soluzione migliore sia prenderci una forte pausa riflessiva sperando che, forte di quello che abbiamo costruito, riesca a ritrovare se stessa e l'amore verso di me. Allo stesso tempo però, ho paura che questa pausa possa essere per lei, che ha perso completamente la sua stabilità, lo spunto per iniziare una storia con l'altra persona in modo come dice lei "di rispondere a questo grande punto interrogativo". Dopo che si è confessata con un frate, mi ha chiesto se vogliamo provare una terapia di coppia;
Le chiedo se in questa forte situazione di infelicità, può aiutarci una terapia di coppia o è meglio prenderci una pausa riflessiva.
La ringrazio infinitamente.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 24 NOV 2014

Salve Giulio
le confermo che in questa situazione è sicuramente adeguato richiedere una consulenza di coppia per esplorare e dare un significato a quanto vi stia accadendo.

Questo ritengo possa essere un primo punto dal quale partire per andare poi, insieme allo psicoterapeuta, a definire gli obiettivi da raggiungere in un ipotetico percorso psicoterapeutico di coppia.

Vi saluto augurandovi una lieta risoluzione.

Dr.Povolo Riccardo (Cagliari - Oristano)

Dott. Riccardo Povolo Psicologo Psicoterapeuta Ipnologo Psicologo a Cagliari

6 Risposte

39 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 SET 2012

Buongiorno Giulio.
Credo che le "pause di riflessione" tra sè e sè, siano spesso come delle bolle di sapone: vagano, ognuna per se, in balia del vento, delle correnti, a volte si reincontrano e si fondono, a volte si sfiorano dinuovo e scoppiano. A volte si riuniscono e divengono una bolla piu spessa e più grande.
Tuttavia, credo che la possibilità di poter contare su un aiuto, una possibilità di confronto psicoterapeutica che vi metta a confronto per lavorare su di voi e sulla coppia è lo strumento in questo momento più fruttuoso ed utile per voi. Certamente le vicende che sono successe, l'incontro con quest'altra persona e quello che comporta, compresa la reazione di sua moglie, hanno un significato importante e va compreso.
Vi auguro buon percorso !
cordialmente

Dott.ssa Elisa Fagotto Psicologo a Portogruaro

334 Risposte

187 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 SET 2012

Gentile Giulio, mi dispiace molto per la sua situazione che, mi rendo conto, dopo solo un anno di matrimonio, è molto difficile da comprendere e da accettare. Credo che Lei si stia comportando nel modo più corretto possibile e credo che provare una buona terapia di coppia possa essere la soluzione migliore in questo momento. Quando tutto sarà più chiaro potrete prendere ulteriori decisioni.
In bocca al lupo
Dr.ssa Patrizia Garna

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 SET 2012

Egregio Signor Giulio,
la situazione è delicata e potrebbe avere risvolti seri sia dal punto di vista psicologico clinico sia anche psicologico legale. Ritengo, stando così le cose, sia meglio contattare uno specialista prima che la situazione precipiti.
Paolo Zucconi, psicoterapeuta e sessuologo comportamentale, psicologo giuridico a Udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1570 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 SET 2012

Gentile Giulio,
mi sembra che la vostra coppia stia attraversando un periodo di difficoltà legato al fatto che la progettualità familiare insita nel matrimonio è fortemente messa in discussione dall'instabilità che sua moglie sta vivendo sia sul piano lavorativo che personale. Credo che la terapia sia necessaria come risposta alla situazione difficile che state vivendo e in ogni caso è un'opportunità che la vostra coppia merita di avere prima di ipotizzare una conclusione del matrimonio. Capire come e dove la vostra coppia si è bloccata serve ad entrambi per gestire le emozioni che accompagnano questo momento e permettere o una nuova organizzazione della coppia oppure una migliore stabilità personale. Un grande in bocca al lupo. Saluti.

Dott.ssa Linda La Salvia Psicologo a Roma

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 SET 2012

Salve Giulio, non è un momento facile per lei. Io penso che una terapia di coppia amplifichi la possibilità di una riflessione, perchè la consulenza apre uno spazio di condivisione di vissuti, che potrà aiutare anche lei e non solo sua moglie a trovare una direzione, fare luce sul vostro momento storico, facilitandovi a trovare una nuova strada da percorrere. Insieme o forse separatamente. È un momento doloroso che può trasformarsi in occasione di crescita, come individui e come coppia.
Luisa Ghianda

Dott.ssa Luisa Ghianda - STUDIO LG LIVE GENTLY Psicologo a Desio

22 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 SET 2012

Gentile Giulio, mi trova in totale accordo con la maggior parte dei colleghi che le hanno già risposto, e che cioè è di molto preferibile una terapia di coppia alla pausa riflessiva.

In bocca al lupo!

Dott.ssa Angela Virone Psicologo a Agrigento

315 Risposte

217 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 SET 2012

Salve Giulio,
la pausa di riflessione è un allontanamento e un rimanere a contatto con se stessi e con i propri bisogni, dubbi, perplessità, necessità... occorre tanta consapevolezza e capacità emotiva per dare a questi bisogni, dubbi, ecc. un senso e quindi una risposta. La cosa che solitamente accade è che si facciano un po' di prove per vedere cosa succede dentro e fuori di sè, col rischio di aumentare il malessere (e i danni). La terapia di coppia invece è un percorso dove un esperto vi aiuta a comprendere quale messaggio si nasconde dietro quello che succede, cosa sta accadendo alla coppia che ha permesso l'ingresso di questa persona e come il percorso di ognuno di voi 2 come persone si inserisce e modifica il percorso di coppia. La terapia di coppia può permettervi di comprendere e scegliere in modo consapevole, ma anche di esprimere le vostre rabbie, le vostre paure, le vostre richieste reciproche.
Dr.ssa Alfonsina Pica, psicologa e psicoterapeuta

Dott.ssa Alfonsina Pica Psicologo a San Miniato

102 Risposte

84 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 SET 2012

Buon giorno Giulio, la sua domanda è molto chiara e precisa... Terapia di coppia o pausa di riflessione? Le rispondo con un' altra domanda, pausa di riflessione per chi? Perché cosa? Per fuggire? Personalmente e professionalmente non la ritengo una scelta idonea, non credo che vi porterebbe a nulla e poi nella prospettiva di un futuro insieme non credo sia la lontananza, ma il contatto, il dialogo e la vicinanza che vi possono portare ad un cammino insieme. Rispetto alla terapia di coppia, invece, la decisione e' da prendere in due... La domanda da porvi è... Credete ancora in voi? Nel vostro essere coppia? Avete ancora voglia di lottare per un obiettivo comune? Se le risposte sono affermative un terapeuta può sicuramente aiutarvi a trovare la via, la strada... Un caro saluto, dott.ssa Cecilia Cimetti, Verona

Dott.ssa Cecilia Cimetti Psicologo a Verona

131 Risposte

143 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 SET 2012

Gentile Giulio, dalle sue parole si percepisce grande sofferenza, sicuramente sta vivendo un periodo che le causa molto disagio. L'idea della terapia di coppia è sicuramente utile; in questo momento una pausa di riflessione potrebbe diventare un punto di non ritorno e lei non vuole questo. Forse grazie all'aiuto di uno psicologo riuscirete a chiarirvi e a ritrovare l'intesa e la fiducia che fino a non molto tempo fa caratterizzava la vostra coppia!
Vi faccio tanti auguri per poter recuperare il vostro rapporto.
Per qualsiasi informazione non esiti a contattarmi.
Dott.ssa Monica Pirola

Dott.ssa Monica Pirola Psicologo a Melegnano

6 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 SET 2012

Gentile Utente,
purtroppo i problemi di coppia possono presentarsi anche a poca distanza dal matrimonio, ma non per questo dovrebbero essere trascurati in attesa che si risolvano magari dopo una pausa di riflessione.
Rivolgersi ad un terapeuta di coppia, così come sua moglie ha proposto, sarebbe opportuno per chiarire ed affrontare tempestivamente ed in modo efficace, in un contesto protetto e non giudicante, le difficoltà che minano il vostro matrimonio e ritrovare un migliore benessere personale e di coppia.

Cordialmente

Dott.ssa Laura Rinella Psicologo a Roma

30 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 SET 2012

Buongiorno Giulio,
può aiutarvi a comprendere cosa sta capitando tra di voi. Una persona estranea guiderebbe verso una maggiore consapevolezza, poichè non è coinvolta in prima persona. Se entrambi siete d'accordo e motivati, al fine di ricostruire o modificare qualcosa che non sta funzionando, è un'ottima idea.
Cordiali saluti

Dott.ssa Roberta De Bellis Psicologo a Gallarate

231 Risposte

134 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 SET 2012

Sono senz'altro d'accordo per una consulenza in coppia, dopodichè sarà più facile scegliere una delle due opzioni : decidere per una pausa di riflessione col "fai da te" è troppo rischioso. Auguri.

Dott.ssa Carla Panno psicologa-psicoterapeuta di Milano

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

645 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 SET 2012

Gli anctichi dicevano che " l' Amore è la perfetta sintonia di due isterie in sincronia: perchè ci sia, bisogna essere in due ma basta che solo una decida di essere una voce fuori dal coro che l'Amore non ci sia più". Cosa sia più efficace nel quesito che poni? Io credo che la cosa più importante sia fare della chiarezza rispetto all'obiettivo che entrambi vi ponete. Se l'obiettivo è ricominciare e ricostruire un nuovo rapporto di fiducia, allora la terapia di coppia ha un senso e ragione d'essere. Ma se l'obiettivo di uno di voi è ricostruire mentre l'altra persona decide che sia più efficace una pausa allora la terapia di coppia potrebbe anche non essere efficace sotto questo profilo ma allo stesso modo può aiutarvi a chiarire la vostra posizione ea prendere delle decisioni in modo consapevole. A disposizione per ulteriori informazioni dr. Massaro Salvatore

Dott. Massaro Salvatore Psicologo a Rovereto

17 Risposte

12 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 SET 2012

Salve.
La situazione che descrive è molto pesante per entrambi, in quanto entrambi state affrontando un periodo di grande cambiamento e dolore.
Credo che in questi casi sarebbe davvero molto molto importante affrontare un percorso di coppia e, solo in seguito, se sarà necessario, potrebbero essere affrontati anche due singoli percorsi separati.
Una pausa di riflessione non credo affatto sia la soluzione più appropriata, salvo che in questa fase ciascuno affronti il proprio stato con uno psicologo in maniera individuale.Tuttavia, essendo stata sua moglie stessa a proporle un percorso di coppia, credo che questa sia, in questo momento, la soluzione migliore. Durante il matrimonio, si presentano spesso momenti di "crisi" e l'unico modo per affrontarli nel modo più opportuno è facendosi aiutare da un esperto.
Può rivolgersi tramite questa guida al professionista più vicino al suo domicilio.
In bocca al lupo.
Dott.ssa Marianna Vallone. Roma

Marianna Vallone Psicologo a Modena

108 Risposte

63 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 SET 2012

Buongiorno gentile utente,
la proposta fatta da sua moglie è senz'altro la strada migliore da percorrere! Nel vostro caso lasciarsi andare a una pausa di riflessione può essere un agito di fuga dalle responsabilità del vostro impegno matrimoniale. Accetti di buon grado di rivolgervi ad uno Psicologo Psicoterapeuta per una terapia di coppia dove potrete migliorare la vostra comunicazione e sviscerare le vostre paure e la tanta confusione riguardo il vostro rapporto.
Cordialmente
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2831 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte