Scarsa intelligenza? Che fare?

Inviata da Alfredo Alfieri · 28 dic 2016 Autorealizzazione e orientamiento personale

Vivo un inferno! Ho 48 anni e forse continuo a pagare lo scotto di un'infanzia e di un'adolescenza difficili. Sono nato in una famiglia con una bambina handicappata, mia sorella era più grande di me di 11 mesi ed eravamo gli unici componenti della prole della nostra famiglia. In primo luogo mia sorella aveva un forte ritardo mentale e passavo la maggior parte del tempo con lei, assumendo forse dei comportamenti non consoni a causa di questo contatto quasi continuo. In secondo luogo credo sia nata una competizione con lei, visto che i miei avevano ovviamente un comportamento preferenziale nei suoi confronti, quindi è possibile che mi sia sforzato di diventare un idiota per  farmi accettare da loro.
Sono stato sempre lo scemo della classe, anche della mia zona per tutta l'infanzia, la mia adolescenza e parte della giovinezza. Il militare fu l'esperienza più drammatica ne uscii proprio con le ossa rotte. Datosi che per rinvii scolastici ebbi la cartolina in ritardo, mi congedarono a 24 anni. Visto che ero a pezzi, che  avevo dunque  toccato il fondo, chiesi ai miei di portarmi subito da un terapeuta. Questi mi sottoposte al tranig autogeno, portandomi ad essere più attento, più incuriosito e più riflessivo.Feci passi da gigante, la vita e la settimana enigmistica diventarono la mia fucina. Ma ad un certo punto "il muro" i progressi si fermarono, portandomi ad essere solo una via di mezzo tra ciò che ero e ciò che sarei dovuto diventare per essere correttamente inserito nel contesto sociale. Il risultato? Una persona fragile con dei blocchi, nonostante in alcuni momenti in cui arrivi anche a formulare anche dei pensieri profondi.
Sono del resto un laureato, cominciai seriamente tardi con l'università, ma posso vantare di una votazione discreta.
Lavoro  anche se saltuariamente, visto che la mia branca quindi la mia laurea, la crisi e la zona in cui vivo non mi consentono di lavorare con continuità.
Leggo molto e mi cimento in molti giochi di logica e competitivi, quali rebus, indovinelli, enigmi,dama, scacchi, reversi, ottenendo dei buoni risultati.
Purtroppo, come ho sovraesposto la costanza intellettiva non c'è e nella vita pratica e quindi per la gente comune conta più delle vette alte, ci sono dei momenti in cui il mio cervello o si blocca o funziona male, e questo credo sia legato anche ad una componente emotiva quando sono in pubblico.
Il risultato è che in certi momenti sento mormorare da parte della gente la parola  "è scemo" e/o vi sono dei tentativi da parte della stessa di schernirmi. Questo mi turba enormemente, perché io capisco, sono vigile rispetto a ciò che accade ma non riesco né a cambiare, e ciò è ovvio alla mia età,  né a reagire nella maniera dovuta.
Ringrazio comunque i Dio per avermi fatto il donato un figlio splendido in tutti i sensi e per aver incontrato mia moglie sulla mia strada.
Ringrazio anticipatamente per eventuali risposte.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 29 DIC 2016

Buongiorno Alfredo,
dice di essersi sforzato di diventare un idiota per farsi accettare dai suoi genitori.
Non credo che il suo problema sia di "scarsa intelligenza", ma di non essere "visto".
In questo senso, quando la gente per strada mormora la fa soffrire, ma in qualche modo la fa anche sentire "visto".
Le suggerisco di riflettere sul suo bisogno di essere notato dagli Altri, anziché sulle sue capacità intellettive.
Credo che, quando Lei incontra qualcuno che riesce a "vederLa", lei possa concedersi di sbloccare tutte le energie che sono impegnate nel farsi notare.
Infatti, dice anche che il terapeuta che ha incontrato lo ha portato a essere più attento, incuriosito e riflessivo. Forse, a prescindere dalle tecniche specifiche che il terapeuta ha usato per aiutarla, Lei ha sentito che il suo bisogno di essere visto, ascoltato e compreso è stato soddisfatto.
Dal suo messaggio si percepisce che lei è una persona forte, non si svaluti troppo.
Saluti
Dott. Claudio Del Muratore
psicologo e psicoterapeuta a Pisa

Dott. Claudio Del Muratore, psicologo e psicoterapeuta Psicologo a Pisa

42 Risposte

130 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 DIC 2016

Gentile Alfredo,
sicuramente i problemi familiari e le imperfette interazioni educative dell'infanzia hanno condizionato negativamente lo sviluppo della sua personalità ma lei è da ammirare per la tenacia e la voglia di riscatto impiegata in seguito anche se probabilmente è residuata qualche lieve lacuna nella sua autostima.
Tuttavia non dovrebbe deprimersi e nemmeno ostinarsi nel dover dimostrare agli altri le sue capacità.
Lasci che gli altri pensino ciò che vogliono e che per lei parli l'evidenza dei fatti e delle cose positive che ha realizzato, inclusa la sua bella famiglia.
Se posso permettermi, le suggerirei ora soltanto di prendere in considerazione l'idea di un secondo step di psicoterapia per stabilizzare i buoni risultati già ottenuti e perfezionare il suo livello di autostima.
Cordiali saluti.
Dr Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7088 Risposte

20219 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamiento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamiento personale

Altre domande su Autorealizzazione e orientamiento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86900

Risposte