Scelta della terapia

Inviata da Sara · 15 gen 2016 Ansia

Soffro da una decina d' anni di depressione/distimia con attacchi d'ansia ed un periodo di anoressia. Ormai il mio malessere m'impedisce di vivere: non ho relazioni sociali, non lavoro .... Non rispondo ai farmaci e sono stata seguita da diversi psicologi ma non è servito. Credo mi abbia permesso di comprendere alcune cose ed avrei voglia di riprendere in mano la mia vita ma non so come e non mi sblocco: ho l' autostima a terra, sono insicura, non so chi sono, ho paura di tutto, evito le persone e mi nascono perché ho paura di soffrire e perché mi vergogno di ciò che sono. Verso che tipo di approccio devo orientarmi? perché non riesco ad uscirne?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 15 GEN 2016

Buona sera Sara,
Mi pare di capire che la situazione stia prendendo il sopravvento su molti aspetti della sua vita, tuttavia questo non vuol dire che non vi sia via d'uscita ma anzi che la "risalita" sará piú soddisfacente.
Lei chiede quale approccio sia piú indicato ma in realtà ogni tipo di terapia si occupa di un pó tutte le problematiche con modalitá o metodi diversi. Quello che mi sento di consigliarle non é l'approccio che vada bene in assoluto ma, dopo essersi documentata sui diversi tipi di terapia, di scegliere quello che meglio si addice a lei. Solo cosí sará certa di fare una buona scelta.
Un saluto.

Dott.ssa Diletta De Toma
Psicologa - Roma

Dott.ssa Diletta De Toma Psicologo a Roma

2 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 GEN 2016

Buon giorno Sara, poichè Lei ha già esperienza di rappoprti psicoterapeutici posso essere diretto e un pò telegrafico: per i disturbi che Lei descrive ho ottenuto ottimi rislutati con la psicoterapia dinamica ( almeno due sedute a settimana, da due ore ) accoppiate a sedute di psicoterapia ipnotica.
Con i migliori saluti. Dr. Marco Tartari, Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

747 Risposte

453 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 GEN 2016

Cara Sara, buon giorno!

Comprendo molto bene il suo disagio, accolgo la sua richiesta d'aiuto invitandola a scegliere un terapeuta che l'accolga, l'ascolta, ed abbia tanta delicatezza nell'affrontare il suo disagio. A prescindere dall'orientamento ciò che conta è il sentirsi amati ed apprezzati e con la costanza nel percorso terapeutico, si riesce a fare un lavoro importante. Per qualsiasi domanda io sono disponibile.

Un caro abbraccio
Dr.ssa Agnese Lanatà
Psicologo clinico/Psicoterapeuta Bologna

Dr.ssa Agnese Lanatà Psicologo a Bologna

20 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 GEN 2016

Gentile Sara,
concordo con le osservazioni della collega Mostacci perchè se lei dice che è stata seguita da diversi psicologi vuol dire che ha più volte interrotto la terapia in corso e sarebbe interessante avere dettagli sulla durata di questi percorsi psicoterapeutici da lei fatti.
Nella mia esperienza clinica miglioramenti stabili nelle diverse psicopatologie li ho registrati, in genere, dopo "almeno" un anno (o anche più) di terapia continuativa (almeno 50 - 60 sedute a cadenza settimanale!).
In effetti intendo la psicoterapia come un percorso di accompagnamento e di crescita personale e, partendo da questa considerazione, la invito a riprendere il cammino interrotto preferendo nel suo caso un approccio cognitivo-comportamentale.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7297 Risposte

20612 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 GEN 2016

Cara Sara, dalla tua richiesta emerge una sofferenza psicologica che dura da anni e che hai provato ad affrontare in più modi. In alcuni momenti, possiamo sentirci insicuri, evitanti e con l’autostima a terra; avere consapevolezza di quello che stai vivendo è un primo passo per capire qualcosa di più della tua sofferenza. Penso che più che l’orientamento, sia importante per te trovare un terapeuta competente con cui stabilire una relazione di fiducia per iniziare a lavorare insieme.
Buona fortuna
Dott.ssa Laura Toscano
Psicologa a Torino

Dott.ssa Laura Toscano Psicologo a Torino

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 GEN 2016

Gentile Sara,
a volte è difficile liberarsi completamente dalla sofferenza emotiva , soprattutto se ha le sue radici in una depressione, i percorsi psicoterapici che lei ha seguito sicuramente le hanno permesso di mettere a fuoco e di capire molte delle sue problematiche e delle sue angosce, tuttavia sulla scorta del disagio da lei descritto, mancanza di autostima, insicurezza, depressione , difficoltà di natura relazionale e sociale, potrebbe essere indicata per lei una psicoterapia di gruppo.Attraverso il gruppo potrà affrontare in modo adeguato le sue sofferenze e ricostruire un'immagine di sé più adeguata rafforzando parallelamente anche la sua capacità di affrontare il mondo esterno.
Cordiali saluti
dott.ssa Alessandra Di Biase
psicologa e psicoterapeuta
Quadrivio di Campagna (Salerno)

Dott.ssa Alessandra Di Biase Psicologo a Quadrivio

8 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GEN 2016

Buon giorno Sara. Per la scelta del futuro terapeuta potrebbe essere utile che lei si ponesse alcune domande. 1) di che orientamento erano i miei precedenti terapeuti? 2) cosa non mi è piaciuto o non mi ha soddisfatto a livello di relazione con loro? 3) cosa mi ha fatto desistere dal portare avanti la terapia? Mi permetto inoltre di sottolineare che nel caso fosse ancora presente un disturbo alimentare sarebbe importante rivolgersi ad un ambulatorio in cui collaborino almeno la figura dello psicoterapeuta e del medico (nutrizionista per lo più ma non necessariamente). Se ci vorrà dare altre infomrazioni cercheremo di approfondire. C.P.

Ambulatorio Disturbi Comportamento Alimentare e del Peso Psicologo a Reggio Emilia

4 Risposte

1 voto positivo

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GEN 2016

Cara Sara, quando scrive non rispondo alle terapie farmacologiche e sono stata da diversi psicologici mi fa interrogare, non avendo informazioni in merito. Da quanti colleghi è stata seguita? Come mai ha abbandonato i diversi percorsi? Sa non esiste un approccio psicoterapeutico migliore di un altro, ma di certo il fattore comune di efficacia delle psicoterapie è la relazione. Il rapporto di fiducia è fondamentale per una buona prognosi della terapia. Inoltre, è fondamentale anche vincere le resistenze non aspettando che qualcosa dall'esterno ci cambi, quanto un lavoro di consapevolezza interna. Ad ogni modo, la invito a non scoraggiarsi e a contattare uno psicoterapeuta e, se necessario uno psichiatra, per una buona riuscita della sua situazione. Un caro saluto, dott.ssa Maria Giulia Mercuri -Ascoli Piceno e Grottammare

Dott.ssa Mercuri Maria Giulia Psicologo a Ascoli Piceno

20 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2016

Sara
in questa situazione in cui ti trovi tu hai bisogno di un aiuto specialistico che ti riconduca sulla via sana dell'autostima e del credere fermamente in te stessa e nelle tue possibilità.
A volte da soli non si riesce a ricondursi a benessere ed equilibrio emotivo.
Occorre accettare di essere aiutati.
Chiedere un aiuto non è affatto debolezza, come si pensa, ma anzi è forza!
Un saluto
Dott Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7209 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2016

Buongiorno Sara

un adagio anglosassone dice così:

"Signore dammi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare,
il coraggio di cambiare quelle che posso
e la saggezza di conoscerne la diffrenza".

Discernere ciò che si può cambiare da quello che non è possibile cambiare è una impresa molto difficile: nella Sua lettera Sara appare consapevole della necessità di chiedere aiuto, di trovare un sostegno per provare a fare qualcosa di diverso per sè e attuare un cambiamento per sè stessa.

E questo è molto importante; ci vuole coraggio però.

Ripartire anche dalle piccole cose quotidiane che ci piaccio e che ci interessano può un essere un nuovo modo di iniziare; provi a stilare una piccola lista di cose che desidererebbe fare ...e lo eppenda sul frigo quotidianamente
(un caffè con un'amica, un giro in bici, due passi all'aria aperta in un parco, leggere un libro dav a una tazza di thè..) e poi a fine giornata provi a verificare se è riuscita a fare qualcosa ...
Vedrà giorno dopo giorno riuscirà a fare qualcosa per sè, e a esserne soddisfatta.
Anche i piccoli traguardi - come questi- aiutano a rafforzare la propria autostima, sempre un passo alla volta, lo ricordi.

Si informi sulla pratica psicoterapeutica EMDR, una tecnica di psicoterapia particolarmente efficace nel trattamento e superamento di eventi stressanti e traumatici.
Gli ultimi studi dell'EMDR confermano l'efficacia di questo intervento in caso di depressione, ansia e problemi alimentari.

In bocca al lupo!

Dott.ssa Cristina Fumi
Psicologa Psicoterapeuta
Milano

Dott.ssa Cristina Fumi Psicologo a Milano

233 Risposte

234 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2016

Gentile Sara,
è molto importante ciò che scrive riguardo la consapevolezza che c'è qualcosa, lì nel profondo di se stessa, da cui parte questa sua protratta sofferenza, e forse è proprio quando ha iniziato ad intravedere questo qualcosa in lei che forse ha lasciato i percorsi psicologici che aveva iniziato. Dovrebbe ripartire proprio da queste sue consapevolezze e domandarsi se vuole stare meglio davvero, dopo di che può riprendere dall'ultima terapia e cercare di affrontare tutto quello che di più scomodo sembra essere emerso. Ci vuole pazienza, tollerare la frustrazione che a volte la terapia comporta, avere fiducia nella relazione terapeutica anche quando sembra virare nel senso contrario al nostro vantaggio secondario e andare avanti un passo alla volta.
Spero di averle dato degli spunti di riflessione
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2839 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2016

Buongiorno Sara,
mi sembra che il suo problema di depressione, ansia e anoressia possa essere affrontato con una psicoterapia ad indirizzo cognitivo-comportamentale che è la forma di trattamento con una efficacia comprovata da evidenze scientifiche.
Un saluto e nel caso mi contatti dovesse avere altre domande

dott.ssa Miolì Chiung
Studio di Psicologia Salem
Milano

Anonimo-125892 Psicologo a Milano

220 Risposte

919 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27350

domande

Risposte 94450

Risposte