sarò io?

Inviata da Emilia. 4 nov 2017 · 6 Risposte · Terapia di coppia

Sono una donna di 39 anni.il mio problema è che non mi fido dell'amica del mio compagno di vita.stiamo insieme da 10 anni e lui ha sempre avuto la passione per la montagna, cosa che accomuna anche l'amica in questione. Il problema è che nei fine settimana lei è sempre in mezzo. Io per questioni di lavoro non riesco a stare con lui sempre. All'inizio era solo un giorno di montagna ora addirittura arrivano a stare fuori due giorni in giro chissà dove. Questa cosa mi fa uscire di testa! Crea malumori e parecchie discussioni. Possibile che questa gatta morta di 50 anni non si frena? Io l'ho già avvertita più volte di frenarsi ma non ho ottenuto niente. Ammetto di non credere nell'amicizia tra uomo e donna mentre mio marito (di 40 anni) si. Questa cosa mi fa stare male e non la vivo serena. Con lui ne ho parlato e mi ha sempre rassicurata ma io continuo a non fidarmi. Cosa fare? Sarò forse io ?
Grazie di cuore

6 Risposte

  • Miglior risposta

    Gentile Emilia,
    come lei stessa alla fine ammette, oltre a non fidarsi dell'amica del suo compagno lei non si fida neanche di lui!
    Questo rappresenta un problema dal momento che, di conseguenza secondo lei, suo marito lontano dalla sua vista potrebbe comportarsi in modo scorretto anche in altre situazioni sebbene non si può ignorare che è preferibile evitare le occasioni di possibili tentazioni.
    Penso che al di là della buona fede di suo marito, più che chiedere rassicurazioni sia necessario che lei gli chieda una diversa organizzazione del tempo libero da fruire preferibilmente insieme.
    Contemporaneamente lei dovrebbe rafforzare il suo livello di autostima in un percorso di psicoterapia individuale o anche di coppia.
    Cordiali saluti.
    Dr. Gennaro Fiore
    medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

    Pubblicato il 06 Novembre 2017

    Logo Dott. Gennaro Fiore

    4706 Risposte

    13528 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 12400 Psicologi a tua disposizione
    • 13450 Domande inviate
    • 62300 Risposte date
    • Gentile Emilia,

      capisco la sua preoccupazione. La fiducia è uno degli elementi fondanti un sano ed equilibrato rapporto di coppia. Lei giustamente si è confrontata con suo marito su questa questione e lui non ha fatto altro che tranquillizzarla forse perché molto probabilmente tra di loro non c’è altro che una semplice amicizia, in cui vi è solamente una condivisione delle stesse passioni. Il mio consiglio potrebbe essere quello di provare a trascorrere insieme a loro del tempo, per rasserenarsi sulla natura del loro rapporto e magari provare a conoscere maggiormente questa donna, in modo da chiarirsi del tutto le idee. Trovi anche dei momenti per poter trascorre tempo con il suo compagno piacevolmente così che possa sentire le attenzioni e i sentimenti che prova verso di lei, cosa che potrebbe ulteriormente rassicurarla. Se ciò non dovesse bastare le consiglierei di provare a parlare con uno specialista, sia con un colloquio individuale e magari di coppia, per capire i reali motivi che possono essere alla base della sua mancanza di fiducia e comprendere meglio la natura del rapporto di amicizia tra loro, a volte difficile da comprendere per chi non ne è coinvolto.

      Restiamo a sua disposizione,

      Saluti
      Dott.ssa De Luca Alice e Dott.ssa Brambilla Veronica esperta Centro Synesis

      Pubblicato il 24 Novembre 2017

      Logo Synesis Psicologia® Arcore

      24 Risposte

      2 Valutazioni positive

    • Gentile Emilia,
      La fiducia rappresenta l'elemento portante della coppia insieme alla capacità di comunicare in modo assertivo.
      Forse questa gelosia è disturbante nel rapporto di coppia e crea incrinature anziché riavvicinarvi nella relazione. Lei rimane ferma nella propria posizione e nulla cambia.
      Potrebbe esserle utile un percorso psicologico per sentire ed elaborare le emozioni negative, indagare le criticità sviluppando strategie per migliorare la relazione.
      Cari saluti
      Dott.ssa Donatella Costa

      Pubblicato il 06 Novembre 2017

      Logo Dott.ssa Donatella Costa

      1234 Risposte

      1094 Valutazioni positive

    • Gentile Emilia,
      è probabile che sua marito manifesti sentimenti di sola amicizia per questa donna, ma ciò non toglie che lei si senta gelosa o comunque trascurata.
      In maniera accogliente ed assertiva esprima i suoi sentimenti, ma soprattutto i suoi bisogni e la necessita di condivisione.
      Nel rapporto di coppia è necessaria fiducia reciproca ed una chiara comprensione delle reciproche aspettative.
      I miei migliori auguri
      Dott.ssa Vanda Braga

      Pubblicato il 06 Novembre 2017

      Logo Dott.ssa Braga Vanda

      778 Risposte

      533 Valutazioni positive

    • Cara Emilia, in un rapporto di coppia la fiducia è fondamentale. Se viene meno non si può far finta che tutto vada bene. Lei se ne è accorta ma suo marito no. Forse suo marito non ha capito la gravità della sua sofferenza cara Emilia e per questo il mio consiglio è di parlare con lui il più sinceramente possibile. Il problema non è forse solo la gelosia, ma anche la condivisione del tempo libero, il sentirsi trascurata. Una sana comunicazione è alla base di un sano rapporto e l' aggressività verbale non le può essere d'aiuto (mettere in guardia l'amica). Valuti la possibilità di un percorso di coppia o individuale, le sarebbe di sostegno e di aiuto nella situazione di difficoltà in cui si trova.
      Un cordiale saluto, dott.ssa Vangelio.

      Pubblicato il 06 Novembre 2017

      Logo Dott.ssa Vangelio Sarah

      34 Risposte

      25 Valutazioni positive

    • Cara Emilia,

      come lei afferma fra le righe la fiducia è un aspetto importante e quando inizia a vacillare a causa di situazioni poco chiare o dubbi che rimangono tali è lecito iniziare a farsi delle domande.
      I suoi tentativi comunicativi sembrano non essere andati a buon fine probabilmente perché il solo "aver messo in guardia" la sua amica ha lasciato scontati e troppo generalizzati diversi significati riguardo ad esempio l'amicizia uomo-donna.
      Le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta per approfondire la descrizione di come lei si sente a riguardo, quali sono le sue paure e per sviluppare delle strategie comunicative che possano aiutarla a chiarire i suoi dubbi.

      Cordiali Saluti - Dr Matteo Marangoni psicologo Portogruaro

      Pubblicato il 05 Novembre 2017

      Logo Dr Matteo Marangoni

      15 Risposte

      22 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande